TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sjölander su Suhonen e Erlander

Johan Schulander, direttore delle operazioni del think tank Tiden, legge un libro che non spiega la debolezza dei socialdemocratici

Questo è un articolo culturale Fa parte di Aftonbladet Opinion Press.

Taj Erlander ha annunciato le sue dimissioni dalla leadership del partito nel settembre 1969

Taj Erlander ha annunciato le sue dimissioni dalla leadership del partito nel settembre 1969

immagine: Nessuna firma / SCANPIX Svezia

C’è qualcosa di bello in esso Daniels Sohonenz L’ultimo articolo in prendi erlander (“Cosa ha fatto Erlander?” Editori orali). Rabbia per la situazione, desiderio di qualcos’altro e di meglio. Suhonen ed io siamo figli dello stesso spirito, parte dello stesso movimento. Comprendo perfettamente il desiderio di tornare ai vertici della socialdemocrazia. Ma è qualcosa di sfregato. Ci vuole un po’ per capire cosa.

Uno dei motivi principali diventa il filo che deve essere annusato. La domanda che Suhonen si pone è perché le persone non sono crollate di fronte ai trent’anni di sviluppo neoliberista e ai crescenti divari che le hanno prese in ostaggio.

La risposta è che la colpa è dei socialdemocratici. “Bisogna chiedersi prima chi avrebbe organizzato le proteste. Secondo la lotta di classe democratica, è la socialdemocrazia. Ma quando la socialdemocrazia, almeno in parte, taglia e si deteriora, la resistenza tace”.

Quando rifiutiamo la spiegazione strutturalista, la spiegazione idealista rimane. Se non sono le strutture la colpa, allora sono gli individui che lo sono

rivoluzionario I socialdemocratici sono stati a lungo accusati di essere come una coperta bagnata, di assorbire il potere del potenziale sovversivo della classe operaia e di annegarla nel lutto per concessioni e concessioni.

Ma Suhonen non è rivoluzionario. Al contrario, l’intero testo è una fulgida difesa di una forma irlandese di riforma. E quando rifiutiamo la spiegazione strutturalista, l’ideale rimane. Se la colpa non è delle strutture, lo sono gli individui. I leader sono quelli che falliscono a causa della codardia, dell’incompetenza, della mancanza di formazione ideologica o altro.

Potrebbe, naturalmente, essere che il Partito socialdemocratico per trenta o quarant’anni abbia costantemente scelto il leader sbagliato.

Allo stesso tempo, in questo caso, sembra che le stesse sfortunate operazioni di NomCom siano avvenute anche nel resto del mondo occidentale. Lo sviluppo svedese non è solo svedese.

L’incapacità di mobilitare la maggioranza delle persone per protestare contro l’ordine neoliberista, che ha caratterizzato quasi tutto il mondo negli ultimi decenni, non è affatto un fenomeno esclusivamente locale.

Portare vantaggi e debolezze del personaggio ai singoli attori non solo manca di sostanza, ma ci allontana da una discussione onesta sulle vere sfide.

Con il risultato in mano Forse possiamo respingere la critica rivoluzionaria della socialdemocrazia riformista. Quando ho letto il testo di Suhonen, sono stato colpito da un sentimento sempre più forte che dovremmo rifiutare anche l’ideale. Portare vantaggi e debolezze del personaggio ai singoli attori non solo manca di sostanza, ma ci allontana da una discussione onesta sulle vere sfide.

È pericoloso associare la propria speranza a un nuovo inserviente, un capo che, in virtù del suo carattere, può cambiare tutto. Possiamo vedere questo percorso di pensiero spesso nella discussione. Se solo fosse vissuta. Se Joholt potesse restare. solo lo Corbin o Sanders Non deludersi da soli. o nel testo di Suhonen; Altrimenti Magdalena Anderson Idee abbandonate, Stefan Lovin Molto debole.

Nel suo nuovo libro, Daniel Sounen cerca di rispondere alla domanda sul futuro dei socialdemocratici.

immagine: Eva Lindblad / 1001bild.se

All’inizio del XX secolo Il marxista italiano Antonio Gramsci ha chiesto perché i lavoratori italiani più avanzati non hanno rivoluzionato, mentre la classe operaia relativamente giovane e sottosviluppata della Russia lo ha fatto. Per rispondere a ciò, ha formulato una serie di argomenti (certamente ambigui e ambigui) sulla dominanza. Ha detto che ci sono profonde strutture di potere nella società che non possono essere ridotte a taglienti interessi e figure di classe.

La situazione di Gramsci è sorprendentemente simile al nostro tempo. Ci dà un’altra possibile risposta alla domanda di Suhonen. I socialdemocratici non hanno necessariamente fallito, ma il movimento ha operato in un campo di gioco in cui i rapporti di potere sociale, l’egemonia, erano in parte caduti dalle loro mani.

Possiamo chiamarlo zeitgeist, tendenze e sviluppi internazionali, e possiamo parlare sia di cambiamenti strutturali nell’economia e nel mercato del lavoro, sia di tendenze più ideologiche nel discorso pubblico.

Anche l’egemonia si sta creando attivamente e la borghesia è oggi più abile del movimento operaio nel superarla.

buon senso La struttura e l’attore sono collegati. Anche l’egemonia si sta creando attivamente e la borghesia è oggi più abile del movimento operaio nel superarla. Se il welfare pubblico unisce lavoratori e dipendenti pubblici, l’alleanza di classe è stata lacerata dalla vendita dei servizi pubblici, dalla privatizzazione e dall’erosione dei sistemi di pubblica sicurezza, rendendo l’ampia classe media più dipendente da se stessa. Soluzione.

La frustrazione per i fallimenti dell’integrazione e il crimine più brutale hanno creato opportunità per una destra reazionaria di penetrare in profondità nella classe operaia. Il dibattito si è gradualmente spostato, così che la minaccia al benessere socialdemocratico piuttosto che ai tagli fiscali borghesi oggi tra ampi gruppi è vista come immigrazione.

Ma la società è più grande della socialdemocrazia

Quindi cos’è fondamentalmente? Si tratta di fermarsi a guardare la socialdemocrazia dall’interno, come un mondo a sé. Piuttosto, è un attore tra tanti, in una società complessa caratterizzata da rapporti di potere profondi e complessi, popolata da individui poliedrici ciascuno combattuto tra interessi e prospettive diverse.

Naturalmente, questo non rende impossibile la politica di sinistra. Ma significa che la sinistra deve fare meglio, ascoltare di più, leggere il suo tempo e capire che le persone sono influenzate dal contesto in cui vivono, non importa cosa pensiamo in quel contesto.

Nello script di Suhonen, questo è deprecato. Invece, tutto diventa una questione di rivolta personale per la leadership della socialdemocrazia. Gli elettori hanno ragione perché l’S-Lead non è stato lasciato abbastanza. Tutto ciò che è necessario è una correzione nella linea e un suono più chiaro.

ma la società Più grande dei socialdemocratici. Taghi Erlander lo ha capito. Era guidato da una curiosità intellettuale, cercando costantemente di capire i suoi contemporanei. È anche un’eredità da difendere.

Inserito:

Iscriviti alla newsletter di Kulturen الإخبارية

Karen Peterson, Direttore Culturale della Aftonbladet School, partecipa agli eventi culturali più importanti di questa settimana e alla discussione più interessante sulle idee.

READ  Prendi 300.000 se ti trasferisci in Italia