TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SD: No all'AfD e all'Assemblea nazionale e no al Fidesz

SD: No all'AfD e all'Assemblea nazionale e no al Fidesz

Il successo dei partiti nazionalisti ed estremisti di destra in grandi paesi come Francia e Germania influenza la composizione del Parlamento dell’Unione Europea. Riporta in vita la questione di cercare di riunire le forze di estrema destra nello stesso gruppo partitico al fine di aumentare l’influenza politica dei membri.

Charlie Weimers, il principale candidato dell'SPD alle elezioni europee, non crede a questa idea.

C’è chi sogna di diventare più grande delle forze politiche che finora hanno dominato l’Unione Europea. Non lo vedo come possibile. Secondo lui le differenze negli approcci di politica estera sono molto profonde.

In parole povere, si tratta Per quanto riguarda il rapporto con Putin e la Russia. Secondo Weimers, partiti come l'Assemblea nazionale francese e l'Alternativa für Deutschland (AfD) tedesca non sono riusciti a sostenere l'Ucraina. Secondo lui, se esistesse un “supergruppo”, non ci sarebbero molti partiti dell'Est e dei paesi nordici, come ad esempio l'SD.

Un'altra questione è però la cooperazione su questioni concrete, indipendentemente dal fatto che si tratti di partiti di sinistra o di destra nella scala politica.

– Con la maggioranza possiamo portare avanti la politica. Che lo facciamo con tre, quattro o cinque gruppi di partito è meno importante.

Nel Parlamento dell'Unione Europea lì Partiti nazionalisti di destra che oggi non fanno parte di alcun gruppo. Il più grande è il partito governativo ungherese Fidesz, che conta dodici membri. Lo ha fatto il primo ministro Viktor Orban Ripetutamente Ha espresso il desiderio di far parte del gruppo Partito SD (ECR).

Fotografia: Geert Vanden Wegengert/AP

Nel frattempo, oltre a spingere l’Ungheria verso una direzione autoritaria, Orban ha rifiutato gli aiuti all’Ucraina e ha continuato a rafforzare i contatti con Putin.

– Preferiremmo vedere Fidesz unirsi a qualche altro posto, ha commentato Charlie Weimers.

È una promessa elettorale che l’SPD non siederà nello stesso gruppo di partito di Fidesz?

– No, non posso fare questa promessa. La promessa che posso fare è che lavoreremo per garantire che la politica estera di Fidesz non influenzi la politica del nostro caucus.

Lui dice che l'SD è pronto a lasciare il Consiglio Europeo se Fidesz sarà autorizzato a diventarne membro. SD potrebbe anche prendere in considerazione la formazione di un gruppo all'interno di ECR. Una soluzione del genere esiste nel Gruppo Verde al Parlamento, che comprende i partiti indipendentisti catalano e galiziano.

fatti.Avanzamento dei nazionalisti di destra alle elezioni del Parlamento europeo

Al Parlamento europeo i partiti nazionali cooperano in gruppi partitici oltre i confini nazionali. I partiti nazionalisti di destra fanno parte dell’ECCR, parte di Identity.

Nel Consiglio europeo (Conservatori e riformisti europei) includono i Democratici svedesi, Legge e giustizia polacchi, Veri finlandesi, Fratelli italiani e Vox spagnolo.

Nel gruppo identitario (Identità e Democrazia) comprende l’Assemblea nazionale francese, la Lega italiana, l’Agenzia francese per lo sviluppo tedesca e il Partito della Libertà austriaco.

Alcuni partiti ideologicamente vicini non appartengono ad alcun gruppo partitico. Compreso il partito ungherese Fidesz.

Secondo le previsioni dell'istituto d'opinione Ipsos, oggi l'ECR passerà da 68 a 76 membri e l'ID da 59 a 81.

Il “Grande Gruppo” del Consiglio europeo e dell'intero Partito democratico riunirà dopo le elezioni 157 deputati e diventerà il secondo gruppo politico più numeroso in Parlamento, dopo il Partito popolare europeo democristiano.

fonte: Ipsos/Euronews

Per saperne di più.

Mettiti alla prova con la bussola elettorale in vista delle elezioni europee del 2024

Alice Teodorescu Maui: Non ho nulla in comune con SD

READ  Il caldo pericoloso per la vita colpisce l'Europa: potrebbe diventare un record di calore