TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sarah Sjöström ha perso 5 milioni di entrate nell'anno della pandemia 2020

Sarah Sjöström ha perso 5 milioni di entrate nell’anno della pandemia 2020

L’anno pandemico 2020 non è stato un anno divertente per lo sport. Le associazioni e gli organizzatori hanno avuto difficoltà. Per non parlare delle stelle dello sport più brillanti.

Questo può essere visto non da ultimo nella speranza olimpica svedese Sarah Sjostrom.

Per diversi anni, la star del nuoto Sarah Sjöström Promotion AB è stata una vacca redditizia con entrate elevate e buoni profitti.

Nel 2019, la sua azienda ha generato un fatturato di 10,1 milioni di corone svedesi e un utile dopo elementi finanziari netti di 9,1 milioni di corone svedesi.

Poi è arrivato l’ultimo anno, che ha messo fine al mondo intero.

Supportato da cinque milioni

Può essere difficile confrontare il reddito di una star dello sport ben pagata con la catastrofe umanitaria che il mondo ha vissuto. Tuttavia, illustra ciò che molte funzionalità sportive hanno sperimentato.

Nel caso di Sarah Sjöström, il fatturato dell’azienda lo scorso anno è stato di 5,3 milioni di corone svedesi, che rappresenta una perdita di fatturato di quasi cinque milioni, o quasi la metà, rispetto all’anno precedente.

L’utile dopo gli elementi finanziari netti è diminuito da 9,1 milioni di corone svedesi a 2,6 milioni di corone svedesi.

Il rapporto di gestione della società afferma:

La diffusione del Coronavirus ha avuto un impatto significativo sull’attività dell’azienda. Le competizioni e le Olimpiadi sono state cancellate, il che significa minori entrate nel 2020. Il consiglio sta seguendo attivamente gli sviluppi per valutare i potenziali impatti del Covid-19″.

Sarah Sjöström si concede ancora un dividendo di 435.000 SEK.

Può sopportarlo. Il patrimonio netto – la differenza tra attività e passività – è di 18,3 milioni di corone svedesi.

READ  Il dato sull'inflazione pesa sulla borsa di Stoccolma | GP

scivola sulla macchia di ghiaccio

L’anno scorso non ha significato solo battute d’arresto economiche. All’inizio del 2021, la stella del nuoto ha avuto un vero e proprio scoppio, ancora preoccupante, in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo.

Sabato 6 febbraio ho nuotato i 50 metri stile libero in una gara di allenamento a Eriksdales Badet in prima serata il 24.07. Modulo lettera – La stella sarà accreditata alle Olimpiadi estive.

Dopo poche ore tutto è cambiato.

Sjöström è scivolato su un pezzo di ghiaccio e ha colpito il gomito destro e le radiografie al St. Goran Hospital hanno mostrato una frattura.

“Ci è voluto molto”

Due giorni dopo, il 27enne è stato operato, dopo di che il medico della squadra nazionale di nuoto René Tour ha detto che tutti erano contenti di come era a posto l’articolazione del gomito.

– Ero davvero triste quando ho ricevuto il messaggio che era rotto. Mi è costata una grande difficoltà. Specialmente quando hanno detto che sarei stato operato. Poi ho capito che ci sarebbe voluto del tempo, dice Sjöström a DN una settimana dopo l’operazione.

A marzo e aprile, la formazione è aumentata gradualmente. All’inizio non le è stato permesso di usare il braccio destro ferito in acqua. Il piano di allenamento sta funzionando, Sjöström evita contrattempi, e si decide che il ritorno della competizione avverrà l’1-2 giugno al francese Canet.

Buon ritorno in Francia

Il ritorno ha dato le risposte che la squadra voleva. Sjöström è terza nei 50 e 100 stile libero, e anche se i tempi non sono i migliori della sua carriera, Sjöström è positiva.

READ  Porsche e Rimac guideranno insieme una Bugatti

Sento che manca un’eternità prima di tornare a tempi record. È stato un po’ più pesante di stamattina (test), ma sono così felice di essere tornata anche nei 100 m stile libero, ha detto alla Swedish Swimming Association dopo la finale dei 50 m stile libero.

Lei completa:

– Spero più velocità il mese prossimo. Ma ero così pieno, dice Sjöström, che mi sento come se dovessi prendere ogni gara che posso fare e correre tutto.

Dubbi sulle farfalle che nuotano

Pazienza è ora la parola chiave per il grande traguardo della stagione: i Giochi Olimpici di Tokyo dal 23 luglio all’8 agosto.

Alla fine di giugno, il piano era che Sarah gareggiasse con Sjöström a Roma. Tendono a nuotare 50 e 100 metri stile libero anche nella capitale italiana. Cosa accadrà a 100 Butterflies, dove era la campionessa olimpica, non è stato determinato.

– Potrei fare un test per vedere dove sono. Ma guardando quello che sto facendo ora in 100 nuotate a stile libero, nuotare 100 farfalle sembra piuttosto lontano, quasi dall’altra parte del pianeta, dice Sarah Sjöström per l’Associazione svedese di nuoto.