TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sammy si rifiuta di firmare il contratto di silenzio Sveaskog

Sammy si rifiuta di firmare il contratto di silenzio Sveaskog

Molte tigri.

Temono di perdere il diritto di pescare. o pesce. O essere congelato o molestato dalle aziende forestali, come è diventato lui stesso, dice Henrik Andersson. Ma non è stato creato in questo modo.

“Sono nato senza quel gene che ti fa preoccupare della vendetta”, dice al tavolo della cucina dove lui e la sua compagna, Louise Carlson, siedono sotto un lampadario di corna di renna.

Henrik Andersson al tavolo della cucina di casa a Tallberg, Råneå.

Foto: Beatrice Luneburg

È un membro del consiglio In Gällivare skogssameby, ci racconta che suo nonno negli anni ’60 lo ha ingannato dai rappresentanti giganti della SCA facendogli vendere i suoi boschi per poche migliaia di corone. Quando la famiglia volle riacquistare la casa qualche anno dopo, un milione di dollari era troppo caro.

Oggi, le renne camminano sui terreni aziendali senza cibo a sufficienza, quando le antiche foreste di licheni vengono abbattute. È uno dei tanti che devono comprare pellet in inverno.

– Stanno prendendo tutto ad un ritmo veloce ora. Vedo che non ha scelta. Quello che facciamo non è un’attività, è un’azione preventiva.

Potrebbe anche Henrik Anderson Il più combattivo tra tutti gli avversari delle foreste moderne in Svezia oggi.

Due anni fa, ha guardato un clip televisivo su Extinction Rebellion, che protesta contro la distruzione dell’ambiente con una pacifica disobbedienza civile. Hanno fermato la metropolitana, sono riusciti a fermare tutta Londra.

– Sono rimasto molto colpito dal modo in cui si sono organizzati e hanno comunicato con lei.

500 renne in capannoni per etichettatura frettolosa, in un'antica foresta di continuità segnalata abbattuta - ma fermata da Sammy, a nord di Lulea.

500 renne in capannoni per etichettatura frettolosa, in un’antica foresta di continuità segnalata abbattuta – ma fermata da Sammy, a nord di Lulea.

Foto: Beatrice Lundborg

Ad aprile ne comprende più di venti Attivisti nella casa in cui siamo seduti, a Talberg, dieci miglia a nord di Lulea. Insieme, mettono in pausa il taglio Sveaskog dell’antica foresta ai Sami Cultural Monuments. dn menzionato in Come si arrampicavano sugli alberi e si attaccavano alle macchine forestali. I dipendenti si sentivano minacciati, secondo la direzione di Sveaskog, che ha anche fornito قدمتقدمت La loro nuova strategia futura: Migliore collaborazione con Sami e maggiori considerazioni ambientali.

DN ha esaminato i rapporti di taglio di Sveaskog all’Agenzia forestale svedese tra il 2016 e il giugno di quest’anno. Durante questo periodo, una vasta area come Öland fu abbattuta. L’azienda afferma che questo rappresenta solo l’1% della foresta che non è stata designata per considerazioni ambientali.

per me La nuova strategia dell’Unione europea per le foreste Dovrebbero essere evitate le cadute da nudo che non sono “debitamente giustificate” in relazione all’ambiente e al clima – sia per ragioni climatiche che ecologiche.

trimestre Dei terreni segnalati, l’area è costituita da appezzamenti di oltre 20 ettari, i cosiddetti appezzamenti giganti. Secondo l’azienda, i pezzi sono diventati più grandi a causa di danni da fuoco, selvaggina, funghi e insetti.

Le foreste non chiaramente definite, o la cosiddetta foresta di continuità, si stanno deteriorando. Il 40% dei rapporti di taglio di Sveaskog si trova in aree considerate foreste continue dall’Agenzia svedese per la protezione dell’ambiente. Nessuno a Sveaskog voleva un’intervista prima di questo articolo. In una mail a DN, l’azienda afferma che il sondaggio dà solo un’indicazione. Se una valutazione in loco mostra che si tratta di una foresta di continuità, non verrà abbattuta, scrive Peter Bergman, direttore della conservazione della natura dell’azienda.

Inger An Uma, presidente del consiglio di amministrazione della foresta di Fabstein, il villaggio di Sami, in cui si trova il più grande allevatore di renne nel comune di Storuman, ha appena ricevuto un centinaio di segnalazioni di taglio da Sveskog sul tavolo – una foresta che il villaggio, secondo lei, ha già rifiutato di cadere.

