TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ehandel.se

Un sondaggio unico mostra: il commercio elettronico è migliore per l’ambiente rispetto al commercio fisico

Con le consegne, i resi e talvolta i pacchi di grandi dimensioni non necessari, l’e-commerce è stato ripetutamente definito un colpevole ambientale, non da ultimo dai media. Un nuovo studio ora mostra che in realtà potrebbe essere l’opposto, ovvero l’e-commerce può essere migliore per l’ambiente rispetto al commercio fisico.

Il consumo di energia è fondamentale

Nel rapporto “Il commercio elettronico è buono per l’Europa? Uno studio sull’impatto economico e ambientale del commercio elettronico” ha esaminato i modelli di commercio elettronico in otto paesi: Francia, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Italia, Svezia e il Regno Unito. La valutazione include libri, abbigliamento ed elettronica di consumo e gli autori del rapporto hanno esaminato il viaggio delle merci dalla fabbrica a casa. La conclusione? Lo shopping offline causa un aumento delle emissioni di gas serra (CO2e) da 1,5 a 2,9 volte rispetto a se lo stesso prodotto fosse ordinato online.

Le emissioni sono 2.000 grammi di CO2 equivalente per il commercio in un negozio fisico e 800 grammi di CO2 equivalente per l’e-commerce. Questo caso prende in considerazione molti comportamenti diversi dei consumatori (ad esempio, l’utilizzo di un’auto per il commercio fisico nel 50% dei casi, la restituzione di determinati prodotti e l’acquisto di molti prodotti durante un viaggio) e le configurazioni della catena di approvvigionamento (come gli ordini transfrontalieri) e riporta il report e prosegue:

I principali fattori che spiegano la differenza sono il consumo energetico degli edifici (160 grammi di CO2 equivalente per il commercio elettronico e 1.200 grammi di CO2 equivalente per la vendita al dettaglio) e la distanza di trasporto recente (200 grammi di CO2 equivalente per il commercio elettronico e 600 grammi di CO2 equivalente per l’e-commerce e 600 grammi di CO2 equivalente per l’e-commerce) CO per guidare il consumatore verso un negozio fisico) e imballaggi (ulteriori 100 grammi di CO2 equivalente per l’e-commerce).

Secondo il rapporto, la differenza varia nei diversi paesi ed è correlata al tipo di mix energetico utilizzato in ciascun paese. La Germania è stata contrassegnata come il paese in cui il commercio elettronico è considerato il più rispettoso dell’ambiente per quanto riguarda il commercio fisico.

READ  Correre a casa in Spagna dagli svedesi che lavorano a casa

Una differenza ancora maggiore nella moda

La quantità di risparmio di CO2 ottenibile dipende anche dal prodotto in questione. Un prodotto di moda di solito richiede, tra le altre cose, più illuminazione nel negozio, il che aumenta il potenziale risparmio.

Le differenze tra le diverse categorie sono dovute principalmente alla produttività del negozio, alla distanza da percorrere per raggiungere il negozio, ai costi di restituzione e al peso del pacco. L’acquisto di un libro da un negozio fisico causa 1,6 volte più emissioni rispetto al corrispondente acquisto di e-commerce. Per l’abbigliamento, il moltiplicatore è 2.9.

Dietro l’attuale studio c’è la società di consulenza strategica internazionale Oliver Wyman, che, tra le altre cose, ha esternalizzato St. Gallen in Svizzera. Vale anche la pena notare che il sondaggio, sicuramente definito “indipendente”, è stato condotto per conto di Amazon.

Il rapporto è il risultato di uno studio indipendente condotto da Oliver Wyman con il supporto di Experts in Logistics Consulting (LAE), una branca dell’Istituto per la gestione della catena di fornitura dell’Università di San Gallo. Lo studio è stato condotto per un periodo di dodici settimane per conto di Amazon. L’analisi si basa su statistiche ufficiali fino al 2019 (salvo diversa indicazione) e su informazioni pubblicamente disponibili. Durante lo studio, non sono state utilizzate informazioni private da Amazon, altri rivenditori o operatori di trasporto. I dati sul comportamento dei consumatori si basano su sondaggi di opinione privati ​​condotti da Oliver Wyman nel 2020 in Francia, Gran Bretagna, Germania, Italia e Spagna, scrive Oliver Wyman nel rapporto.

Se desideri saperne di più su come il sondaggio ha raggiunto le conclusioni di cui sopra, il rapporto è completamente disponibile su https://goo.gl/maps/2 questo link.

READ  Solo Cristiano Ronaldo ha ricevuto più applausi di Kulusevsky

Sottoscrizione

Non ti perdi mai la nostra newsletter, vero?

Tak!