TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una buona attività del colesterolo predice una migliore malattia cardiovascolare |

L’aterosclerosi (aterosclerosi) è un’infiammazione cronica delle placche nei vasi sanguigni che nel tempo può portare a malattie cardiovascolari ed è la causa di morte più comune al mondo. L’infiammazione non è avvertita ma può causare danni significativi ai vasi ed è importante identificare le persone a rischio il prima possibile per invertire lo sviluppo.

Proteina multifunzionale

Le lipoproteine ​​HDL rimuovono il colesterolo in eccesso dai tessuti del corpo nel fegato. Oggi, il valore HDL (per il colesterolo nel sangue) viene utilizzato per prevedere il rischio di un individuo di sviluppare malattie cardiovascolari. L’HDL è solitamente chiamato il colesterolo buono, ma le particelle HDL hanno molte funzioni importanti, tra cui le proprietà antinfiammatorie che possono prevenire l’aterosclerosi.

Ora i ricercatori al Karolinska Institutet e Università di Groningen Nei Paesi Bassi, per la prima volta, è stata studiata l’attività antinfiammatoria delle particelle HDL in grado di prevedere i rischi futuri di infarto e altri eventi cardiovascolari. Come base, i ricercatori hanno utilizzato campioni di sangue dei partecipanti allo studio Prevind a Groningen. Prevenzione delle malattie vascolari e renali allo stadio terminale.

Su un totale di 8.592 partecipanti, è stato prelevato un campione di 369 persone che erano in buona salute quando è iniziato lo studio, ma che avevano malattie cardiovascolari al follow-up dopo 10,5 anni. Questi sono stati abbinati in base all’età, al sesso, alle abitudini di fumo e ai livelli di colesterolo HDL con individui sani della stessa base.

Migliorare la valutazione del rischio

Nonostante i livelli di colesterolo abbinati, i partecipanti affetti da diversi eventi cardiovascolari avevano un’attività antinfiammatoria significativamente inferiore nelle loro particelle HDL. Quando questo valore è stato aggiunto ad altri parametri, i risultati del modello di Framingham accettato sono stati migliorati per prevedere il rischio cardiovascolare.

READ  L'ambiente del tumore può influenzare la prognosi del cancro al seno

L’analisi secondo il modello Framingham è diventata più accurata quando il valore del colesterolo HDL è stato completamente sostituito con il valore HDL anti-infiammatorio.

I nostri risultati indicano nuove possibilità per migliorare la valutazione del rischio cardiovascolare sostituendo il biomarcatore del colesterolo con un’altra importante funzione biologica. Al momento, tuttavia, il metodo per analizzare l’attività antinfiammatoria per le HDL è molto complesso e macchinoso. Pertanto, il nostro prossimo obiettivo è rendere il metodo più semplice e clinicamente accessibile, afferma Uwe Tietge, professore nel dipartimento di medicina di laboratorio, Karolinska Institutet e coautore dello studio.

Materiale scientifico:

Capacità antinfiammatoria HDL e incidenti cardiovascolari, (Congzhuo Jia, Josephine LC Anderson, Eke G. Gruppen, Yu Lei, Stephan JL Bakker, Robin PF Dullaart, Uwe JF Tietge). Trading, online il 12 aprile 2021

Contatto:

Uwe Tietge, Professore, Dipartimento di Medicina di Laboratorio, Karolinska Institutet, [email protected]

margine:

Lo studio è stato finanziato da Organizzazione olandese per la ricerca scientifica La Fondazione Cuore e Polmone. Uwe Tietge ha un incarico retribuito ad Astra Zeneca senza contattare questo studio. Per inciso, non sono stati segnalati conflitti di interesse.