TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

The Lancet: uno studio sociale in Israele mostra che la doppia dose di vaccino Pfizer fornisce una protezione del 95% | Straniero

Il più grande studio sull’efficacia del vaccino covid-19 mostra che il vaccino Pfizer-Biontech protegge una persona vaccinata del 95,3%. Di quelli vaccinati in Finlandia, la maggior parte di loro ha ricevuto questo particolare vaccino.

Dall’estate del 2020, molti produttori di vaccini hanno pubblicato studi sull’efficacia del vaccino Covid-19. La stragrande maggioranza degli studi è stata condotta in contesti clinici piuttosto che nella vita reale.

Ora la rivista scientifica The Lancet ha pubblicato uno studio condotto in Israele, che arriva con buone notizie per coloro che sono stati vaccinati con il vaccino Pfizer-Biontech.. Funziona!

Secondo lo studio, due dosi del vaccino forniscono una protezione del 95,3% contro l’infezione corona e del 96,7% contro la morte nei reparti covid-19.

Secondo lo studio Lancet, questo livello di protezione viene raggiunto sette giorni dopo la seconda dose di vaccino.

I ricercatori hanno anche concluso che gioca un ruolo importante se una persona riceve una o due dosi del vaccino Pfizer-Biontech.

Da sette a quattordici giorni dopo l’iniezione della prima dose, la protezione contro l’infezione da Coronavirus è del 57,7%, mentre una singola dose fornisce una protezione del 77% contro la morte nei reparti covid-19.

In Israele, la seconda dose del vaccino Pfizer-Biontech viene somministrata 21 giorni dopo la prima dose.

In Finlandia, Pfizer-Biontech è il vaccino più comune fino ad oggi.

A livello mondiale, il vaccino Astra-Zeneca è il più comune e il vaccino Pfizer-Biontech è il secondo più comune.

Israele: un paese logico da studiare

Israele, che ha firmato presto gli accordi sui vaccini, ha una popolazione di 9 milioni, di cui 6,5 milioni hanno più di 16 anni.


Più di 5 milioni di israeliani hanno già ricevuto due dosi del vaccino Corona.
Un uomo riceve un vaccino covid-19 in un bar che è stato trasformato in un sito di vaccinazione.
Foto: Abeer Sultan / Agenzia per la protezione ambientale
Israele, COVID-19, Coronavaccin

Le vaccinazioni contro COVID-19 sono iniziate intorno al 20 dicembre 2020 e oggi Più di 5 milioni di israeliani hanno ricevuto due dosi del vaccino.

READ  Nuovo studio: l'ibuprofene non aggrava i sintomi della malattia di Covid-19

A causa dei primi accordi di vaccinazione e del tasso di vaccinazione effettivo, Israele è stata una scelta logica da studiare per i ricercatori.

Il periodo dello studio, condotto in collaborazione con il Ministero della Salute israeliano, è stato dal 24 gennaio al 3 aprile 2021.

Secondo lo studio, il tasso di infezione Corona (il numero di infezioni per 100.000 persone) era 91,5 per gli israeliani non vaccinati, mentre il numero era 3,1 per le persone che hanno ricevuto due dosi del vaccino Pfizer Bionic.

Lo studio, pubblicato su Lancet, ha anche concluso che il vaccino corona Pfizer-Biontech fornisce anche una protezione efficace contro la variante del virus britannico.

Quasi il 95% dei casi esaminati erano di tipo britannico (B117).

I tassi di mortalità e di infezione si stanno deteriorando con le vaccinazioni

Le statistiche mostrano che l’incidenza e i tassi di mortalità associati all’infezione da Covid-19 sono diminuiti drasticamente in Israele dall’inizio dell’anno.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, Israele ha avuto la sua settimana peggiore per il virus Covid-19 dal 17 al 23 gennaio nel 2021.

Quindi 414 persone sono morte dopo aver contratto la malattia Covid-19. Nella prima settimana di maggio, 9 persone sono morte nei reparti covid-19.

Tra il 10 e il 16 gennaio 2021, le autorità israeliane hanno registrato il maggior numero di lesioni coronariche in una settimana: 60.370. La prima settimana di maggio è stata di 444.

Vale la pena notare che la campagna di vaccinazione israeliana, iniziata il 20 dicembre 2020, ha parzialmente coinciso con la chiusura.

Il blocco è stato introdotto il 27 dicembre 2020 e non è stato alleviato fino al 7 marzo 2021.

READ  La relazione tra stress e appendicite |

Fonti: The Lancet, Johns Hopkins University, Our World in Data, BBC, AFP