TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stampo documenti su frodi di ricerca

Sfortunatamente, le frodi si verificano in tutte le ricerche, ma spesso si verificano nella ricerca medica e in altre scienze della vita. Il caso Macchiarini è arrivato qualche anno fa ad infastidire non solo la professione ma anche il grande pubblico. Una delle tante indagini che seguirono riguardava la gestione della parte clinica di questo lavoro da parte del Karolinska University Hospital guidata da Kjell Asplund. È stato giudicato particolarmente adatto al compito grazie alla sua vasta esperienza in sanità, ricerca, autorità centrali e numerosi incarichi investigativi intensi.

Asplund ha ora scritto un libro fantastico e ricco di fatti intitolato “The Cheaters”. La definizione accettata di cattiva condotta scientifica, il termine ufficiale nel campo, si basa sulla triade “fabbricazione, falsificazione o plagio”. Tuttavia, Asplund adotta un approccio più ampio a tutti i tipi di deviazioni inaccettabili dalle buone pratiche di ricerca, che sceglie di riassumere sotto il termine “barare”.

Il libro si basa su una serie di casi noti, da Tolomeo, Freud e Mendeliano ai recenti casi di ricerca Covid-19. Alcuni casi particolarmente notevoli, come gli psicologi Eysenck e Stapel, i ricercatori di cellule staminali Obokata e Woo-Suk, il ricercatore di vaccini Wakefield e il chirurgo Macchiarini, sono descritti in dettaglio, mentre altri casi, anche dalla Svezia, sono usati principalmente come illustrazioni di varie forme di ricerca di frode.

La storia si basa su una metafora inventata dalla psicologa Jennifer Kish-Giffart, che spiega il fenomeno dell’imbroglio con l’immagine “mele marce, imballaggi scadenti e barili fermentati” come varie spiegazioni del motivo per cui l’inganno è avvenuto nella ricerca. Pertanto, di solito riguarda le persone con tratti di personalità speciali che lavorano in ambienti di ricerca privi di un ambiente etico e in un sistema privo di regolamentazione e leadership. Inoltre, c’è anche l’osservazione che ha molto a che fare con gli imbroglioni maschi.

READ  Nuovo studio: l'ibuprofene non aggrava i sintomi della malattia di Covid-19

Asplund è particolarmente interessato alle aree grigie dell’inganno, poiché possono trovare espressione nella scrittura di onori, diffondere pregiudizi, diari predatori e conferenze e altro ancora. Inoltre, il concetto di verità è discusso postmoderno, poiché si dice che la verità è molteplice e negoziabile. Particolare enfasi è posta sulla manipolazione delle immagini, che sembra essere una forma di frode particolarmente comune.

Uno dei capitoli ruota attorno a diversi metodi di rilevamento delle frodi nella ricerca, con esempi di noti informatori, incluso il Karolinska Institutet. In questa storia, Asplund fa riferimento alle difficoltà che spesso gli informatori devono affrontare a causa della mancanza di leadership accademica.

L’autore scrive in modo fluido e interessante, rendendo il libro quasi una foglia. Fornisce un resoconto realistico del problema ma non esita a commentare costantemente varie forme di inganno sulla base di esperienze personali, rendendo la lettura piacevole e affascinante. È difficile immaginare una guida migliore in quest’area di quella di Kjell Asplund.

L’autore spiega che l’inganno non è un’eccezione unica, ma un fenomeno che può essere riscontrato in molti, e forse nella maggior parte, contesti accademici. I sondaggi su ricercatori e dottorandi, anche loro svedesi, mostrano che un’ampia percentuale di intervistati stessi ha assistito o eseguito una qualche forma di frode nella ricerca. Questo rende il libro particolarmente adatto a chiunque lavori nel campo della ricerca medica o di altro tipo. Può essere caldamente raccomandato ai ricercatori a tutti i livelli e dovrebbe essere una letteratura obbligatoria in tutti i corsi post-laurea in etica della ricerca.

Lakartidningen.se