TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

"Se potessi arrivarci, ce la farei ovunque" - Lundagard.se

“Se potessi arrivarci, ce la farei ovunque” – Lundagard.se


New York – la città dei sogni, delle speranze e dei grattacieli. L’editorialista di scambio di Lundagård, Julia Caplin Cingulani, riflette su ciò che è veramente attraente nella “Grande Mela”.

Dopo due mesi a New York, la mia cerchia sociale ha cominciato ad allargarsi un po’, insieme alla mia comprensione di questa città.

chi solo Uscendo con altri stagisti (per lo più scandinavi) che sono persi quanto me, ho conosciuto dei veri newyorkesi. Tuttavia, alcuni di loro sono nati qui e molti di loro sono molto più grandi di me. Ma in una città come New York non ci sono regole per l’amicizia.

Una delle mie nuove conoscenze è un’artista sulla cinquantina. Ha vissuto a New York per 25 anni e ha superato da tempo il magico traguardo dei dieci anni che si dice sia lo standard per definirsi una vera newyorkese. Durante quel periodo, hai tutto il tempo per vedere gli “alti e bassi” della città; Ha guardato gli aerei passeggeri volare contro le Twin Towers del World Trade Center l’11 settembre dalla finestra del suo primo appartamento a Manhattan. Come artista, può godersi New York al di fuori dell’ora di punta. Ogni giorno fa lunghe passeggiate a Central Park e si siede sulle panchine con biglietti con i nomi delle persone che li hanno “comprati” come regali per i loro cari per circa $ 10.000. Penso che New York debba essere sia la città migliore che quella peggiore per i freelance.

“Se dai priorità alla tua libertà rispetto alle tue finanze, non c’è modo migliore di vivere”, dice il mio amico artista, che attualmente sta affittando una stanza nel suo appartamento a un’altra donna di mezza età che lavora per le Nazioni Unite per sbarcare il lunario. Pochi sono abbastanza fortunati da vivere da soli a New York, figuriamoci possedere la propria casa.

READ  Prova motore DN Skoda Fabia

prende “sgranocchiare” Non finisce mai qui, e sebbene il fascino della città sia irresistibile, sono alle prese quotidianamente con le eterne domande: qual è esattamente il fascino di New York? Perché siamo così ossessionati da questa città? Non è bella come possono essere le città europee. Non è pulito. Non è né equo né facilmente accessibile finanziariamente (soprattutto ora che la corona qui vale quanto le banconote di monopolio). Ma è la città più famosa del nostro tempo.

Frank Sinatra cantava: “Se posso arrivarci, arriverò ovunque”.

Le persone che vivono qui dicono: “Tutti quelli che sono bravi in ​​qualcosa sono a New York”.

Queste frasi Echeggia nella mia mente quando vado ad allenarmi e mi sento solo o demotivato, cosa che a volte accade. Penso che sia lo stesso con tutti i newyorkesi. Mi convinco sempre di più che New York non sia realmente una città ma uno stato d’animo. È un guscio che ognuno riempie con le proprie speranze, pensieri e sogni.

Niente era più cupo di New York durante una pandemia. La città era cupa e spaventosa, dice il mio amico artista che è originario dell’Italia.

– La Roma è stata grande negli anni del covid. Non ci sono turisti e hai la città tutta per te. Ma New York senza gente? Non è New York.

E questo è il caso Il. Il sogno di New York è ciò che ha creato e costruito questa città. Ne vedo gli effetti in quartieri come Little Italy o Chinatown o quando visito Ellis Island. Al Museo dell’Immigrazione, che si trova sull’isolotto accanto alla Statua della Libertà, sono ancora sui muri i nomi di coloro che sono venuti qui più di cento anni fa.

READ  Panico su Klarna dopo il messaggio: 'Shaken'

A volte si dimentica che New York è una città portuale, dove gli immigrati arrivavano in nave nella speranza di una vita migliore: la porta del sogno americano. Ma a differenza del resto degli Stati Uniti, che elezione dopo elezione ha perso il suo fascino, New York rimane saldamente nella sua foschia onirica.