TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quindi deve prendere la seconda dose del vaccino Covid

“Pericolo se solo la metà delle persone fosse vaccinata”

Pubblicato:
Aggiornato:

Newsletter

Quando dovresti effettivamente fare la tua seconda iniezione covid? C’è il rischio di una protezione debole se viene ritardata?

Stanno crescendo le preoccupazioni di non ricevere una seconda dose in tempo. Aftonbladet ha parlato con diversi esperti di vaccini per scoprire cosa si applica.

Se aspetti troppo a lungo, i livelli di anticorpi diminuiscono, afferma Farshid Jalalvand, ricercatore di vaccini presso l’Università di Lund.

Molti lettori di Aftonbladet hanno sentito parlare della confusione e delle preoccupazioni su quando riceveranno il loro secondo Covid-19. Molti testimoniano che i messaggi delle cure sono diversi e che non è ancora possibile prenotare la dose nella regione di Stoccolma, nonostante il fatto che molti quarantenni nella Fase II si stanno avvicinando al limite di tempo.

Questo vale per diversi vaccini:

  • La seconda dose di Pfizer viene somministrata 3 settimane dopo la prima, secondo gli studi clinici dell’azienda. Secondo la raccomandazione FHM, può essere somministrato tra le 3 e le 6 settimane dal primo.

  • Dato parlare con 4 Periodi settimanali. Può essere somministrato da 4 a 6 settimane dal primo secondo la raccomandazione FHM.

  • Il vaccino Astra Zeneca viene somministrato da 4 a 12 settimane dopo il primo, secondo gli studi clinici. Può essere somministrato tra le 9 e le 12 settimane dal primo secondo le raccomandazioni FHM.

La Svezia non è la sola ad aver prolungato gli intervalli tra le dosi 1 e 2. In Finlandia, ad esempio, i cittadini ricevono tutte e tre le vaccinazioni ogni 12 settimane. L’obiettivo è quello di somministrare precocemente a quante più persone possibile una prima iniezione e fornire una protezione specifica contro Covid-19, al fine di ridurre la diffusione dell’infezione e ridurre la pressione sull’assistenza sanitaria.

Non influisce sulla protezione

I periodi consigliati sono quelli che le aziende hanno utilizzato nelle loro sperimentazioni cliniche e su cui dispongono di dati. Ali Merazimi, ricercatore di vaccini presso l’Istituto Karolinska, sottolinea che non ci sono molti studi scientifici che mostrano l’effetto di periodi di somministrazione prolungati, ma non pensa che coloro che ricevono una dose due volte a settimana o giù di lì dopo la raccomandazione debbano preoccupazione.

La risposta immunitaria aumenta alla prima dose. La seconda dose aumenta la risposta immunitaria e garantisce una protezione a lunga durata. Merazimi dice che alcune settimane qua e là non influiscono sulla protezione che ottieni.

Marcus Bogart, un ricercatore di immunologia presso il Karolinska Institutet, è d’accordo. L’effetto non è influenzato dalla maggiore distanza tra la prima e la seconda siringa. Ma dice che la cosa migliore è somministrare le dosi il più vicino possibile l’una all’altra.

Immunologicamente, non sembra fare differenza, generalmente non si ottiene una protezione peggiore quando si è completamente vaccinati con la seconda dose.

“Non dovrebbe cambiare inutilmente.”

Ma lo svantaggio del tempo più lungo tra le iniezioni è che le persone devono camminare più a lungo senza una protezione completa dal Covid-19, secondo Bogart.

Solo dopo la seconda iniezione si ottiene una forte risposta immunitaria e si ottiene un’ottima protezione. Ecco perché penso ancora che dovrebbe essere introdotto il prima possibile, afferma Marcus Bogart.

Farshid Jalalvand, ricercatore di vaccini presso l’Università di Lund, ritiene corretto estendere l’intervallo di dosaggio in Svezia, data l’alta prevalenza di infezione. Ma non è completamente privo di problemi.

Se vedi quanto sia stressante la cura, è una buona idea farlo. In caso contrario, avrei preferito non deviare dalle raccomandazioni. Dice che in situazioni normali, non dovresti attaccarti e cambiare gli intervalli inutilmente.

L’esperto: 12 settimane è una condizione limite

Si stima che l’assunzione della seconda dose poche settimane dopo il periodo raccomandato non abbia un effetto significativo sull’effetto preventivo del vaccino. Anche se, ad esempio, occorrono otto settimane per ottenere una seconda dose di Pfizer o Moderna, non devi preoccuparti.

C’è un lungo limite di tempo per la seconda iniezione. Ma esattamente quando è difficile rispondere.

Quando ricevi la tua prima dose, il corpo sviluppa anticorpi e cellule T dopo alcune settimane che raggiungono il loro apice prima che ricominciano a diminuire. Se aspetti troppo a lungo, i livelli scendono al di sotto della soglia per la protezione dalle malattie. Dopo 12 settimane dalla prima dose di Pfizer potrebbe essere una condizione borderline, dice Galvand, che sottolinea che non ci sono buoni studi su quanto a lungo si possa prolungare.

Inoltre, non dovresti aspettare diversi mesi dopo l’intervallo di dose raccomandato con il vaccino AstraZeneca.

Paure: mutazioni di resistenza

Un immunologo norvegese aveva precedentemente avvertito che una vaccinazione incompleta potrebbe essere come interrompere troppo presto il trattamento antibiotico. Questo potrebbe portare a nuove mutazioni.

Farshid Jalalvand dice che il pericolo è lì. Se le persone non sono vaccinate con la dose 2.

Se aspetti troppo a lungo, i livelli di anticorpi diminuiscono. Se c’è una mutazione e vieni infettato, aumenta il rischio che aggiri il sistema immunitario e quindi sviluppi mutazioni migliori che diventano resistenti, dice.

Si ritiene che sarebbe ragionevole allentare le restrizioni per i vaccinati con la prima dose.

Una singola dose fornisce una buona protezione contro il coronavirus grave. Ad esempio, una singola dose fornisce 85 protezione e circa 95 vaccinazioni Astra Zeneca dopo quattro settimane. Allora probabilmente non dovresti uscire e uscire con uno sconosciuto, ma penso che sia ragionevole che tu abbia il coraggio di lasciar andare un po ‘le restrizioni.

READ  Tusse ha fatto il suo lavoro, ma "spezzato senza pietà" dall'Italia è tornato con la vittoria

Pubblicato:

Continuare a leggere