TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un farmaco promettente nel trattamento della sindrome da immunodeficienza rara

Un farmaco promettente nel trattamento della sindrome da immunodeficienza rara

L'APS1 (sindrome endocrina autoimmune di tipo 1) è una sindrome rara e molto grave causata da mutazioni in un singolo gene, il gene AIRE (regolatore autoimmune). La proteina rappresentata da AIRE è essenziale affinché il sistema immunitario non reagisca con le strutture corporee. I pazienti infetti da APS1 sviluppano contemporaneamente un gran numero di malattie autoimmuni, che finora sono state trattate individualmente.

Questo studio offre un trattamento che potrebbe avere un impatto su molte malattie. Dietro i risultati, pubblicati sul New England Journal of Medicine, c'è una collaborazione di ricerca internazionale, con ricercatori dell'Università di Göteborg che contribuiscono allo studio con pazienti, incluso uno che faceva parte dello studio pilota sul farmaco. Il gruppo di Göteborg ha condotto anche alcune analisi sperimentali sui materiali dei pazienti.

Vanja Lundberg, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di Medicina, e Olof Ekwal, professore di immunologia pediatrica presso il Dipartimento di Scienze Cliniche.

Studio elegante

Olof Ekwal, professore di immunologia pediatrica presso il Dipartimento di scienze cliniche e primario dell'ospedale universitario Sahlgrenska, ritiene che lo studio sia un ottimo esempio di ricerca traslazionale:

– Sulla base di un ampio problema clinico, gli studi sono stati condotti prima su pazienti, poi studi meccanicistici su un modello murino e infine i risultati sono stati restituiti ai pazienti come studio terapeutico con ottimi risultati, afferma Olof Ekwal.

Anche Vanja Lundberg, ricercatrice post-dottorato nel gruppo di ricerca dell'Università di Göteborg e ST presso l'ospedale pediatrico Queen Silvia, è una dei coautori dello studio:

– Il vantaggio principale per i pazienti è che offre l'opportunità di trattare efficacemente diverse manifestazioni della malattia contemporaneamente utilizzando un farmaco che attacca un meccanismo comune. Nello studio abbiamo riscontrato buoni effetti su nove diverse sotto-malattie. Inoltre, è un farmaco già disponibile adesso, afferma Vania Lundberg.

READ  Gedea Biotech avvia la sperimentazione clinica del trattamento senza antibiotici nelle donne con candidosi vulvovaginale (VVC)

Un grande gruppo

Grazie alla cooperazione internazionale, i ricercatori hanno potuto raccogliere un gran numero di pazienti affetti da questa rarissima malattia congenita. Gli studi includono un'attenta caratterizzazione clinica e studi sperimentali su pazienti, che hanno consentito di identificare la molecola di segnalazione interferone gamma (IFNg) come un attore chiave nell'infiammazione in molti organi colpiti. Questo meccanismo è stato verificato in un modello murino della malattia (topi knockout per Erie), dove i ricercatori hanno anche provato a trattare i topi bloccando il segnale infiammatorio con il farmaco ruxolitinib (un cosiddetto inibitore JAK) con buoni risultati. In uno studio pilota, ruxolitinib è stato testato anche come trattamento per cinque pazienti, ottenendo ottimi risultati su un gran numero di malattie infiammatorie e su molti organi colpiti.

– Lo studio sul trattamento è già stato esteso a più di 30 pazienti e continuiamo a vedere ottimi risultati, afferma Olof Ekwal.

scopo: Il ruolo dell'interferone-γ nella sindrome endocrina autoimmune di tipo 1