TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatore: Covidpass solleva questioni etiche

di lunedi L’Austria chiude l’intero Paese. Dieci giorni per le vaccinazioni, 20 per i vaccinatori, ea febbraio lo Stato impone “un obbligo di vaccinazione”, secondo il consigliere.

Al momento stanno emergendo tendenze simili in tutta Europa. Cioè, libertà e diritti sembrano diversi rispettivamente per le persone vaccinate e non vaccinate. È ancora più difficile per i non vaccinati.

La Svezia ha deciso Il governo di recente a riguardo Vi presentiamo il cosiddetto covidpass Per eventi con più di 100 partecipanti. Cioè: se vuoi partecipare ad un evento con più di 100 partecipanti, devi essere vaccinato. La lettera è stata ben accolta da politici, ricercatori medici e scrittori di spicco, ma le prove scientifiche che tali passaporti influenzano davvero la diffusione dell’infezione sono deboli.

Ed è proprio per questo che Mats Johansson, professore associato di etica medica presso l’Università di Lund e presidente dello Skåne District Ethics Board, è sospettoso.

– Non ho assolutamente alcuna opinione Riguardo a queste sessioni, perché non ho visto l’analisi corretta ed è qui che sta la mia critica. So molto poco, perché il dibattito su come le varie restrizioni influenzino le nostre libertà e diritti fondamentali gode della sua assenza, non da ultimo nei media, ha affermato.

Durante tutta la pandemia, è stato colpito dalla facilità con cui importanti politici, ricercatori e scrittori hanno chiesto misure coercitive per frenare la diffusione dell’infezione.

– Come se ci fosse un’unica valuta, che è la diffusione del contagio, e quindi il numero dei morti.

Ma lui dice, ecco Anche altri costi. Perché sull’altra scala ci sono libertà e diritti fondamentali. Come il diritto di andare a scuola, di incontrarsi e di muoversi liberamente nella società, il diritto all’integrità fisica, la libertà di religione, ecc.

READ  Richthoff è uno dei ponti SD per aprire l'estremismo di destra - Ekuriren

– Ma su questo non c’è stata assolutamente alcuna discussione. Mats Johansson dice che mi preoccupo anche della polarizzazione in gioco quando le persone che scelgono di non vaccinare vengono dichiarate, almeno dai media, più o meno stupide.

In filosofia ed etica si parla talvolta di piano inclinato, concetto che qui significa che una misura restrittiva può aprirsi ad altre misure ancora più restrittive. Perché non introdurre anche l’obbligo di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia (MMR) per tutti i bambini che frequentano la scuola materna, mentre noi ancora lo facciamo? Un’idea per la quale i liberali di Stoccolma avevano precedentemente mostrato interesse.

Parlando del piano inclinato Bisogna vedere se quello che c’è sotto è cattivo e se c’è il rischio che una determinata azione porti a un ulteriore declino. Di solito starei molto attento a usare questo argomento, ma in questi casi (durante una pandemia) penso che sia giustificato. Abbiamo già visto esempi di questo in alcuni paesi, afferma Mats Johansson.

Durante la pandemia, le persone, i politici e i media hanno chiesto quasi di riflesso misure globali contro la diffusione dell’infezione, ha affermato.

Azioni che hanno portato a intrusioni molto grandi nelle nostre vite, ma di questo non si è quasi mai parlato.