TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Professore: Le sanzioni per furto con scasso per la politica delle sanzioni russe – Sidvincan

I ricercatori indipendenti sono un nuovo obiettivo per gli attacchi di sanzioni da Russia e Cina, l’ultimo dei quali è un ricercatore svedese che ha familiarità con l’attentato al critico del regime russo Alexei Navalny.
È politica del potere e politica dei furti, afferma il professor Uwe Pring.

Il presidente russo Vladimir Putin.immagine: Alexey Druzhinin / Cremlino tramite AP / TT

È stato detto che l’annuncio di venerdì delle sanzioni russe contro diversi europei era in risposta alle sanzioni dell’Unione europea contro la Russia.

Ma c’è una differenza, dicono gli esperti di diritto internazionale, è che le sanzioni russe non prendono di mira le persone con legami con lo Stato. Questo vale per molti di quelli citati dal Cremlino e dal ministero degli Esteri russo, come il ricercatore svedese presso l’Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa (FOI).

Naturalmente, potrebbe essere la conclusione sbagliata da parte russa che questi ricercatori siano collegati allo stato svedese. Oppure vedi le assunzioni così fastidiose che ne vale la pena, afferma Mark Clamberg, professore di diritto internazionale all’Università di Stoccolma.

Ove Bring, professore emerito di diritto internazionale presso lo Swedish National Defense College ed ex consulente di diritto internazionale presso il Ministero degli Affari Esteri, è acuto nel suo giudizio sull’approccio:

Le punizioni mirate sono un modo per riferirsi agli individui, per evitare di soffrire l’intera popolazione. Ma questo è qualcosa di molto diverso dalle sanzioni mirate e completamente incompleto nella politica internazionale, afferma Bring.

Ci sono punti di contatto Tra la decisione sulle sanzioni del Cremlino e le azioni di Pechino, come è successo quando a marzo il ricercatore svedese Björn Gerden è stato sottoposto a sanzioni cinesi. Gerden è a capo del National Knowledge Center del China Foreign Policy Institute.

READ  Le leggi di emergenza di Trudeau sono al vaglio della commissione

Il ministero degli Esteri svedese ha invitato l’ambasciatore cinese Gui Dongyu a esprimere la sua insoddisfazione per le sanzioni.

La Cina ha fatto riferimento a un ricercatore presso un’istituzione che segue gli sviluppi in Cina da un’ampia prospettiva che include la società e la storia. La Cina vorrebbe stabilire buoni rapporti con le imprese che seguono l’economia e il commercio. Klamberg afferma che coloro che si impegnano con la società possono essere percepiti come più minacciosi e non importanti quanto avere buone relazioni.

Sceglie quindi un ricercatore come target delle sanzioni, anche se indipendente.

Riportando al gioco del “potere politico”.

– La spiegazione è la seguente: “Non possiamo criticarci, quindi rispondiamo immediatamente”.

La risposta russa imponendo sanzioni a diverse persone è stata in risposta alle sanzioni dell’UE mirate a seguito delle indagini sul tentativo di omicidio di Novitjok contro il critico del Cremlino Alexei Navalny.

Lo dice Klamberg La contromisura russa è parzialmente reversibile. Ma indica una ragione più importante per le azioni di Mosca.

È difficile per tutti i paesi ammettere il proprio errore.

Quindi come fa la Russia a scegliere chi vuole installare?

Hai una buona idea delle persone chiave in questo contesto. Non so se sarà così importante, ma senti il ​​bisogno di puntare i riflettori su di esso.

Ricercatore che Non vuole essere nominato nel caso Russia. Dice che il comportamento russo potrebbe essere dovuto al sentimento di pressione e intimidazione del Cremlino.

Forti reazioni al mondo esterno sono accompagnate da sforzi sempre più repressivi a casa.

Ma Uwe Pring non crede che il presidente russo Vladimir Putin si senta minacciato, almeno non per il momento.

READ  I soldati kazaki indossano elmetti con l'emblema delle Nazioni Unite

Putin ha agito a scopo preventivo per non essere minacciato. La Russia ha emesso quelli che io chiamo ordini fatali negli ultimi anni.