TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Veronika Stepanova posa con Putin – visto • Sci di fondo

Trondheim. Il Comitato Olimpico Internazionale ha aperto le sue porte per accogliere i pattinatori russi sotto una bandiera neutrale, a condizione che non mostrassero il loro sostegno al regime.

Veronika Stepanova si trova quindi davanti al calendario con il presidente Putin.

– E’ completamente fuori dalla mia portata… la mia visione dell’umanità e di ciò che si dovrebbe difendere, dice Leen Svehn.

Gli sciatori svedesi, la Federazione svedese di sci e la Federazione internazionale di sci (Fis) si sono dati da fare. Finché continua l’invasione dell’Ucraina, gli atleti russi e bielorussi non sono i benvenuti a partecipare.

Ma ora il Comitato Olimpico Internazionale si è ammorbidito e ha annunciato che potrà effettivamente partecipare ai Giochi Olimpici di questa estate a Parigi.

– Mi aspetto che la Fis prenda una decisione diversa rispetto a quella del CIO, quindi non ci resta che aspettare e vedere. “Ma questa non è una decisione che posso sostenere”, dice Lin Svan.

Vladimir Putin e Veronika Stepanova.

“Vinceremo sicuramente”

Per poter partecipare ai Giochi Olimpici, il CIO ritiene che non debbano aver sostenuto attivamente la guerra.

Poi la pattinatrice russa Veronika Stepanova, che faceva parte della staffetta che vinse l’oro olimpico a Pechino, ha scelto di condividere un post elogiando Jelena Valpi e Alexander Legkov come grandi leader cresciuti sotto il regime di Putin.

Il post si conclude con: “Abbiamo ragione, siamo più forti e vinceremo sicuramente!”

Nella foto, si trova di fronte a un’immagine del presidente russo.

READ  Mendes ha vinto due partite a Bagen

Vuoi chiamarle cose stupide

Ciò fa sì che i corridori svedesi reagiscano con forza.

– E’ davvero pazzo. È impensabile che facciano questo, dice Edvin Unger e continua:

– Quando si danno ancora la possibilità di essere ammessi di nuovo, mostra sostegno a chiunque controlli effettivamente la guerra. Allora mi sembra che proprio non dovrebbero essere lì.

È supportato da Jens Bormann, il quale aggiunge che è difficile sapere cosa si nasconde dietro il palo.

-Potresti chiamarli stupidi, ma probabilmente hanno dovuto pubblicarlo anche loro. Ma penso che tutta la faccenda sia molto stupida. Non penso nemmeno che dovrebbero essere autorizzati a competere. Sembra sbagliato.