TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione: “Corsetto” per il punteggio più alto di DN.

Elisabetta, imperatrice d’Austria e regina d’Ungheria (1837-1898), ha dato vita alla sua industria dell’intrattenimento fatta di romanticismo e ubriachezza. L’ancora amata trilogia di “Sisi” degli anni ’50 con Romy Schneider nel ruolo del titolo è ovviamente al centro dell’attenzione, ma il sontuoso stile di vita del XIX secolo di Elisabeth è diventato caricatura, intrattenimento per bambini e persino un musical.

Forse non così strano. Da giovane era conosciuta per la sua bellezza e il suo senso della moda. I sogni sono fatti di cose, anche se la loro vita reale contiene tragedie molto più grandi. La tedesca “Empress” (“Die Kaiserin”) su Netflix è una delle aggiunte degli ultimi anni e si avventura nel mostrare un ritratto leggermente più oscuro dell’affascinante imperatrice.

Ma dimentica tutto Questo. L’unico film di cui hai davvero bisogno sulla proprietà di “tutto ciò che è extra” è Corsette della regista austriaca Marie Kreutzer. Anche l’ultimo film dei Queen, se me lo chiedi.

I film e le serie su Elisabeth che corre come una capretta sulle Alpi e canta tra le cime delle montagne spesso iniziano nella sua infanzia, o con il suo grande matrimonio quando aveva 15 anni con Francesco Giuseppe d’Austria. D’altra parte, “The Corset” inizia in modo più brutale. È Natale alla tenebrosa corte ed Elisabetta sta per compiere quarant’anni. Non solo soffre dell’ansia accelerata di invecchiare, è stata pubblicamente ridicolizzata per il suo peso e tradita dal marito maldestro.

La rappresentazione di Kreutzer di una famiglia reale intrappolata nella gabbia dorata della loro regina si sposta esteticamente e psicologicamente nello stesso mondo onirico di “Maria Antonietta” di Sofia Coppola e “Spencer” di Pablo Larraín. Come quei film, anche Corset assume la forma di una sorta di indagine senza tempo sull’esperienza femminile e su come possa essere interpretata e rinegoziata nel tempo. Ma allo stesso tempo, Kreutzer ha il suo tono e il suo linguaggio cinematografico originale con un tocco mitteleuropeo che spicca.

Più vicino di quanto penso Sull’ungherese Laszlo Nemes e sul bellissimo dramma prebellico “Sunset” (2018), ambientato a Budapest mentre la monarchia austro-ungarica è sul letto di morte, più di un decennio dopo la violenta scomparsa di Elisabetta (fu assassinata da un rivoluzionaria italiana a Ginevra che le ha trafitto il cuore con uno strumento sottile).


Foto: cani fortunati

Adoro il modo in cui “The Corset” utilizza i molti fatti bizzarri e colorati sulla vita e la vita di Elizabeth che sono stati coperti storicamente per creare un suo ritratto completamente unico e senz’anima con un tocco satirico – da come la vera regina aveva così tanti capelli il un set pesante di diversi chili le ha causato un mal di testa per essere una pioniera del fitness e avere la sua palestra (!). L’altro dettaglio importante della storia è che era una grande cavallerizza e una viaggiatrice senza paura, ma torturava anche il suo parco giochi con abitudini alimentari losche ed era ossessionata da una vita sottile che solo un corsetto dolorante poteva ottenere.

Ma The Corset è tanto un’esperienza visiva quanto un ritratto sfaccettato di una donna. Judith Herrmann merita tutti i riconoscimenti per la sua splendida fotografia dal sapore classico (ha usato una pellicola analogica da 35 mm) che cattura questo film biografico funky e divertente nel modo più elegante ma profondamente inquietante. Come dice la sorella di Elizabeth nel film: “La sua anima è come un museo disordinato”.

In breve, ogni immagine è un’opera d’arte ben studiata che evidenzia la lotta conflittuale di Elizabeth per l’indipendenza tanto inquietante quanto affascinante. Ad esempio, guarda le scene in cui l’Imperatrice visita un ospedale psichiatrico con prigioniere vestite di viola dalla testa ai piedi con sigarette viola e violette viola che lei sparge delicatamente intorno a lei. Un modo incredibilmente estetico ma anche inquietante di rappresentare come sembri contemplare la propria minacciosa auto-dissociazione.

Lo capisci Vicky Krebs (“The Phantom Thread”, “Bergman Island”) è stata la protagonista di questo film. Un ruolo da sogno per tutti gli attori che vogliono una rotazione. Anche le crepes. Dio è così buono! La misteriosa Elizabeth è infelice e impopolare ma anche estremamente egoista. “Mi piace guardarti quando mi guardi”, le dice del suo corteggiamento del maestro di scuderia britannico (Colin Morgan), senza rendersi conto di quanto sia emarginato. La prigione apparentemente si è creata in parte concentrandosi sul suo aspetto e sul suo peso – e quella stessa conoscenza sembra il cuore oscuro del dramma.

Krieps è anche tagliente per interpretare un personaggio sia senza tempo che moderno, un figlio del suo tempo ma anche rilevante per molte conversazioni diverse sulla femminilità (un grande episodio di “Style” in P1 su SR-play approfondisce la discussione).

Coppola ha indossato scarpe senape color pastello per avvicinare la vita di Maria Antonietta a noi gente del 21° secolo. Kreutzer va molto oltre nei suoi fantasiosi anacronismi. Il dito teso di Elizabeth verso il suo tribunale è già stato riprodotto sul poster del film Shy. Ma prendi anche in considerazione il fatto che Kreutzer sposta indietro di qualche decennio l’invenzione di Louis Le Prince della prima cinepresa cinematografica e lascia che Elizabeth scatti lo scatto spostando le immagini in un modo un po’ angosciante ma anche esilarante sottolineato come sembra sempre essere la persona sbagliata nel posto sbagliato. Così come la colonna sonora meravigliosa e assolutamente magnetica come una versione per archi di “As Tears Up” dei Rolling Stones si abbina alla voce dell’artista austriaco sperimentale Soap & Skin (“Italy”) e alla ballata sognante “She Was” dell’artista francese Camille.

“The Corset”, nonostante la sua scatola oscura e squallida, è un progetto di liberazione anarchico e femminista regalmente divertente che è pazzesco perdersi.

Vedi di più: Altri tre film sulla regina: “Queen Margot” (1995), “Elisabetta” (1998), “Preferito” (2018).

Leggi altre recensioni di film e TV su DN e altri testi di Helena Lindblad

Leggi anche: Marie Kreutzer: “Elisabetta d’Austria era totalmente lasciva” e Vicki Krebs: “Le parole possono essere trasformate in armi di distruzione di massa”

READ  Der FuW-Morgen-Report del 9 ottobre 2023: Sei stato al meglio?