TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SIF Umeå – un'iniziativa degli studenti per gli studenti

SIF Umeå – un'iniziativa degli studenti per gli studenti

Nell'autunno del 2023, Jessica Lindberg ha incontrato uno studente familiare in un laboratorio di chimica medicinale. Si scoprì che lo studente era un aspirante ricercatore, e in quell'incontro nacque l'idea di costituire una società di ricerca. È stato il punto di partenza per gli studenti in ricerca a Umeå, un'associazione che diventerà un ponte tra gli studenti e il mondo della ricerca, con l'obiettivo di attrarre più studenti ad iniziare la ricerca.

Il vantaggio di Jessica è che, essendo lei stessa una dottoranda, sa come si fa e quanto sia importante avere mentori e modelli di ruolo, ma anche persone che possano mostrare loro come farlo in modo più strutturale.

– È importante avere qualcuno in grado di sviluppare l'impegno, afferma Jessica Lindberg, che è anche membro del consiglio.

Al primo incontro della startup hanno partecipato circa 20 persone interessate e da questi incontri è emerso anche un board di 12 persone.

– Abbiamo la pensione completa, che è molto lussuosa, spiega Jessica.

Oltre agli incarichi “ordinari”, il Consiglio di Amministrazione ha anche un membro responsabile dell'appartenenza. SIF Umeå vuole lavorare con l'inclusione, dove è stata sviluppata anche la base di valori.

– Vogliamo che tutti, anche gli studenti di lingua inglese, si sentano inclusi. La società è gestita da studenti universitari, per studenti universitari, per favorire il loro interesse nella ricerca, e Jessica continua.

L'idea è che l'associazione dovrebbe contribuire ad abbassare la soglia di ingresso nella ricerca, poiché gli studenti ottengono una determinata piattaforma per incontrare e trovare supervisori.

-Ho sempre desiderato fare ricerca. Avevo un piccolo elenco di potenziali insegnanti e li ho inviati via email. Alla fine sono diventato uno studente di dottorato, ma c’era molto lavoro. Può essere difficile entrare in contatto con il mondo della ricerca come studente universitario, mentre ci sono supervisori che si prendono cura degli studenti. “Ora possiamo essere la piattaforma in cui le persone si incontrano”, afferma Jessica.

READ  Differenze nella regolazione del dolore cerebrale nelle persone con comportamenti autolesionistici

Questa iniziativa è nuova a Umeå, ma è stata ispirata dall'associazione che è presente a Göteborg da dieci anni. C'è, tra l'altro, un elenco preparato dei moderatori, nonché alcuni eventi organizzati dall'associazione. Qui a Umeå la collaborazione è iniziata con l'evento Fika after the Researcher, un concetto che riunisce i ricercatori una volta al mese per conferenze e caffè.

Crescere in modo appropriato

L’obiettivo ora è crescere al ritmo giusto, consolidare il concetto e far sì che tutti si sentano bene lungo il percorso.

– Ci sono molte idee in cantiere, ma prima vogliamo organizzare piccoli eventi. “Una volta avviata un'associazione, possiamo avviare eventi più ampi”, afferma Jessica.

In autunno hanno in programma di tenere lezioni agli studenti di dottorato e in primavera è prevista la loro prima conferenza importante, poiché hanno in arrivo molti nomi grandi ed entusiasmanti. L'associazione è collegata attraverso l'organismo medico e attraverso questo comunica con gli studenti. La risposta è stata positiva, con studenti, supervisori e docenti che hanno pensato che questa fosse una buona piattaforma, qualcosa che manca.

L'associazione collaborerà anche con gli aspiranti alla ricerca, attraverso l'insegnamento attraverso le facoltà alle quali sarà possibile richiedere borse di studio per studiare nel periodo estivo. Ci sono state difficoltà nel trovare i supervisori, che Jessica e l'associazione sperano di aiutare con un elenco dei supervisori.

Quest'autunno organizzeremo anche un workshop per gli studenti che vogliono diventare aspiranti ricercatori, dove impareremo a scrivere una domanda per diventare aspiranti ricercatori, spiega Jessica, che lo è stata anche lei.

L'idea è quella di aumentare l'accesso ai supervisori della ricerca preclinica e clinica, anche per gli studenti che sono ancora in una fase iniziale del loro percorso formativo.

READ  L'ormone può programmare il feto per una salute migliore

– Dovrebbe essere chiaro a tutti gli studenti che a Umeå si può fare ricerca, dice Jessica.