TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un test rapido può fornire risposte sull’ADHD –

Un test rapido può fornire risposte sull’ADHD –

A sempre più bambini viene diagnosticata l’ADHD. Secondo i ricercatori, ciò può essere spiegato con l’aumento delle conoscenze, il cambiamento dei criteri diagnostici e la riduzione dello stigma.

I bambini con ADHD sono un gruppo molto eterogeneo che può avere gravi conseguenze se non ricevono sforzi di sostegno adeguati. Beck Gustafsson, medico primario di psichiatria infantile e dell’adolescenza e professore associato presso l’Università di Lund, afferma che spesso è necessaria una diagnosi solida per garantire che il paziente riceva il giusto trattamento e aiuto, anche a scuola.

Incertezza nella valutazione del disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Attualmente la diagnosi viene effettuata principalmente attraverso interviste e osservazioni, che possono contribuire all’incertezza nella valutazione. A volte possono essere utilizzati anche alcuni test neuropsicologici, ma non sono sufficientemente accurati.

Secondo i ricercatori sono necessari strumenti diagnostici migliori. Un nuovo test per l’ADHD è stato ora studiato in uno studio condotto presso l’Università di Lund.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che l’ADHD può essere collegato a cambiamenti strutturali nel cervelletto, con alcune aree più piccole nell’ADHD. Poiché il cervelletto svolge un ruolo importante nell’abilità motoria e nel timing, abbiamo voluto utilizzare un test correlato a questa funzione, afferma Anders Rasmussen, professore associato di neurofisiologia all’Università di Lund.

Un test che misura i movimenti delle dita

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato il cosiddetto finger tapping. È un test che misura la capacità di una persona di eseguire movimenti rapidi e regolari con una o più dita. Tipicamente, il metodo viene utilizzato per valutare il controllo motorio, la coordinazione e l’accuratezza temporale.

Il test, sviluppato da Guy Maddison presso l’Università di Umeå, prevede che un bambino prema un sensore, ad esempio una tastiera, a tempo con un suono ripetuto. Quando il suono si ferma, il bambino dovrebbe continuare a premere con le dita come prima e allo stesso ritmo, spiega Anders Rasmussen.

READ  I ricercatori potrebbero aver trovato un nuovo biomarcatore per il covid-19

Il risultato è stato sorprendentemente chiaro quando si sono confrontati i bambini con e senza ADHD nello studio. I partecipanti del gruppo ADHD hanno avuto maggiori difficoltà a tenere il passo con i progressi da soli rispetto al gruppo di controllo.

Segni vitali come supplemento

I ricercatori sono stati anche in grado di vedere differenze tra diversi sottogruppi all’interno dell’ADHD. I bambini senza difficoltà motorie hanno trovato leggermente più facile mantenere un ritmo costante rispetto ai bambini con difficoltà motorie.

Lo studio dimostra che il tocco delle dita può essere utilizzato come biomarcatore poco costoso, obiettivo e imparziale per integrare gli attuali metodi diagnostici.

Il nostro studio è molto piccolo e ora aspiriamo a continuare gli studi su gruppi più ampi di bambini, includendo anche bambini con autismo, perché mostrano anche cambiamenti significativi nel cervelletto, conclude Beck Gustafsson.

Studio scientifico:

La capacità di mantenere il ritmo predice la diagnosi e il profilo dell’ADHD, Psichiatria BMC.

comunicazione:

Anders Rasmussen, docente senior e docente di neurofisiologia presso l’Università di Lund, [email protected]