TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Svenska Magasinet – Market Watch: l’Italia è diretta al collasso economico?

Market Watch: l’Italia è diretta verso il tracollo economico?

2019-07-08

Le notizie sull’economia italiana dipingono un quadro desolante per il futuro del Paese. Anni di deficit e mancanza di disciplina di bilancio hanno portato a un debito pubblico del 132,2% del PIL del Paese.


Invia ad un amico


di Robin Larsen
E-mail: [email protected]+34 616854498

Dobbiamo tornare indietro di 30 anni per trovare un rapporto debito/PIL inferiore al 100% della dimensione dell’economia. Con un accordo di stabilità con un tetto di debito del 60%, è un fallimento.

Lo scopo di limitare l’onere del debito non era quello di portare gli stati il ​​più vicino possibile al limite, ma di stabilire un limite chiaro per quando l’onere del debito inizia a rappresentare un pericolo significativo per la società. Il quadro è diverso nelle aziende. Qui troverai spesso bilanci solidi, una buona redditività e un uso efficiente delle risorse. Questo di solito è ricompensato con bassi costi di credito e prezzi delle azioni stabili.

Quando si tratta di indebitamento delle famiglie e stabilità finanziaria, c’è poco che determina un sano rapporto prestito/valore. Molto spesso sono gli atteggiamenti culturali a determinare la vulnerabilità economica di un Paese. Perché la situazione culturale incide sulla disciplina economica delle famiglie e delle imprese, ma non sull’economia comune? In economie come la Svezia, possiamo osservare il contrario.

Debito delle famiglie in Italia
Storicamente, le famiglie italiane hanno avuto un rapporto prestito/valore molto basso, ma durante una crisi in cui l’economia si è contratta, l’indebitamento è leggermente aumentato. In linea con altri paesi dell’Europa meridionale, le famiglie hanno iniziato a puntare sull’ammortamento e nel momento in cui scriviamo il rapporto debito/patrimonio netto italiano per le famiglie si aggira intorno al 40% del PIL.

READ  Hayesen vedeva i piani per l'Europa League: "paura del buio"

La media nella zona euro si aggira intorno al 57%. In questo contesto, è opportuno citare la Spagna, che è scesa da quasi il 90% a poco al di sotto della media dell’eurozona.

Semplificando, l’economia può essere definita come la somma delle transazioni tra famiglie e produttori. La debolezza dell’economia comporterà nel lungo periodo il rischio di perturbazioni nel flusso delle transazioni.

Le entrate del nostro portafoglio congiunto provengono principalmente dalle imposte sulle transazioni. Quando qualcuno acquista un prodotto o un servizio, l’IVA viene pagata. Quando acquista un prodotto del lavoro, vengono pagati i contributi di previdenza sociale e quando l’individuo vende il suo lavoro, viene pagata l’imposta sul reddito sul valore della transazione.

Le interruzioni nel volume delle transazioni tra questi giocatori possono portare a un minor numero di transazioni imponibili e di conseguenza a un disavanzo. Per determinare il rischio di interruzione, può essere saggio studiare i cambiamenti nelle risorse familiari.

Reddito disponibile Italia
Il reddito disponibile delle famiglie è aumentato notevolmente negli ultimi anni. I bassi tassi di interesse e il basso debito hanno anche liberato risorse per il consumo e il risparmio. Una piccola parte di queste risorse liberate ha trovato la sua strada in nuove transazioni. Tuttavia, l’aumento degli ordini è stato diffuso e ha creato una carenza di capacità. Diversi dipendenti hanno dato lavoro a un nuovo numero di persone “al massimo storico”.

Il nuovo picco ha superato il precedente livello di picco osservato alla fine del 2008. Dall’elenco inferiore nell’estate del 2013, sono stati creati poco più di 1,1 milioni di nuovi posti di lavoro. Le risorse rimanenti liberate dai minori costi del credito sono state raggruppate in fienili così come ulteriori rimborsi del debito. I costi del credito delle famiglie sono a livelli storicamente bassi e la maggior parte dei mutuatari ha accordi a tasso fisso.

READ  IKEA rilascia candele profumate: hanno l'odore di pellet di carne

Le famiglie hanno aumentato con cautela i volumi delle transazioni, ma rimangono estremamente caute sugli acquisti non essenziali. Il desiderio di consumare ricorda molto le famiglie spagnole all’inizio del 2014, se fosse vero, l’economia locale in Italia avrebbe giorni buoni.

Il 9 maggio 2019 l’Istat ha pubblicato un progetto di collaborazione realizzato congiuntamente con la Banca Centrale d’Italia “La ricchezza delle famiglie e delle imprese non finanziarie italiane”

Un fenomeno raramente osservato nel divano del mattino è la ricchezza delle famiglie italiane, gli italiani sono tra le famiglie più ricche del mondo. A fine 2017 la ricchezza netta delle famiglie italiane era di 9.734 miliardi di euro (circa 8 volte il reddito disponibile delle famiglie). La proprietà ammonta a 5.246 miliardi di euro. Le attività finanziarie, costituite principalmente da disponibilità liquide come i risparmi bancari, ammontano a 4.374 miliardi di euro.

Qui puoi leggere l’articolo completo


Svenska Magasinet in Spagna