TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un intervento chirurgico limitato può ridurre il gonfiore dopo il cancro al seno

Un intervento chirurgico limitato può ridurre il gonfiore dopo il cancro al seno

I pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per cancro al seno, nonché la rimozione di diversi linfonodi sotto l'ascella, possono riscontrare problemi di gonfiore delle braccia. Ma un nuovo studio ora apre la strada a una chirurgia più delicata.

Il cancro al seno può diffondersi ai linfonodi sotto l’ascella. Una domanda difficile per i chirurghi è cosa fare quando i pazienti presentano metastasi ascellari, che vengono rilevate solo quando viene analizzato il tessuto asportato.

Dolore e gonfiore

Se vengono rimossi molti linfonodi, aumenta il rischio di linfedema al braccio. Ciò si verifica quando il fluido linfatico non può fluire liberamente come prima. Il linfedema può causare gonfiore e dolore al braccio e compromettere il movimento.

Vogliamo provare ad effettuare interventi più mirati per risparmiare ai pazienti fastidiosi effetti collaterali. Ma dobbiamo sapere che è sicuro, afferma in un comunicato stampa Jana de Boniface, chirurgo del cancro al seno presso l'ospedale Capio St. Goran e ricercatrice presso il Karolinska Institutet.

Quando non è nota la diffusione del cancro, il chirurgo solitamente rimuove le cosiddette ghiandole sentinella, a cui arriva per primo il fluido linfatico dal torace. Se contengono singole cellule tumorali o metastasi di dimensioni inferiori a 2 mm, il resto dei linfonodi viene lasciato sotto l'ascella. Studi precedenti hanno dimostrato che è sicuro per il paziente.

Pazienti con metastasi più grandi

Ora un ampio studio ha indagato il caso di metastasi più grandi. La ricerca condotta dal Karolinska Institutet comprende quasi 2.800 pazienti provenienti da cinque paesi. Tutti avevano metastasi più grandi di 2 mm nelle ghiandole sentinella resecate.

Un gruppo di pazienti ha subito quella che viene chiamata evacuazione ascellare, che significa rimuovere diversi linfonodi. In altri casi, l'ascella viene lasciata sola.

READ  Il cervo è la causa della diarrea umana?

Dopo l'intervento, la maggior parte dei pazienti è stata trattata con citostatici o terapia antiormonale e con radiazioni.

La maggior parte dei linfonodi può essere lasciata indietro

Lo studio mostra che la recidiva era ugualmente comune in entrambi i gruppi. Al contrario, il 13% dei pazienti a cui sono stati rimossi più linfonodi ha riportato gravi problemi con la funzione del braccio. Questo rispetto al 4% tra coloro a cui sono state rimosse solo le ghiandole di guardia.

La nostra valutazione è che è sicuro per i pazienti astenersi dall’evacuazione ascellare se sono presenti un massimo di due grandi metastasi nelle ghiandole sentinella. In questi casi, l'evacuazione ascellare viene sostituita dalla radioterapia all'ascella, che provoca meno fastidio al braccio. Jana de Boniface afferma che è già stato introdotto nella pratica clinica in Svezia.

Studio scientifico:

Delezione della dissezione ascellare nel cancro della mammella con metastasi del linfonodo sentinella, Giornale di medicina del New England.