– Direi che la maggior parte è una foresta di continuazione. Non è consentito abbattere foreste con più di 70 anni, quindi non c’è più nessun altro tra cui scegliere. E quello che stiamo vedendo ora è un tasso più alto che mai di nascondere i piani. Viene da chiedersi se sia a causa della minaccia dell’Unione Europea.

Inger Ann Uma, capo del villaggio Sami a Fapsten.

Inger Ann Uma, capo del villaggio Sami a Fapsten.

Foto: privato

I rappresentanti di vari villaggi Sami con i quali il DN era in contatto descrivono come un’illusione le consultazioni con Sveaskog, a cui i villaggi hanno diritto in base alla legge e al certificato di sostenibilità FSC. Che Sveaskog abbatte un’antica foresta degna di protezione nonostante Sami no.

Jenny Steenberg, direttrice della pianificazione per il distretto del mercato di North Sveaskog, ha scritto in una e-mail: “Al contrario, le aree forestali protette di alto valore naturale in diverse parti della nostra catena d’azione vengono identificate e conservate. Inoltre, una parte importante del consultazioni è in particolare che Sveaskog dovrebbe lavorare per implementare modifiche che beneficino in diversi modi dell’allevamento delle renne e della possibilità di coesistenza.

Una proposta di accordo sulla consultazione inviata da Sveaskog ai villaggi Sami - a condizione che non raccontassero agli estranei i piani di Sveaskog.

Una proposta di accordo sulla consultazione inviata da Sveaskog ai villaggi Sami – a condizione che non raccontassero agli estranei i piani di Sveaskog.

Inserito a giugno Sveaskog ha emesso un accordo, di cui il DN ha preso atto, e i villaggi Sami sono stati invitati a firmare. Secondo l’accordo, le informazioni sui piani di Sveaskog non possono essere condivise con estranei. Molti DN si sono espressi per vederlo come un tentativo di rimanere in silenzio, di non uscire dai media e lanciare l’allarme sul taglio.

È scritto come se la consulenza non fosse un nostro diritto in quanto popoli indigeni, ma come se fossimo parti industriali alla pari di un accordo commerciale, afferma Inger-Ann Uma, anche lei avvocato. Non ho visto un accordo simile.

Jenny Stenberg A Sveaskog scrive a DN che è responsabilità sia del villaggio di Sami che di Sveaskog condividere le informazioni sulle loro attività – e che il materiale dovrebbe essere trattato in consultazione.

“È una parte normale di un dialogo condiviso e un processo che molti certamente riconoscono, non un modo per mettere a tacere le critiche”.

La Swedish National Sami Society, la SSR, esorta tutti i membri a non firmare l’accordo. a Un appello aperto al governo Il sindacato descrive la foresta di Sveaskog come “l’eliminazione totale delle condizioni per l’allevamento naturale delle renne in Svezia” e chiede: “Come fa il governo ad assicurarsi che un’azienda statale stia cercando di evitare il controllo attraverso clausole di riservatezza?”

Foto: SSR

Secondo Jenny Wake Carlson, Il consigliere federale dell’SSR dei membri descrive Sveaskog come “il peggiore della sua categoria”.

– È un paradosso. Gestiscono le foreste di tutti i cittadini svedesi e dovrebbero essere un modello. Ma per quanto riguarda l’industria dell’allevamento delle renne, non seguono nemmeno le proprie linee guida.

L’SSR sta attualmente indagando sulla possibilità di portare lo Stato in tribunale, chiedendo il risarcimento dei danni.

In uno degli Sveaskog Fuori Lycksele incontriamo parti di un’ex squadra di caccia. Greger Thorsson, il compagno Berit Andersson e la nuora Maria Johansson con la nipote Nathalie, 5 mesi, in un marsupio a pancia in giù.

La squadra di caccia ha affittato un appezzamento di terreno negli anni ’70 Jovan, uno dei parchi ecologici di Sveaskog, dove l’azienda descrive come “le zecche odorose diffondono il profumo di anice dal vecchio salice, il lichene del lupo giallo brillante cresce sui pini appesi e nell’abete sospeso ricco di licheni è il nido dei licheni”. La piantumazione di foreste in un ecoparco dovrebbe essere effettuata con una speciale considerazione ecologica.

Uno degli incidenti di Sveaskog fuori Lycksele, dove i pescatori stanno protestando contro l'azienda.

Uno degli incidenti di Sveaskog fuori Lycksele, dove i pescatori stanno protestando contro l’azienda.

Foto: Beatrice Lundborg

I cacciatori impegnati per l’ambiente Greger Thorsson e Christer Klintefelt della squadra hanno protestato contro i piani per tagliare le vecchie foreste con alti valori naturali nel parco.

