TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fallimento dopo lo shock di bilancio in Italia

Fallimento dopo lo shock di bilancio in Italia

Giovedì è stato annunciato che il governo populista italiano ha accettato di fissare un obiettivo di deficit di bilancio nel 2019 al 2,4%. Questo annuncio può essere visto come una vittoria della coalizione di governo composta dal Movimento Cinque Stelle e dalla Lega xenofoba contro il ministro delle Finanze Giovanni Tria.

Tria, che è indipendente dal partito, voleva vedere un deficit di bilancio dell’1,6% nel tentativo di soddisfare la richiesta dell’UE che il paese riducesse il suo enorme debito nazionale.

Il deficit di bilancio rientra nel limite del deficit di bilancio europeo del 3%, ma suscita forti emozioni perché l’enorme debito pubblico italiano, pari a circa il 130% del PIL, supera di gran lunga le norme.

L’euro sta cadendo

– È un bilancio che va oltre le nostre regole comuni, afferma il commissario dell’Unione europea Pierre Moscovici alla radio francese.

Il mercato è crollato dopo questo annuncio. L’indice FTSE della Borsa di Milano è sceso del 3,7%, mentre è aumentato il rendimento dei titoli di stato italiani. Dopo questo annuncio anche l’euro si è deprezzato rispetto al dollaro.

Un settore che è stato duramente colpito dal quadro di bilancio del governo è quello delle banche italiane. Molti di loro sono stati automaticamente fermati alla Borsa di Milano dopo perdite significative, tra cui le azioni UniCredit, che sono scese del 7,9%, e le azioni Intesa, che hanno perso il 7,6%.

– Si può dire che lo spread italiano, ovvero la differenza complessiva dei tassi di interesse tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi, è aumentato notevolmente. Ciò potrebbe essere costoso per l’Italia, che potrebbe ottenere tassi di interesse più elevati se il Paese non riuscisse ad acquisire fiducia nella propria economia, afferma Knut Hallberg, esperto macro di Swedbank.

READ  Il ministro degli esteri Ann Lind parla del boicottaggio di H&M da parte della Cina.

Hallberg descrive la politica espansionistica del governo populista, basata su una combinazione di tagli fiscali e costosi investimenti sociali, come “giocare con il fuoco”.

Riduce la gravità della questione

Ciò che si può sperare è che i tagli fiscali vengano effettuati in modo da stimolare la crescita e, a lungo termine, generare maggiori entrate fiscali in futuro. Ma ciò presuppone che l’economia non subisca un declino.

Allo stesso tempo, ha minimizzato il panico che circonda la situazione.

– Non dobbiamo dimenticare che l’Italia è ancora in crescita. L’industria in Italia va bene. Il debito nazionale si è stabilizzato e il settore bancario sta andando meglio, anche se non è in buona forma.

Knut Hallberg interpreta positivamente l’appello del presidente Sergio Mattarella al ministro delle Finanze Tria affinché rimanga in carica nonostante la sconfitta.

– C’è ancora una certa sobrietà da parte del governo e di tutto l’establishment politico, che cerca di tenere a bada i peggiori casi di follia.

TT-Reuters

Fatto: governo italiano

Il governo italiano si è insediato nel giugno di quest’anno dopo mesi di incertezza politica e negoziati difficili. Il governo è formato da una coalizione tra il populista Movimento Cinque Stelle e la Lega xenofoba.

Il governo si distingue per la sua posizione critica nei confronti dell’Unione Europea, gli investimenti pianificati nel welfare sociale e la rigorosa politica di immigrazione.

Il Movimento Cinque Stelle (M5S) ha ottenuto il maggior numero di voti alle elezioni del marzo 2018. Il partito, fondato nel 2009, mette in discussione l’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea e chiede una politica di immigrazione più restrittiva.

La Lega era precedentemente chiamata Lega Nord ed è emersa nel nord Italia alla fine degli anni ’80.

READ  Blocca: rifiutiamo migliaia di annunci ogni giorno

Il partito vuole un’Italia federale con autonomia regionale a lungo termine, ma negli ultimi anni la questione federale si è attenuata. Il partito ora si definisce critico nei confronti dell’Unione Europea e anti-immigrazione.

Fonte: Istituto di politica estera