TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La forte tendenza ha portato a valori più alti: i gestori consigliano di investire nel settore verde

La forte tendenza ha portato a valori più alti: i gestori consigliano di investire nel settore verde

Tra poco meno di venticinque anni la Svezia sarà climaticamente neutra e la verità è che siamo sulla strada giusta, anche se si tratta di un cambiamento da non sottovalutare in quanto copre l’intera società. Ma cosa significa veramente? Non da ultimo, significa che è necessaria più elettricità. Per l’elettrificazione diretta in tutti i settori ma anche per poter riutilizzare le risorse e soddisfare la domanda di idrogeno.

Una società che gira in tondo

Non solo utilizzare le risorse, ma anche riutilizzarle, più e più volte, è alla base di un’economia circolare. Ma anche se il principio è semplice, la pratica è più difficile. Le batterie dei veicoli elettrici sono state discusse per molto tempo e oggi il 95% dei materiali può essere riciclato, prendiamo tessuti privi di sistemi per la loro raccolta e riciclaggio. Entro il 2025, i rifiuti tessili saranno raccolti separatamente in conformità con la nuova direttiva sui rifiuti dell’Unione europea e lo sviluppo di tecnologie sostenibili per produrre fibre tessili da prodotti avanzati della silvicoltura e dell’agricoltura sta avanzando rapidamente.

L’idea che le bucce d’uva possano ricomparire come tessuto nella tua nuova maglietta è eccitante, ma forse la più eccitante è l’idea di utilizzare l’anidride carbonica per creare prodotti finora basati sui combustibili fossili. Inoltre, è possibile utilizzare plastiche composte da anidride carbonica combinata con idrogeno. Il gruppo chimico Perstorp sta già lavorando con Fortum e una serie di altri attori su un progetto per convertire le materie prime realizzate, tra le altre cose, dall’anidride carbonica catturata e dall’elettrolisi. Riduce le emissioni di anidride carbonica di mezzo milione di tonnellate all’anno ed è un esempio di soluzione di economia circolare che in questo caso riduce anche l’impatto del clima.

READ  Kepler Chofro raccomanda ai proprietari di Clovern di accettare l'offerta di Corem

Perché indipendentemente dalle tecnologie di riciclaggio che possiamo sviluppare, ci sono alcune cose che non possiamo evitare: lo smistamento e la raccolta dei materiali utilizzati e la necessità di energia.

Il futuro combustibile senza fossili

Pensa a un combustibile fatto di acqua ed elettricità che emette acqua solo quando viene bruciato. È facile capire perché tutti parlano di idrogeno privo di fossili. Perstorp è un esempio di cambiamento nel settore, ma l’idrogeno rende possibile anche la produzione di acciaio fossile, la produzione di cemento senza fossili e combustibili senza fossili per il trasporto pesante. Per un paese come la Svezia, che produce elettricità senza combustibili fossili, questi settori sono responsabili di gran parte delle odierne emissioni di CO2. Successivamente, l’idrogeno sarà anche importante come stoccaggio ed equilibrio nel sistema energetico.

Allo stesso tempo, ciò porta a un aumento significativo del fabbisogno di elettricità poiché l’elettrolisi è un processo ad alta intensità energetica. La previsione che si può fare oggi è di aumentare la domanda di elettricità del 70% entro il 2045.

Sistemi energetici che soddisfano le esigenze della società?

Anche se l’elettricità non si esaurisce, una maggiore elettrificazione della comunità, combinata con le esigenze in rapida crescita della produzione di idrogeno, significa una maggiore domanda per il sistema di alimentazione. Il forte aumento del consumo di elettricità del 70% deve essere soddisfatto attraverso investimenti nella nuova produzione di energia nei prossimi decenni, nello stesso momento in cui le centrali elettriche esistenti devono essere rinnovate o forse addirittura sostituite nello stesso periodo di tempo. Le richieste di stabilità aumentano anche quando l’elettricità è ciò che guida la società.

READ  Insegue Lokomotiv Mosca e Rubin Kazan Anil Ahmedudzic

Allo stesso tempo, è possibile leggere quasi quotidianamente sul deficit di potenza, la mancanza di capacità nelle reti e le variazioni di prezzo derivanti da una produzione più dipendente dalle condizioni meteorologiche e dagli effetti di stabilizzazione che significano, tra le altre cose, che i consumatori nella Svezia meridionale deve pagare altri nove miliardi per l’elettricità pubblica. Quindi sì, le sfide non mancano, perché un sistema energetico ben funzionante è la forza che rende possibile l’idrogeno e guida tutti i processi che colleghiamo con l’economia circolare. Il cambiamento climatico si esprime semplicemente nell’elettricità.

Maggiori informazioni su fortum.se