TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sempre più giovani cadono nella trappola del debito

Sempre più giovani cadono nella trappola del debito

Il rapporto annuale sul recupero crediti svedese pubblicato dall’Industry Organization mostra come si sono sviluppati i casi di recupero crediti durante l’anno epidemico 2020. Sorprendentemente, il numero di casi di recupero crediti è diminuito nonostante la grande incertezza economica e gli alti tassi di disoccupazione a seguito dello sviluppo di Covid -19.

Abbiamo condotto sondaggi durante l’anno e molte delle nostre aziende associate si aspettano un aumento piuttosto elevato. Ora possono esserci molti agenti interagenti diversi. Una grande percentuale di richieste di recupero crediti viene presentata perché la persona può essere un po ‘negligente e colpevole. Fredrik Engström, presidente del gruppo del debito svedese, dice che ora stai a casa e stai più attento a leggere, ad esempio, la tua posta.

Molti hanno sperimentato condizioni peggiori con la disoccupazione o il congedo per malattia, ma d’altra parte non c’erano molti soldi da spendere e quindi probabilmente avevi più spazio per pagare e sei stato in grado di pagare in tempo.

Sviluppo negativo

Tuttavia, lo sviluppo in generale non è del tutto positivo. Il debito nei confronti dei clienti delle società di recupero crediti all’inizio dell’anno ha raggiunto i 94,2 miliardi di SEK, il livello più alto dall’inizio delle indagini e paragonabile agli 85,2 miliardi di SEK dell’anno precedente. Dal 2008 le passività in conto capitale sono più che raddoppiate. Una chiara tendenza è come l’indebitamento aumenterà principalmente tra i giovani di età inferiore ai 25 anni. Nel 2020 la quota è passata dal 7,6 all’11%.

Crediamo che questo sia il risultato dell’elevato tasso di disoccupazione tra i giovani e che molti giovani hanno lavori rischiosi legati, ad esempio, a occupazioni di servizi come ristoranti e alberghi, come quelli che erano particolarmente a rischio durante la pandemia, afferma Frederick Engström.

READ  Prendi 300.000 se ti trasferisci in Italia

Come prima, anche gli uomini sono più rappresentati quando si parla di indebitamento, il 56,3 per cento rispetto alle donne con il 43,7 per cento.

Preoccupazioni per il futuro

Anche se l’epidemia si ritirerà, la disoccupazione dovrebbe diminuire e la crescita economica dovrebbe riprendersi, la riscossione del debito svedese guarda ancora al futuro con una certa preoccupazione.

Ci sono alcune tendenze inquietanti. Sebbene i nuovi requisiti di recupero crediti siano diminuiti, è diminuito anche il numero di chiusure. Le nostre aziende associate credono che il picco che pensavamo di vedere lo scorso autunno potrebbe arrivare ora, quando la società si aprirà e otterrà nuovi crediti, afferma Frederick Engström.

TT: C’è il rischio che le famiglie comincino a consumare troppo in misura ancora maggiore?

– Può essere l’impatto di diventare più attivi nel mercato del credito, è chiaro che questi rischi esistono.

Tobias Osterberg / TT