TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I ricercatori vogliono vaccinare i bambini contro il Covid-19

Potrebbe non essere necessario vaccinare tutti i bambini. Ma sappiamo che dall’adolescenza, quando hai raggiunto la pubertà, sembri contagioso come un adulto. Quindi sarebbe opportuno partire da lì, afferma Peter Brauden, ricercatore di immunologia presso il Karolinska Institute che lavora anche come pediatra presso il Karolinska University Hospital.

Non si ritiene che la diffusione dell’infezione si fermerà a sufficienza quando i vaccini verranno introdotti a tutti gli adulti, poiché il virus si sta diffondendo tra bambini e adolescenti.

– È correlato alla necessità di ridurre l’infezione in larga misura in modo che non emergano nuove varianti, e quindi non possiamo continuare a diffondere l’infezione tra tutti i minori di 18 anni. Inoltre, si tratta di proteggere i bambini dal contrarre malattie pericolose. Perché succede, anche se insolito, dice Brauden.

Solo gruppi a rischio

Attualmente, solo i bambini in gruppi ad alto rischio fino a 16 anni di età, ad esempio varie forme di problemi respiratori cronici, sono coperti dal piano nazionale per la vaccinazione contro COVID-19 dell’Agenzia per la sanità pubblica svedese. Quindi viene applicato il vaccino Pifzer Comirnaty, in quanto è l’unico che è stato testato e approvato fino all’età di 16 anni.

Pfizer ha recentemente condotto studi su oltre 2.000 bambini di età compresa tra 12 e 15 anni. Secondo i primi rapporti iniziali, non sono stati identificati effetti collaterali imprevisti o gravi. Mercoledì il Canada ha accettato di somministrare il vaccino ai bambini a partire dai 12 anni e molti osservatori ritengono che presto gli Stati Uniti faranno lo stesso. È stata inoltre richiesta all’Agenzia europea per i medicinali di estendere l’approvazione del vaccino Pfizer fino all’età di dodici anni.

READ  I grassi Omega-3 possono combattere l'aterosclerosi

TT: Riesci davvero a individuare gli effetti collaterali insoliti studiando così poche persone?

Bisogna tenere a mente che finora abbiamo vaccinato diversi milioni di adulti e la differenza tra i giovani e gli adolescenti più grandi non è grande. Quindi è possibile estrapolare un po ‘anche da quel gruppo. Peter Brauden dice che per poter dire qualcosa anche sui bambini più piccoli, ovviamente, sono necessari ulteriori studi.

prendila seriamente

TT: Cosa diresti alle persone che stanno prendendo in considerazione la narcolessia tra i bambini che sono stati vaccinati contro l’influenza suina nel 2009 e che temono che qualcosa di simile stia accadendo ora?

Penso che dovresti prenderlo sul serio e non cercare di toglierlo e dire che gli effetti collaterali non possono verificarsi. La cosa più importante è presentare i fatti, ei fatti sono che abbiamo vaccinato un numero incredibile di persone con i vaccini che sono ora disponibili sia in Svezia che nel resto del mondo, afferma Peter Brauden.

Questo non era il caso durante l’influenza suina, la Svezia è stata l’unica nella scelta della vaccinazione per l’intera popolazione. Pertanto, questi vaccini non sono stati testati su molte persone. Ora abbiamo molte più conoscenze, aggiunge.

Considera la domanda

Anders Tegnell, epidemiologo statale dell’Agenzia svedese per la sanità pubblica, ha detto a TT che stanno esaminando la questione. Ma poiché non esiste ancora un vaccino approvato per i bambini di età inferiore ai 16 anni o un vaccino sufficiente per dare la priorità ai bambini nel prossimo futuro rispetto agli anziani che hanno maggiori probabilità di sviluppare una malattia grave, questo vaccino potrebbe in ogni caso non diventare rilevante la popolazione generale. I bambini vaccinano fino a subito dopo l’estate.

READ  Dopo l'aumento - avverte della nuova alternativa "Centaur"

Inoltre, non è stato sufficientemente studiato se i bambini si stanno infettando a vicenda in modo sufficientemente efficace da consentire al virus di sopravvivere quando gli adulti vengono vaccinati, indica.

– Non lo sappiamo ancora. Quindi, è emozionante vedere come si sta sviluppando in Israele e nel Regno Unito, che sono entrambi in prima linea nella vaccinazione. Sulla base dei numeri che abbiamo visto finora, sembra anche che le infezioni tra i bambini stiano diminuendo molto rapidamente, afferma Anders Tegnell.

Infine, dovrebbe essere chiaro che il vaccino è abbastanza sicuro.

Se vaccini i bambini, non è nel loro interesse, ma per limitare la diffusione dell’infezione. Penso che lo renda moralmente più complicato. Sebbene il vaccino sia molto sicuro, abbiamo appreso che non esiste un vaccino che raggiunge il centinaio e il beneficio per i bambini stessi è probabilmente molto marginale.

Jorn Spolander / TT