TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

S in Europa sceglie una strada all'ombra della guerra - l'attualità in Politiken

S in Europa sceglie una strada all’ombra della guerra – l’attualità in Politiken

Un’ampia delegazione svedese guidata da Magdalena Andersson e Ann Linde parteciperà nel fine settimana dal 14 al 15 ottobre al Congresso del Partito socialdemocratico europeo a Berlino.

In programma c’è anche Stefan Lofven, che dovrebbe essere eletto come nuovo presidente.

Stefan Lofven ha sempre lavorato con le questioni relative alla vita lavorativa, il cosiddetto accordo globale, ma anche con le nostre questioni principali: politica estera femminista, apertura. Se Stefan Lofven ottiene la carica di presidente, dà un’impressione più forte della socialdemocrazia svedese. Anne Lindy dice che spero anche che ispiri il nostro partito a essere più coinvolto nei dibattiti europei.

La conferenza tenuta dall’ESP, o PES come è noto a livello internazionale il partito, è un grande evento con 1.000 partecipanti provenienti da tutta Europa, compresi paesi extra UE come la Gran Bretagna. Questo è un momento in cui la guerra ha dato più peso politico alla dimensione europea.

– Linde afferma che la conferenza è un grande evento nella socialdemocrazia europea.

Un elemento importante del programma sarà l’elezione di Löfven a nuovo presidente, che sembra essere una formalità poiché non ha candidati corrispondenti. Altrimenti, è chiaro che l’invasione russa dell’Ucraina porrà fine a tutte le questioni.

Distinguere i tempi in cui viviamo ora. È una guerra in tutta Europa, a un livello che non si vedeva dalla seconda guerra mondiale. Abbiamo visto la guerra nei Balcani e vari conflitti, ma non a questo livello.

PES Womens ha dato il via alla conferenza giovedì con il tema #MakeHerCount, su come limitare le voci delle donne quando la gestione delle crisi economiche, della difesa e della sicurezza domina il dibattito politico. Un problema di cuore svedese sollevato da Anne Lind, non da ultimo Margot Wallström e Stefan Lofven nel contesto della politica estera femminista.

READ  Recensione: Carl Johann von Seth "Sesso economico"

Le questioni politiche della Svezia si ripetono a livello europeo. Un esempio è che la Conferenza dell’Europa orientale discuterà di solidarietà internazionale.

Si discuterà di questioni relative agli aiuti e allo sviluppo e alla mancanza di solidarietà con il mondo al di fuori dell’Europa, poiché abbiamo anche preoccupazioni su come potrebbe apparire in Svezia con proposte per ridurre drasticamente gli aiuti, afferma Anne Linde.

– Puoi vedere che quello che è successo in altri paesi ci sta distruggendo in Svezia. Pertanto, oltre ai punti all’ordine del giorno, per noi sono molto importanti discussioni approfondite con i compagni di partito su ciò che sta accadendo nei loro paesi.

La questione dei principi dello Stato di diritto è viva nell’Unione europea da diversi anni. La guerra e le recenti elezioni in Italia hanno reso la questione ancora più accesa.

All’interno dell’Unione Europea, la questione dei principi dello Stato di diritto ha ricevuto un’attenzione significativa dopo gli sviluppi in Ungheria e Polonia. C’è ora grande preoccupazione per ciò che accadrà in Italia quando il partito neofascista diventerà il più grande.

– È anche spaventoso che queste forze si stiano rafforzando in Svezia. Cosa dovremmo fare noi socialdemocratici per essere una controforza più forte contro il nazionalismo e i tentativi di smantellare cose come il servizio pubblico, la libertà di stampa e così via? Lindy dice che è una grande sfida per la socialdemocrazia.

Uno dei maggiori cambiamenti politici all’interno della socialdemocrazia europea negli ultimi anni è che la questione del clima è diventata centrale. Lo sentirai anche alla conferenza.

Si tratta molto di energia. Tutti i socialdemocratici, specialmente quelli che ricoprono incarichi di governo, ora hanno la questione dell’energia in cima alla loro agenda. Come affrontare la crisi energetica in modo graduale? Avere un uso dell’energia rispettoso dell’ambiente e privo di fossili, garantendo al contempo che i paesi con molti combustibili fossili possano eliminarli gradualmente.

READ  Il costo di riparazione di Ringhals 4 è di 100 milioni di corone svedesi

– E che tipo di sostegno dovrebbe essere dato alle tante famiglie che ora saranno colpite dalla crisi energetica, e come farlo in modo economicamente sostenibile?

L’aspetto economico è una questione che è stata oggetto di accesi dibattiti all’interno dell’Unione Europea di recente, con la Svezia come potenza limitante.

La Svezia ha sottolineato che dobbiamo fornire sostegno sì, ma non possiamo fornire sostegno in modo tale da mettere a rischio la situazione economica per le generazioni future, afferma Ann Linde.

– È positivo che noi socialdemocratici possiamo avere questa discussione prima di partecipare alle riunioni a livello dell’UE in futuro.

Un’altra eterna domanda difficile posta alla conferenza è lo sviluppo futuro dell’Unione europea, “allargamento contro approfondimento”. Una questione resa ancora più importante dal fatto che Ucraina e Moldova hanno ottenuto lo status di paesi candidati all’adesione all’UE.

– C’è sempre stato un tale dibattito. Dalla socialdemocrazia svedese, siamo sempre stati positivi nel portare i paesi dei Balcani occidentali nel contesto europeo. Ma allo stesso tempo ci sono partiti socialdemocratici in alcuni paesi che vogliono un orientamento più federalista.

C’è anche una dimensione di politica di sicurezza in questo quando l’UE adotta quella che nel linguaggio dell’UE viene chiamata la “bussola strategica” secondo cui l’UE dovrebbe avere una componente civile e militare. Ciò significa che l’UE ha un peso diverso su questi temi, afferma Anne Linde.

La delegazione svedese comprende il viceministro Matilda Ehrencrans, il segretario del partito Tobias Boden, il vice segretario del partito Nils Vikmange, il ministro degli Esteri Paula Carvalho, il segretario internazionale Johan Hassell e il segretario politico Malin Holmberg.

READ  Stoccolma dovrebbe rinviare l’espansione della zona ambientale di Classe 3

Tra i presenti a Berlino c’erano l’eurodeputata Helen Fritson, che è vicepresidente dell’ESP, e i commissari socialdemocratici dell’UE tra cui Ylva Johansson.