TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il principe ereditario parla in una lingua divisa

Questa settimana è arrivata la notizia che il prossimo ambasciatore saudita in Svezia è una donna. Il suo nome è Enas bint Ahmed Al Shahwan, ed è la numero tre nella linea di ambasciatrici donne saudite. In precedenza, l’Arabia Saudita aveva donne come ambasciatrici per gli Stati Uniti e la Norvegia.

Personalmente, ho un ricordo abbastanza recente di aver visitato una palestra nella città saudita di Jeddah tre anni fa. Hala Al-Hamrani ha addestrato le donne a kickboxing sui ritmi di elettrodi pesanti. Un rapido aggiornamento mostra che Halah ha aperto un’altra palestra l’anno scorso, prima che la pandemia di covid-19 mettesse la mano morta sull’intera attività.

Hala Al Hamrani è una kickboxer e gestisce una palestra a Gedda dove allena altre donne.

Foto: Roger Torrison

Negli ultimi anni, l’Arabia Saudita lo ha fatto Demolizione di una serie di bastioni della misoginia. Le donne sono ora autorizzate a guidare, hanno accesso alle arene sportive e il percorso è stato aperto per la formazione professionale precedentemente chiusa come pilota, tassista e personale militare professionista.

Questo sviluppo è legato allo speciale figlio adottivo del principe ereditario Mohammed bin Salman, il grande piano di riforma di Vision 2030. Quando Vision 2030 sarà implementato – il numero si riferisce ai prossimi nove anni – l’Arabia Saudita si libererà dalla sua massiccia dipendenza dal petrolio . Invece, la tecnologia e il turismo dovrebbero prosperare nella monarchia conservatrice. Volevi.

Se il piano ha successo, le donne del paese – il 43% dei 35 milioni di abitanti dell’Arabia Saudita – devono entrare nel mondo del lavoro. Le donne devono poter essere mobili e indipendenti: guidare, essere in grado di prendere le proprie decisioni.

E questo sembra buono Tutto, ma come va questo pensiero insieme a ciò che viene detto in esso Saeed Alnahhals artikel A proposito di Riffa Al-Yami? L’articolo descrive gli abusi domestici contro le donne, abusi che sembrano verificarsi con bei ricordi delle autorità. In che modo le donne che vogliono l’indipendenza vengono imprigionate nelle istituzioni governative?

Per non parlare delle pene detentive per le donne il cui “crimine” hanno cercato di far luce su varie questioni relative ai diritti delle donne.

Risposta semplice alla domanda Lui: Non si incontrano. Il principe ereditario Mohammed bin Salman parla in una lingua divisa, elogiando i progressi compiuti dal Regno dell’Arabia Saudita nel campo delle donne.

Le donne ambasciatrici e tassisti sono state rese possibili dalla dettatura dall’alto. Ma le proposte o le richieste di cambiamento che provengono dal basso vengono crudelmente e spietatamente respinte.

Hala Al Hamrani è un kickboxer e gestisce una palestra a Jeddah.

Hala Al Hamrani è un kickboxer e gestisce una palestra a Jeddah.

Foto: Roger Torrison

Il principe ereditario probabilmente non si preoccupa di lasciare che tradizioni tribali marce e oppressive vivano nel suo regno. E questo ha strane conseguenze.

Hala Al Hamrani, una nonna di kickboxing, ha una famiglia indulgente che le permette di vivere i suoi sogni e gestisce la sua palestra. I parenti di Rafaa Al-Yami hanno invece denunciato la sua attività di formazione. I suoi fratelli la puniscono e lo stato saudita è a fianco.

Leggi di più:

I suoi fratelli hanno rapito Riffa: gli autori sono protetti dalla legge saudita

Ora le donne stanno iniziando a entrare nella società saudita

READ  Putin: sanzioni "dichiarazione di guerra"