TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo punto di riferimento su Marte: il Golden Box produce ossigeno

La NASA ha convertito con successo l’anidride carbonica in ossigeno su Marte. In futuro, l’agenzia spaziale statunitense spera di essere in grado di utilizzare l’ossigeno per lanciare razzi dalla superficie o per far respirare gli astronauti.

Il perseverante 6 ruote su Marte continua a fare la storia. Ora, il rover, chiamato Rover, ha convertito in ossigeno l’anidride carbonica presente nell’atmosfera marziana. La NASA dice che questa è la prima volta che è stata condotta su un altro pianeta.

Questo è un primo passo importante quando si tratta di convertire l’anidride carbonica in ossigeno sulla superficie di Marte, afferma Jim Reuter dell’Agenzia spaziale americana, secondo un comunicato stampa.

Dieci grammi l’ora

L’ossigeno si trova anche naturalmente nell’atmosfera marziana, ma poco più dello 0,1 percento, rispetto al 21 percento della Terra. D’altra parte, l’anidride carbonica si trova in abbondanza sul pianeta rosso, dove l’atmosfera è composta per il 96 percento del gas.

La scatola d’oro utilizzata per il volume della batteria dell’auto si chiama Moxie (Esperimento con l’uso delle risorse di ossigeno di Marte in situ). Pesa 17 chilogrammi sulla Terra e può produrre dieci grammi di molecole di ossigeno all’ora, dividendo le molecole di anidride carbonica, che consistono in un atomo di carbonio e due atomi di ossigeno.

La NASA paragona la tecnologia a una macchina che produce ossigeno allo stesso modo di un albero.

Leggi di più: L’aereo potrebbe avere una nuova atmosfera: “molto emozionante”

Utilizzato nei razzi

Dieci grammi all’ora non sembrano impressionanti, né forniscono alcun vantaggio importante. Ma l’idea è di dimostrare che il principio funziona. Per poter svolgere una funzione nelle future spedizioni, la NASA stima che sia necessario costruire e inviare un Moxie cento volte più grande.

READ  Resident Evil Village computer test: 'una delusione che entra in azione'

L’ossigeno non è solo qualcosa che respiriamo. Il carburante per missili dipende dall’ossigeno e i futuri esploratori faranno affidamento sulla capacità di produrlo su Marte per tornare a casa, dice Reuter.

La NASA spiega che un razzo spaziale in grado di trasportare quattro astronauti avrà bisogno di 7 tonnellate di carburante e 25 tonnellate di ossigeno per decollare da Marte. D’altra parte, c’è tutto il tempo per produrre questo ossigeno durante le spedizioni e gli astronauti consumano molto meno quando respirano nel frattempo.

Se gli astronauti sono lì da un anno, hanno bisogno di una tonnellata insieme, dice Michael Hecht del Massachusetts Institute of Technology in Massachusetts secondo il comunicato stampa della NASA.

Non è la prima volta che la missione della NASA su Marte scrive la storia, da quando è atterrata sull’isola di Gizirocrates a febbraio, dopo sei mesi di viaggio e anni di preparazione. Qualche giorno fa, il piccolo elicottero Ingenuity ha effettuato un volo e dal rover sono state inviate tantissime foto, filmati e persino registrazioni audio.

Fatti: quarto pianeta sul sole

Marte, dal Sole, è il quarto pianeta del nostro sistema solare. Per dimensione è il secondo più piccolo, solo Mercurio è più piccolo. Tuttavia, Marte detiene la montagna più alta del sistema solare: a 27.000 metri, il vulcano Olympus Mons è dove tre montagne dell’Everest sono impilate l’una sull’altra.

L’anno di marzo è 687 Earth Days, che è quasi due anni sulla Terra. La giornata su Marte è chiamata sole, pronunciata “setaccio”, ed è leggermente più lunga della nostra giornata sulla Terra.

Il pianeta è inospitale. La temperatura media è di meno 62 ° C e l’atmosfera contiene il 96% di anidride carbonica ma poco più dello 0,1% di ossigeno.

READ  Gli adolescenti di età compresa tra 16 anni nel gruppo ad alto rischio possono ora essere vaccinati contro COVID-19

All’inizio di miliardi di dollari, le condizioni erano un po ‘più miti, quindi gli scienziati credono ancora che una forma primitiva di vita potrebbe aver avuto origine su questo pianeta. Potrebbe essere ancora in giro oggi, ma in questo caso sarebbe probabilmente scavato sotto la superficie.