TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studio vuole individuare i primi segni della malattia di Alzheimer

Uno studio vuole individuare i primi segni della malattia di Alzheimer

Lo studio REAL AD si rivolge a tutte le persone di età compresa tra 50 e 80 anni a cui non è stata diagnosticata la demenza e che possono recarsi in un centro di cura Närhälsan nel Västra Götaland. Chiunque soddisfi i criteri può partecipare indipendentemente dal centro sanitario in cui è elencato. Sono necessari almeno 3.000 partecipanti allo studio.

Dietro lo studio ci sono l’Università di Göteborg e la regione di Västra Götaland. Nello studio sono stati inclusi più di cento centri di cura all'interno della VGR Närhälsan, che quindi include sia Närhälsan Torslanda che Närhälsan Öckerö nella nostra area di intervento.

Sari Cirila è la direttrice del centro sanitario di Närhälsan Öckerö. Lei dà il benvenuto all'inizio della scuola adesso.

– Ora c'è davvero un'opportunità unica di contribuire a questa importante ricerca che ha il potenziale per migliorare la capacità di rilevare i primi segni della malattia di Alzheimer, afferma Torslanda-Okerotening.

La percezione viene testata nel portale

Nel portale di studio digitale, i partecipanti ricevono tutte le informazioni e le istruzioni chiare.

Innanzitutto, la cognizione, cioè la memoria e la capacità di pensiero, viene testata utilizzando strumenti digitali e individualmente per tre mesi. La raccomandazione è che ciò avvenga a casa in pace e tranquillità. Ai partecipanti viene quindi offerto di fornire un campione di sangue in uno dei 111 punti di prelievo.

I partecipanti possono completare i test di cognizione digitale in tre round aggiuntivi, dopo 18, 27 e 36 mesi, oltre a fornire un secondo campione di sangue dopo 18 mesi.

A Närhälsan Öckerö non è stato necessario fare grandi preparativi prima dell'inizio delle lezioni.

READ  Un cambiamento importante può aumentare il rischio di demenza

-Abbiamo materiale informativo sullo studio qui nella nostra sala d'attesa. Anche i residenti non elencati nel nostro elenco a Närhälsan sono invitati a partecipare allo studio. Sari Cirila dice che i prelievi iniziano solo dopo l'estate, e poi puoi venire qui a prelevare un campione di sangue.

È necessaria una diagnosi precedente

Lo scopo dello studio è consentire una diagnosi precoce, a partire da test cognitivi digitali e marcatori ematici. Se il kit di strumenti riuscirà a individuare i primi segni della malattia nella popolazione generale, la speranza è che venga utilizzato in futuro nelle cure primarie per seguire gli individui nel tempo, identificando la malattia di Alzheimer con maggiore certezza e molto prima rispetto al caso. . Questo è spesso il caso oggi.

– È accettabile fare la diagnosi precoce, tenendo anche conto che ci sono nuovi farmaci che ci aspettano. La maggior parte delle diagnosi viene effettuata nell'ambito delle cure primarie, pertanto la diagnosi in tale ambito deve essere migliorata e sono necessarie conoscenze se vogliamo effettuare lo screening della malattia di Alzheimer nella popolazione generale. A breve termine la società non avrà le risorse per aprire molte nuove cliniche della memoria e cliniche specializzate, afferma in un comunicato stampa Michael Scholl, professore all'Università di Göteborg e capo del gruppo di ricerca dello studio.

Lo studio ha bisogno di 3.000 partecipanti ma ha una capacità di 10.000.

– È molto importante che lo studio venga svolto e che il momento sia quello giusto. “Siamo più vicini che mai a un'opzione terapeutica per la malattia di Alzheimer, ma forse non siamo abbastanza preparati”, afferma Michael Scholl.

Di fronte a una grande sfida

Poiché REAL AD è uno studio di ricerca che utilizza nuovi metodi sperimentali, ai ricercatori non è consentito condividere informazioni individuali con i partecipanti. Come partecipante, non ricevi punteggi per le tue capacità cognitive o alcuna diagnosi. Non viene inoltre corrisposto alcun compenso.

READ  Cantare come medicina e rompere lo stallo sociale

– Ciò che offriamo è un impegno nella comunità in cui forniremo consulenza e riferiremo molto attivamente sui successi nella ricerca sull'Alzheimer, cosa che sappiamo che molte persone chiedono.

– Partecipando allo studio, aiuterai anche il settore sanitario a prepararsi ad affrontare una sfida enorme, afferma Michael Scholl.

Finora Sari Cirila non ha idea di come sarà la registrazione per partecipare allo studio.

“È appena iniziato, ma speriamo che la gente si iscriva qui”, dice.