TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nobelpristagare: ”Paniken kring inflation är död”

Premio Nobel: “Il panico dell’inflazione è morto”

Sei preoccupato per l’inflazione? È tranquillo, secondo il rispettato economista Paul Krugman, che ha descritto il panico dell’inflazione come “così la scorsa settimana”.

Paul Krugman, professore di economia e vincitore del premio Sveriges Riksbank in scienze economiche ha scritto in memoria di Alfred Nobel, spesso chiamato il “Premio Nobel per l’economia”. Il New York Times. Questa settimana è stata dichiarata la settimana in cui il panico dell’inflazione era finito.

“Per coloro che prestano maggiore attenzione al flusso di nuove informazioni, l’allarme per l’inflazione, si sa, è avvenuto la scorsa settimana”, ha scritto.

Fed: Pandemirelaterat

Il professore si è basato sia sui nuovi dati ricevuti che sugli ultimi dati della Federal Reserve statunitense. La Fed ha sostenuto che l’inflazione recente è temporanea perché è guidata da cause legate alla pandemia che hanno reso i settori tipicamente inclusi nell’inflazione di base molto volatili, come le auto usate, i prodotti in legno e altre cause di inflazione “non convenzionali”.

“E ora sembra che la Fed avesse ragione. I prezzi del legname sono diminuiti nelle ultime settimane. I prezzi dei metalli industriali come il rame stanno diminuendo. I prezzi delle auto usate sono ancora molto alti, ma il rally si è fermato e potrebbe aver raggiunto il picco. L’inflazione core sta vincendo di nuovo”, ha scritto. Paul Krugman Il New York Times.

Crede che il rischio di inflazione possa essere dissipato, perché il rischio si basa sul boom che segue la pandemia che è molto più grande delle aspettative degli analisti e che tutti i ricchi che hanno risparmiato capitale durante la pandemia stanno creando una parte compratrice. Nessuna uguaglianza – mentre la Fed si siede e guarda senza fare nulla.

READ  Rischi e opportunità se Volvo Cars diventa pubblica

“Molto sproporzionato”

Le recenti dichiarazioni della banca centrale sono contrarie a tale scenario, in quanto sono state interpretate come la volontà della Fed di applicare i freni se necessario in futuro.

“La ferocia della retorica inflazionistica è stata in gran parte sproporzionata rispetto ai rischi effettivi – e quei rischi sembrano ancora più bassi ora di quanto non fossero poche settimane fa”, ha scritto il professore di economia Paul Krugman sul New York Times.

Leggi di più: I premi Nobel ammettono: “Ho sbagliato”