TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SBU: Non è chiaro l'effetto della cannabis sul dolore

SBU: Non è chiaro l'effetto della cannabis sul dolore

Attualmente in Svezia non esistono medicinali contenenti cannabis È approvato per la gestione del dolore. Qui gli unici farmaci che contengono cannabis sono il Sativex, prescritto per il trattamento della sclerosi multipla, e l'Epidilex, utilizzato per alcune forme di epilessia infantile. Questi farmaci vengono talvolta prescritti per alleviare il dolore, sebbene i preparati non siano approvati per questo, fenomeno chiamato prescrizione off-label.
Nelle due cliniche dell'azienda produttrice di cannabis Aurea Care a Kristianstad e Stoccolma, che si autodefiniscono cliniche del dolore, i cannabinoidi vengono prescritti principalmente come farmaci improvvisati. Cioè, preparati appositamente fabbricati nelle farmacie.[1]

Esistono anche medicinali stranieri a base di cannabis che possono essere prescritti con licenza per alleviare il dolore.

Numero limitato di pazienti
Il numero di pazienti trattati con Sativex è salito a poco meno di 700 nel 2021, ma è sceso nuovamente a meno di 300 l’anno successivo. Tuttavia, il numero di persone che lo hanno ricevuto off-label a causa del dolore non è noto. Epidyolex viene utilizzato meno frequentemente, solo per 20-30 pazienti all'anno.

Il numero di prescrizioni prescritte e autorizzate è incerto perché non esistono statistiche ufficiali. Tuttavia, la società Apotek Produktion & Laboratorier (APL), che produce preparati improvvisati, indica che circa 600-700 pazienti in tutto il paese hanno ricevuto questi preparati nel 2023. Per quanto riguarda i preparati autorizzati, esistono statistiche della regione di Stoccolma. Lì, nel 2023, sono stati descritti 485 pacchetti di questo tipo.

Revisione della ricerca danese
Ultima fantastica panoramica La cannabis è stata pubblicata come trattamento per il dolore nel 2023. Cannabis contro placebo per il dolore: una revisione sistematica con meta-analisi e analisi sequenziale pilota.[2] Dietro lo studio c’è un gruppo di ricerca danese che porta come primo nome Jihad Barakji, del Rigshospitalet di Copenhagen.

READ  Il deterioramento cognitivo nella psicosi di nuova insorgenza varia ampiamente da individuo a individuo

Le conclusioni della revisione sistematica completa – che comprende 65 studi robusti – non sono incoraggianti:
“La cannabis ha ridotto il dolore cronico e migliorato la qualità del sonno, ma l’effetto è di dubbia importanza. La cannabis non ha avuto alcun effetto sul dolore acuto o sul dolore da cancro e ha aumentato il rischio di effetti collaterali non gravi superare i potenziali benefici”..

Altre revisioni della ricerca Le meta-analisi mostrano risultati simili. In primo luogo, l’uso medico può essere altrettanto dannoso quanto l’uso per scopi inebrianti;[3] In parte perché gli svantaggi sono maggiori degli effetti medici.[4] Un altro studio recente ha dimostrato che il cannabidiolo (CBD) non ha alcun effetto antidolorifico.[5]

Commenti della SBU
L'Autorità statale di preparazione per la valutazione medica e sociale ha pubblicato un commento dettagliato sulla revisione danese.[6] La SBU apprezza che lo studio sia stato ben condotto e di buona qualità e che gli autori abbiano tenuto conto delle carenze delle prove scientifiche raccolte quando hanno interpretato i risultati e formulato le loro conclusioni. La SBU concorda ampiamente con i ricercatori danesi, ma in alcuni casi fornisce una valutazione leggermente diversa dell'affidabilità delle conclusioni.

Nel complesso, la panoramica mostra che lo stato delle conoscenze in questo settore è incerto.scrive l'autore del rapporto della SBU e ritiene che siano necessarie ulteriori ricerche di buona qualità per poter trarre conclusioni affidabili sui rischi e sui benefici della cannabis per i pazienti con varie condizioni di dolore.

La SBU ritiene inoltre che abbia un valore clinico limitato per valutare l'effetto su pazienti con diversi tipi di dolore, come è stato fatto nella revisione di Barakci. Certo, il suo gruppo di ricerca ne ha tenuto conto analizzando l’effetto della riduzione del dolore in tre diversi sottogruppi: dolore acuto, cancro e dolore cronico. In questo caso è stato osservato un modesto sollievo medio del dolore in condizioni di dolore cronico, ma l’effetto era discutibile. Inoltre, difetti nei documenti rendevano la conclusione incerta.

READ  A più persone dovrebbe essere possibile prescrivere farmaci per l’ADHD – un mandato del governo

Per quanto riguarda il dolore da cancro, i cannabinoidi sembrano essere paragonabili al placebo, sebbene anche questo sia incerto. Per il dolore acuto non si possono trarre conclusioni. Per questi motivi non è possibile dire nulla con certezza sull’effetto generale della cannabis contro il dolore

“Anche i sottogruppi rispettivamente di dolore acuto, cancro e dolore cronico hanno una rilevanza clinica limitata perché includono condizioni di dolore di diversa natura, origine e meccanismo causale”, scrive la SBU nel suo rapporto.

Varie preparazioni e dosi
Un altro svantaggio della revisione della ricerca danese è che la cannabis negli studi inclusi aveva preparazioni e dosi diverse, il che ha indebolito la capacità di interpretare i risultati.

Infine, la SBU precisa che gli effetti del trattamento si applicano a breve termine. In molti casi è stato necessario un follow-up a lungo termine per poter trarre conclusioni significative, soprattutto per quanto riguarda gli effetti collaterali e la mortalità.

Uno stato di conoscenza incerto
Pertanto, la SBU ha concluso che lo stato delle conoscenze sulla cannabis come analgesico è incerto e che sono necessarie ulteriori ricerche. È difficile trarre conclusioni attendibili sugli effetti, sebbene i ricercatori danesi abbiano osservato un piccolo sollievo medio dal dolore in un gruppo di pazienti con condizioni di dolore cronico. Inoltre, secondo la SBU, non è possibile valutare il rischio di effetti collaterali sulla base dei dati della ricerca.

Riferimenti: [1] Notizie sulla droga 20-10-2023. L'Agenzia svedese per i medicinali blocca le pubblicità della cannabis di Aureum – Drugnews
[2] Barakji et al. (2023). Cannabis contro placebo per il dolore: una revisione sistematica con meta-analisi e analisi sequenziale pilota. Un vantaggio. 2023;18(1):e0267420. PubMed (nih.gov)

[3] Drugnews 2024-04-05 Nuovi avvertimenti per la cannabis terapeutica – Drugnews
[4] Drugnews 2023-09-22 – Effetti collaterali e benefici per la salute della cannabis – Drugnews

[5] Moore et al (2024). Prodotti a base di cannabidiolo (CBD) per il dolore: inefficaci, costosi e potenzialmente dannosi. Diario del dolore, volume 25, n. 4 (aprile). (sciencedirectassets.com)
[6] Cannabis nel dolore (sbu.se)