TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Salto con gli sci svedese dopo la lettera: tragico

Il salto sul ghiaccio femminile non è da molto tempo uno sport di altissimo livello. Durante il bagno di Oberstdorf all’inizio di quest’anno, le donne hanno saltato per la prima volta una grande collina nel corso del torneo.

Da parte norvegese è stata avanzata la proposta di fare il passo successivo e di dare alle gare femminili anche il pattinaggio di figura. Ma alla riunione del calendario FIS tenutasi ieri, è stato votato il numero 9-7.

– Non c’è niente che mi sorprenderà. Spero che possiamo saltare lo sci. È un sogno per me fare proprio questo. Ma c’è molta resistenza a questo, dice Astrid Norstedt, giocatrice svedese di salti schiena contro schiena.

– Sono incredibilmente frustrato. È incredibile. “Siamo semplicemente contrari”, afferma la star norvegese Marin Lundby A NRK.

Svezia e Norvegia sono state tra coloro che hanno votato a favore della proposta, ma i principali paesi Austria e Germania, tra gli altri, hanno votato contro.

– Veramente non capisco. È stato detto che le ragazze non sono abbastanza brave. Il salto con gli sci femminile è uno sport nuovo, ma le donne sono così brave che non c’è motivo di non farci sperare nello snowboard, dice Norstedt.

Spiega perché crede sia importante che anche le donne possano competere nel pattinaggio artistico.

Se fossi giovane e vedessi delle donne saltare sul ghiaccio, penserei che sia bello. Ora vedi invece che alle donne non è permesso fare la stessa cosa dei ragazzi. Penso che sia molto tragico. Speriamo solo che non passeranno molti anni prima di poter fare il salto.

READ  NHL: Wilson sullo scandalo tra New York Rangers e Washington

Archivio: Snowboarders Criticize Fis (15 dicembre)

JavaScript deve essere abilitato per riprodurre il video

SVT non supporta la riproduzione nel tuo browser. Pertanto consigliamo di passare a un altro browser.

Astrid Norstedt in occasione di un salto di formazione a Seefeld 2019. immagine: Bilderan