TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sophie Hanson nuota per una nuova medaglia, ma la sedicenne è commossa

Sophie Hanson nuota per una nuova medaglia, ma la sedicenne è commossa

– Tanto di cappello a lei. È impressionante, e devi ammirarlo, dice Sophie Hanson della competizione dei record mondiali Benedetta Pilato sabato sera durante i Campionati Europei di Budapest.

L’italiana ha superato il palcoscenico internazionale all’età di 14 anni quando ha sorprendentemente nuotato nella Coppa del Mondo in Corea del Sud 2019 in casa vincendo la medaglia d’argento ai Mondiali con un calcio di 50 metri al petto.

Ha anche nuotato vigorosamente all’inizio di questa settimana, quando è stato deciso di condurre esperimenti di rana di 100 metri a Budapest. Lì, Pilato ha ottenuto il terzo tempo più veloce – esattamente lo stesso tempo di Sophie Hanson – ma poiché i nuotatori più veloci provenivano dall’Italia, Pilato non è stato autorizzato a nuotare in semifinale. Possono esserci un massimo di due nuotatori dello stesso paese.

Dove L’adolescente ha caricato la metà della distanza e quando è arrivato il momento delle semifinali della corsa al petto dei 50 metri sabato sera, nessuno è riuscito a fermarla.

Benedetta Pilato, che ha nuotato nella seconda semifinale, ha nuotato alle 29.30. Pertanto, ha abbassato di un decimo il precedente record mondiale per l’americana Lily King.

Con quel tempo, il sedicenne è ovviamente un grande favorito d’oro nella finale dei 50 metri di petto di domenica notte – che non è una distanza olimpica – ma Sophie Hanson ha buone possibilità di essere coinvolta nel dibattito sulle medaglie.

Di sabato mattina Prova, la 22enne Hanson ha toccato il suo meglio quando ha nuotato a 30.46.

In semifinale, la svedese ha nuotato nelle prime semifinali, tuttavia era settecento più lenta, dopodiché non era completamente soddisfatta.

READ  L'artista rap Lil Nass X "Monteiro (chiamami col tuo nome)" sta rendendo popolare la cultura gay

È stata una gara estenuante, dice Sophie Hanson.

– Mi sento come se avessi attraversato tre ritmi diversi durante la gara, e raramente è una buona cosa, le risate continuano.

Inoltre, il traguardo non corrispondeva.

Dovevo andare nel panico e decidere se prendermi del tempo o scivolare via.

Pensare Per quanto riguarda i guai che la nuova medaglia d’oro al Campionato Europeo Svedese ha affrontato nei 100 metri al petto in semifinale, era ancora un segno di forza che erano solo settecento del suo record personale.

In totale, Sophie Hanson ha ottenuto il sesto miglior tempo in semifinale.

In finale spero di avere un miglior ritmo di nuoto e un miglior tempismo al traguardo.

Sabato è apparso un altro ictus al petto svedese. La diciassettenne Emily Fast, che all’inizio di questa settimana ha superato il limite di qualificazione olimpica nei 100 m rana, ha stabilito un nuovo record per gli juniores svedesi nuotando 30,64 nelle prove di 50 m rana.

Il precedente detentore del record era Sophie Hanson.

In semifinale, Fast non aveva centinaia dalla sua parte. Il suo tempo in semifinale di 20.88 è stato di quattrocento lentissimi. Il 17enne è arrivato nono e ha appena saltato la finale.