TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Putin ha minacciato armi nucleari sulla Piazza Rossa

Putin ha minacciato armi nucleari sulla Piazza Rossa

Le forze meteorologiche non sono state clementi poiché Mosca ha celebrato il 79° anniversario della vittoria nella Seconda Guerra Mondiale – o la Grande Guerra Patriottica come è conosciuta qui.

Colonne di soldati e robot dotati di armi nucleari si muovevano sulla Piazza Rossa con temperature di tre gradi sotto zero e una neve incredibile.

Il 9 maggio è un giorno importante in Russia. La vittoria sulla Germania nazista fornì il collante per lo stato multinazionale.

Sotto Putin, la vittoria è stata glorificata Allo stato di debito statale.

Il fatto che l’Unione Sovietica di Stalin e la Germania di Hitler fossero alleate nel primo anno di guerra viene ignorato, così come lo sono gli sforzi della Gran Bretagna, degli Stati Uniti e di altri alleati.

Le celebrazioni del Giorno della Vittoria sono state una dimostrazione di unità e hanno visto la partecipazione di rappresentanti dei paesi occidentali. Nel 2024 Putin ha dovuto accontentarsi della compagnia dei leader delle ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale. Come i presidenti di Laos, Cuba e Guinea Bissau.

Fotografia: Alexander Nemenov/AFP

Per quanto riguarda l'Occidente Putin ha forse creato il mito che “vogliono privarci della vittoria”? I paesi occidentali mentono sulla seconda guerra mondiale. Ha ribadito questa visione della storia nel suo discorso sulla Piazza Rossa.

– Per tre anni abbiamo combattuto i nazisti quasi da soli, mentre praticamente tutta l'Europa ha contribuito al potere militare della Wehrmacht.

Quel giorno erano presenti sul posto circa 1.000 soldati dell’“Operazione Speciale”, la guerra di aggressione di Putin contro l’Ucraina. Ha iniziato il suo discorso rivolgendosi a loro e descrivendoli come “eroi della Russia”.

– Tutta la Russia è dietro di te! Crediamo tutti in te e ti pensiamo!

Vladimir Putin sulla Piazza Rossa di Mosca prima della parata militare annuale.

Foto: Mikhail Tereshchenko/TASS/SIPA/TT

La guerra in Ucraina dall'inizio Giustificato come un modo per “ripulire” il paese vicino, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj è spesso descritto in Russia come un nazista. In quanto tali, le due guerre sono collegate nella retorica di Putin.

– Chiniamo la testa davanti ai defunti veterani della Grande Guerra Patriottica. Davanti agli occhi di civili pacifici vittime di bombardamenti neonazisti e atti terroristici. E davanti ai nostri compagni militari caduti nella battaglia contro il neonazismo.

Solo pochi giorni fa è stato annunciato che la Russia aveva iniziato un’esercitazione con le cosiddette armi nucleari tattiche. È ampiamente visto come un’escalation e una minaccia per l’Occidente.

Nel suo discorso, Putin ha ripetuto questa minaccia.

– La Russia farà tutto ciò che è in suo potere per evitare un conflitto globale. Ma allo stesso tempo non permettiamo a nessuno di minacciarci. Le nostre forze strategiche sono costantemente pronte alla battaglia.

Il Giorno della Vittoria rappresenta un’opportunità per la Russia di mostrare i suoi muscoli militari.  Come qui con Jarz, un robot balistico intercontinentale che può essere armato con armi nucleari.

Fotografia: Alexander Nemenov/AFP

Nonostante l'attenzione alle “operazioni speciali” Tuttavia, la celebrazione del 9 maggio dimostra che la guerra è un tema delicato anche per il regime di Putin. L'Ucraina non è stata menzionata nel discorso del presidente e alla parata ha preso parte solo un numero molto limitato di moderni veicoli da combattimento – forse sono necessari al fronte.

Inoltre, quest’anno, come l’anno scorso, le autorità hanno vietato le manifestazioni pubbliche recanti il ​​nome di “Reggimento Immortale”. Lì i cittadini sfilavano in corteo portando con sé le foto dei loro nonni e bisnonni morti durante la Seconda Guerra Mondiale.

“Motivi di sicurezza” dietro la cancellazione dell'evento a Mosca e in gran parte delle altre città. Ma molti sospettano che in realtà si tratti del timore che i cortei servano a dimostrare l'opposizione alla guerra in Ucraina.

“Mio nonno non si sarebbe battuto per questo” è stato il cartello durante la celebrazione del 2022. Le autorità vogliono evitarlo a tutti i costi, così come le persone che espongono le foto dei loro figli morti in Ucraina, ricordando così quanti russi sono morti davanti.

Per saperne di più:

“Forse sono ancora un po' deluso: il D-Day era più divertente in passato.”

Sforzo russo prima del D-Day

READ  Gli hacker legati alla Russia hanno attaccato i tribunali di Dallas, negli Stati Uniti