– È sempre sbagliato. Se viene pianificato un appezzamento in un luogo dove c’è una foresta primordiale, dicono: “Wow, non andava bene”. E hanno già raccolto: “Oops”. Danno sempre la colpa al fattore umano, come ha fatto 20 anni fa, non fa differenza, dice Christer Klintfelt, descrivendo il crescente dolore.

– Ho vissuto nei boschi a nord di Lixley da quando ero bambino. Vecchie, grandi, bellissime pinete – alte sale colonnate – un’idea: ecco come appare una foresta. Ma ora è tutto sparito, almeno il 99%.

dopo i cacciatori Partecipare In Sveriges Radios Kaliber 2017 sull’affettatura, La pesca è finita.

– Sveaskog ci ha detto che abbiamo rilasciato pochissime alci. Ci siamo sbarazzati del contratto di locazione, dice Greger Thorson.

“Dove dovrebbero andare tutti gli animali?” Hunter chiede a Bert Anderson di uno dei pezzi di Sveskog. Accanto a lui ci sono Greger Thorsson e Maria Johansson con la loro figlia Nathalie.

Foto: Beatrice Lundborg

Altre squadre di caccia della zona hanno liberato meno cervi di loro. I pescatori hanno scritto e-mail, lettere e contattato i dirigenti locali, la direzione e il consiglio di amministrazione della compagnia statale, senza ottenere risposta sul vero motivo del loro licenziamento.

– È molto triste, dice Maria Johansson.

Alcuni membri della squadra di pesca non osano commentare. Si sentono molestati – molte altre squadre di caccia che avrebbero dovuto essere avvertite che avrebbero potuto “mettersi nei guai” se qualcuno della squadra di caccia di Yufan fosse stato catturato sono state bandite.

“Sono molto deluso dalle azioni di Sveaskog”, afferma la pescatrice Maria Johansson, la figlia Natalie a pancia in giù. Accanto: Beret Anderson e Greer Thorson.

Foto: Beatrice Luneburg

Secondo Sveaskog, l’evacuazione della squadra di caccia non ha nulla a che fare con la critica alla foresta.

“Il motivo è che non hanno seguito le nostre linee guida sulla caccia; i punti nei nostri documenti governativi su come agire come leader di caccia e membro della squadra di caccia e quali aspettative abbiamo dei cacciatori”, Michael Lundberg, Direttore del Dipartimento Forestale, Nord Market District, ha scritto in una e-mail.

Di ritorno a Norrbotten 500 renne si sono scontrate con un recinto in una foresta centenaria piena di licheni pendenti minacciati da talee.

Henrik Anderson ha detto:

“La mia medicina è stare nei boschi”, dice Henrik Andersson.

Foto: Beatrice Lundborg

Dall’altra parte della palude paludosa del vicino prato, il sole di mezzanotte sorge e Henrik Andersson guarda il fuoco che ha appena acceso. Vuole dedicarsi alle renne, ma si sente obbligato ad avere infiniti incontri con gli sviluppatori: l’industria forestale, l’industria mineraria, le compagnie di energia eolica e altri che vogliono raccogliere. Processi presso il Tribunale della Terra e dell’Ambiente. La pressione è grande da più parti. Le dita non sono sufficienti per contare gli amici nell’industria dell’allevamento delle renne che si sono spogliati, ha detto.

– Molte persone si sentono male. La mia medicina è stare nel bosco. Ma ti senti peggio quando vedi che tutto scompare.

due anni fa Partecipato a Settimana artica a Parigi, a cui sono state invitate le popolazioni indigene dell’Artico in tutto il mondo: Canada, Groenlandia, Russia e Paesi nordici. Lo scioccava che tutti sperimentassero la stessa cosa: un’ampia gamma che soffocava le piccole dimensioni e la rapida perdita della vita. Henrik Andersson sottolinea che a Stoccolma non osserviamo direttamente ciò che sta accadendo, le conseguenze della crisi climatica e della biodiversità.

Un corno costruito da Henrik Anderson, in un'antica foresta salvata dalle proteste dei Sami.

Un corno costruito da Henrik Anderson, in un’antica foresta salvata dalle proteste dei Sami.

Foto: Beatrice Lundborg

Vede il prossimo futuro nell’oscurità. Ciò che gli dà speranza è la nuova generazione di Greta.

– Sembra che abbiano capito. Vedono che lo dice così com’è e che è accettabile dire lo stesso ai leader mondiali. Penso che cambieranno quando saliranno al potere tra circa 20 anni. Se non è troppo tardi allora.

READ  Dibattito: viene insegnato il tifo ai politici