TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

13 sindacati coinvolti nella controversia Tesla: "assolutamente unici"

13 sindacati coinvolti nella controversia Tesla: “assolutamente unici”

Otto sindacati LO, sindacato dei lavoratori portuali, ST e tre sindacati dei trasporti nei paesi nordici. Il mercato del lavoro svedese probabilmente non ha mai visto così tante misure compassionevoli nella stessa lotta.
– Ciò che vediamo ora è assolutamente unico, afferma il ricercatore sugli scioperi Christer Thornqvist.

Christer Thornqvist, ricercatore in scienze del lavoro presso l’Università di Skövde. Foto: Edith Beckman

La battaglia di IF Metall per raggiungere un contratto collettivo presso Tesla è iniziata sul serio venerdì 27 ottobre. Un minuto dopo la mezzanotte, i laboratori dell’azienda furono chiusi. Da allora le misure compassionevoli si sono susseguite.

50 giorni dopo l’inizio dello sciopero, 12 sindacati più l’IF Metall si sono uniti alla lotta. Compresi tre sindacati nordici dei lavoratori dei trasporti. Si tratta di un fenomeno quasi unico nella storia del moderno mercato del lavoro svedese, afferma il ricercatore Christer Thornqvist, docente di scienze del lavoro all’Università di Skövde.

– La lotta di Toys R Us degli anni ’90 è l’unica cosa che si avvicina. Ma se aggiungiamo i sindacati nordici, il conflitto sarà molto più ampio. Dice che Toys R Us sarà senza dubbio nel secondo livello.

Il sindacato svedese dei lavoratori dei trasporti è stato il primo ad adottare un’azione solidale quando ha annunciato il blocco di tutte le auto Tesla nei porti svedesi. Il sindacato indipendente di Hamnarbitarna ha seguito l’esempio, così come un certo numero di sindacati di LO. Il 10 novembre, la ST si è unita come primo sindacato dei dipendenti amministrativi quando, insieme a Seko, ha annunciato il blocco di tutti i rapporti postali di Tesla.

– Per poter intraprendere un’azione solidale, il sindacato deve avere qualche tipo di connessione con Tesla. Ma penso che questo potrebbe estendersi ulteriormente, anche alle associazioni TCO e Saco, dice Christer Thornqvist.

READ  La coppia porta i visitatori alla velocità della luce sulle piste della Svezia - Happyride.se

grandi conflitti che hanno colpito più persone, Sicuramente sono già scoppiato in passato. Christer Thornqvist sostiene che è proprio il numero delle misure compassionevoli a rendere più evidente l’attuale conflitto. Anche durante la Grande Lotta del 1980, una delle più grandi lotte mai viste in Svezia per il mercato del lavoro, parteciparono molti sindacati.

– Ma allora non era una questione di misure di simpatia. Ma poi tutti sono rimasti colpiti dalle procedure iniziali. Quindi quello che vediamo ora è completamente unico.

La settimana scorsa, il conflitto si è esteso oltre i confini nazionali, quando i lavoratori dei trasporti in Danimarca, Norvegia e Finlandia hanno annunciato un boicottaggio contro Tesla nei porti dei paesi.

Communal è l’ultima gilda a unirsi alla mischia. Giovedì hanno annunciato il divieto di gestire i rifiuti domestici in due officine Tesla.

Perché i sindacati combattono questa battaglia?

– Questa è una questione estremamente importante per i sindacati. Temono ovviamente l’effetto contagio, poiché se Tesla non firmasse un contratto collettivo, il contagio potrebbe diffondersi ad altre aziende. Per quanto riguarda i sindacati, semplicemente non potevano arrendersi. Christer Thornqvist dice che perderebbero in gran parte il lavoro se rinunciassero a questa lotta.

– Allo stesso modo, Tesla ha troppa paura per arrendersi. Essi, a loro volta, non vogliono che la resistenza si estenda ad altri paesi dell’Unione Europea.

Christer Thornqvist afferma che il fatto che il sindacato dei lavoratori portuali e dei trasporti sembri ora aver preso una decisione è un segno di quanto sia importante questa questione per il movimento sindacale.

– Solo pochi anni fa erano in forte conflitto tra loro su chi avrebbe dovuto applicare il contratto collettivo nei porti. Ma ora non hanno alcun problema a difendere lo stesso tipo di boicottaggio.

READ  Terminillo, Antonio Moreta, medico fratturato nazionale, morto: pioggia...

Nel corso del conflitto Le regole svedesi di conflitto sono cadute nella trappola. La Confederazione dell’industria svedese ha espresso il desiderio di riconsiderare il diritto di simpatizzare con gli scioperi. Molti intervenuti volevano che venissero rafforzati il ​​cosiddetto principio di proporzionalità, vale a dire che venissero aumentati i requisiti per poter adottare misure solidali.

– Da parte dei datori di lavoro e della destra politica a volte si sente dire che il sistema è troppo generoso in materia di conflitti e che è troppo facile ricorrere a misure compassionevoli. Ma d’altro canto il sistema è molto lento. I sindacati devono dare ampio preavviso per ampliare la portata del conflitto. “Non abbiamo le condizioni francesi che possono andare da zero a cento in un giorno”, dice Christer Thornqvist.