TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'attacco militare impedisce l'accesso all'assistenza sanitaria – Örebronyheter

Persone che ritornano a Khan Yunis da Rafah dopo l'offensiva militare del maggio 2024.

Nella foto: Medici Senza Frontiere.

Le forze israeliane hanno lanciato il loro attacco a Rafah e hanno preso il controllo del confine. Le consegne di aiuti e forniture vitali a Gaza sono state interrotte in seguito all'ultimo ordine di evacuazione israeliano.

Migliaia di palestinesi sono ancora una volta costretti a fuggire dalla parte orientale di Rafah, e Medici Senza Frontiere chiede ora la protezione dei civili e la riapertura del valico di frontiera a Rafah.

La chiusura del principale valico di frontiera sta ostacolando gli sforzi umanitari e minaccia di ridurre l’accesso a carburante, cibo, medicine e acqua a livelli pericolosamente bassi.

Il valico di frontiera di Rafah è importante per ricevere spedizioni di aiuti umanitari e la sua chiusura avrà conseguenze disastrose, poiché è un’ancora di salvezza per l’intera Striscia di Gaza.afferma Aurelie Godard, coordinatrice medica di MSF a Gaza.

La guerra durata sette mesi ha portato alla fuga di 1,7 milioni di persone e la decisione di chiudere il valico di frontiera costituisce un altro duro colpo per le persone già colpite a Gaza. Continua Aurélie Godard.

Ordine di evacuazione

Il 6 maggio, le forze israeliane hanno ordinato l'evacuazione di 100.000 persone dalle parti orientali di Rafah ad Al-Mawasi, tra Rafah occidentale e Khan Yunis. Un’area che soffre anche di una significativa mancanza di protezione e di approvvigionamenti. Le forze israeliane avevano precedentemente designato Rafah come zona sicura per i civili.

L’accesso all’assistenza sanitaria è già stato notevolmente ridotto a causa dell’attacco e dell’ordine di evacuazione. Oggi le persone non hanno quasi alcun accesso all’assistenza sanitaria di base.

READ  L'orso finlandese ha attaccato Erica Janka, l'atleta finlandese bianca

– Le persone vengono ancora una volta spostate con la forza da un luogo all'altro in tende improvvisate, senza un riparo adeguato, cibo, acqua e assistenza medica. I rischi di una catastrofe umanitaria più ampia, che ha già raggiunto proporzioni da incubo, sono imminenti. Secondo Aurélie Godard.

Le operazioni negli ospedali e nelle cliniche sono state interrotte

All’inizio della settimana, il personale medico e i pazienti sono stati evacuati dall’ospedale Al-Najjar e l’ospedale europeo di Gaza non è più accessibile. MSF continua a lavorare nell'ospedale da campo indonesiano di Rafah, ma il personale ha iniziato a dimettere i pazienti che possono lasciare l'ospedale autonomamente.

Anche le operazioni presso la Clinica Shaboura sono state costrette a fermarsi. Nel mese di aprile presso la clinica sono state effettuate 8.269 consultazioni e solo nell'ultima settimana il personale ha applicato 344 medicazioni sulle ferite.

– È un disastro, poiché tutte le donne incinte, i bambini e le persone affette da malattie croniche riceveranno cure e cure continue. afferma Paolo Milanisio, coordinatore dell'emergenza di MSF a Rafah.

– Per non parlare delle conseguenze negative sulla salute mentale. Prima di lasciare la clinica effettuavamo più di 130 consultazioni psicologiche individuali a settimana, un numero in aumento nelle ultime settimanedice Paolo Milanesio.

L’8 maggio, MSF ha inoltre consegnato le proprie operazioni presso l’ospedale degli Emirati alle autorità sanitarie locali e ha trasferito il proprio personale all’ospedale Nasser per continuare ad assistere con l’assistenza alla maternità in una zona più sicura di Gaza.

Ciò significa che abbiamo dovuto lasciare 11 strutture sanitarie a Gaza in soli sette mesi. Solo una delle tante prove di quanto brutale e senza legge sia questa guerra. Conclude Paolo Milanesio.

READ  Apparve il presidente "perduto".

MSF ribadisce la sua richiesta di un cessate il fuoco immediato e permanente per fermare ulteriori morti e distruzioni a Gaza e consentire l’arrivo di aiuti salvavita.

Gaza
Örebro Notizie

Fonte: Medici Senza Frontiere