TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ridotto rischio di recidiva nel cancro al seno triplo negativo con alto livello di cellule immunitarie



Le donne con cancro al seno triplo negativo e alti livelli di cellule immunitarie nei loro tumori hanno un minor rischio di recidiva dopo l’intervento chirurgico, anche senza chemioterapia. Ciò è dimostrato da uno studio al quale ora partecipano ricercatori dell'Università di Göteborg e che presentano i risultati.

Il cancro al seno triplo negativo rappresenta circa il 15% di tutte le diagnosi di cancro al seno in tutto il mondo. Rispetto ad altre forme di cancro al seno, le persone colpite sono più giovani e più spesso di origine afroamericana, ispanica e indiana. In Svezia vengono diagnosticati un migliaio di casi ogni anno.

Questa forma di cancro comporta la perdita di tre cosiddetti recettori, riducendo così le possibilità di trattamento. Inoltre, il cancro al seno triplo negativo cresce più rapidamente, ha maggiori probabilità di diffondersi e si ripresenta più spesso di altri tumori al seno dopo il trattamento.

Dietro questo studio, pubblicato su JAMA, ci sono dodici gruppi di ricerca provenienti da tre continenti. Alla parte svedese risponde Barbro Linderholm, professore di oncologia all'Università di Göteborg e primario dell'ospedale universitario Sahlgrenska.

Differenze nella sopravvivenza

Lo studio include dati su un totale di 1.966 partecipanti in tutto il mondo con carcinoma mammario triplo negativo in stadio iniziale. Pertanto, i tumori erano piccoli e non si diffondevano. I pazienti sono stati trattati con varie combinazioni di chirurgia e radioterapia, ma non con chemioterapia o citostatici.

I risultati hanno mostrato che il livello delle cellule immunitarie, linfociti infiltranti il ​​tumore che possono riconoscere e distruggere le cellule tumorali, costituiva un potente biomarcatore prognostico, anche quando la chemioterapia non era inclusa nel trattamento. Una scoperta definita importante.

READ  AI Deepmind batte il record di matematica di 50 anni

Cinque anni dopo l’intervento chirurgico, il 95% dei partecipanti allo studio i cui campioni di tessuto tumorale mostravano alti livelli di cellule immunitarie all’inizio del decorso della malattia erano vivi. Il tasso di sopravvivenza nel gruppo con il basso livello di cellule immunitarie era dell’82%.

Attualmente, il livello delle cellule immunitarie nei campioni di tessuto non viene misurato o riportato di routine nel cancro al seno triplo negativo o in altri tumori al seno, e la chemioterapia altamente stressante fa solitamente parte del trattamento standard.

Prognosi molto buona

– Secondo gli attuali programmi di cura, la maggioranza assoluta delle pazienti con cancro al seno triplo negativo riceve citostatici, in combinazione con chirurgia e radioterapia, anche per tumori piccoli, ma i nostri risultati mostrano una prognosi molto buona per questo gruppo anche senza citostatici, in quelli con alti livelli di cellule immunitarie sono naturalmente elevati nei tumori, osserva Barbro Linderholm.

Gli autori dello studio chiedono che la ricerca e gli studi clinici continuino per vedere se i pazienti con una prognosi positiva, cioè con alti livelli di linfociti infiltranti il ​​tumore nei campioni di tessuto tumorale, possono evitare la chemioterapia intensiva.

Il metodo per valutare la percentuale di cellule immunitarie è rapido ed economico perché può essere eseguito in un normale laboratorio di patologia e non necessita di essere inviato per l'analisi.

– I risultati dello studio non sono sufficienti per introdurlo nella routine clinica, ma questo sarà ora indagato in uno studio prospettico internazionale in cui confronteremo la prognosi in pazienti con alti livelli di cellule immunitarie nel tumore al seno con o senza citostatici, conclude Barbro.

READ  L'herpes zoster - Quattro idee sbagliate comuni

StareLinfociti infiltranti il ​​tumore nel cancro al seno triplo negativo, https://doi.org/10.1001/jama.2024.3056

Contatta gli esperti:Barbro Linderholm, tel. 0706 04 54 22, e-mail [email protected]

Comunicazione mediatica: [email protected]




La Sahlgrenska Academy fa parte della Facoltà di Medicina dell'Università di Göteborg Formazione e ricerca in medicina, odontoiatria e scienze sanitarie, www.gu.se/sahlgrenska-akademin