TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Premiano Hamas per gli omicidi terroristici  discussione

Premiano Hamas per gli omicidi terroristici discussione

Il primo ministro norvegese Jonas Gahr Sture.

Foto: Ponto Lundal/TT

Il primo ministro irlandese Simon Harris.

Foto: Tolga Akmin/EPA

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez.

Foto: Carlos Lujan/TT News Agency

Alice Teodorescu Maoi (KD), primo nome dei democratici cristiani al Parlamento europeo.

Fotografia: Jonas Ekstromer/TT News Agency/TT

Magnus Berntsson (KD), portavoce della politica estera.

Foto: Joanna Wallen/BuildByron

discussione. “Non negoziamo con i terroristi.” Queste famose parole furono pronunciate da George W. Bush dopo l'attacco terroristico contro gli Stati Uniti l'11 settembre 2001.

Allora erano altri tempi. Ha definito l'elaborato attacco volto a uccidere quanti più civili possibile un attacco terroristico, non una lotta per la libertà. Ma i principi che hanno consentito all’Occidente di tracciare linee di confine chiare due decenni fa non sono più ideali guida.

In meno di un anno, i governi di Spagna, Irlanda e Norvegia sembrano aver dimenticato ciò che accadde il 7 ottobre 2023, quando i terroristi palestinesi presero d’assalto il confine con Israele e massacrarono brutalmente 1.200 persone innocenti.

Il giorno in cui giovani festaioli, lavoratori migranti, madri e padri, anziani e bambini furono rapiti da persone armate di mitragliatrici. Lo stesso giorno Hamas prese in ostaggio 200 persone, alcune delle quali sono tuttora nelle sue mani. Questa è un’azione che è stata ora premiata da due Stati membri dell’UE e dal nostro vicino paese, la Norvegia. È un peccato per non dire altro.

Diciamo no al compromesso sui nostri valori democratici e occidentali.

Le azioni di questi tre paesi occidentali sollevano una serie di domande. Quale Palestina e quale leadership viene riconosciuta? Non è un segreto che le due fazioni palestinesi al potere in competizione per il potere abbiano sedi di potere separate rispettivamente in Cisgiordania e Gaza, e che Fatah e Hamas abbiano combattuto una sanguinosa guerra per il potere a Gaza, che Hamas ha poi vinto.

READ  La cerchia più stretta di Trump rafforza le accuse di frode

Perché la confessione viene prima del rilascio degli ostaggi e del cessate il fuoco?

Il riconoscimento della Palestina avrebbe potuto essere utilizzato per consentire negoziati di pace e creare strumenti per ottenere condizioni migliori per una Palestina democratica. Ma invece di avanzare richieste, riconoscere significa affermare che Hamas è capace di proseguire sulla strada battuta con la buona memoria dei politici sbagliati.

Perché la verità è che Hamas, in questo momento, sta ancora lanciando razzi contro le città israeliane e continua a chiedere la distruzione di Israele e del suo popolo.

Il governo rosso-verde svedese ha riconosciuto la Palestina nel 2014. Si è trattato di una decisione sconsiderata e affrettata che chiaramente non ha portato a una soluzione pacifica e duratura a due Stati. Il riconoscimento dello Stato deve basarsi su buone basi. Riconoscere la Palestina come antidemocratica e non riconoscere il diritto di Israele ad esistere, e quindi a difendersi, è incoerente con l’ordine mondiale che vogliamo vedere.

È necessario tracciare una linea morale

I confini sono necessari per mantenere la libertà. L’UE deve tracciare una linea morale in politica estera per garantire che l’Europa non finisca con la compagnia sbagliata o presti il ​​suo sostegno alla causa sbagliata.

Negli ultimi anni la Svezia è stata messa sotto pressione da più parti. Il mondo musulmano voleva che il governo svedese limitasse la libertà di espressione imponendo il divieto di bruciare il Sacro Corano. La Russia voleva impedire la nostra adesione alla NATO. La leadership ungherese ci ha chiesto di smettere di criticare il Paese per aver violato il diritto dell’Unione Europea.

La Democrazia Cristiana ha detto no a tutte queste “richieste”.

READ  Sondaggio in cui Joe Biden schiaccia Donald Trump

La nostra risposta oggi è chiara; Diciamo no al compromesso sui nostri valori democratici e occidentali. Non si tratta di fornire sostegno diretto o indiretto alla setta terroristica Hamas.

Di quali partiti ti fidi nelle questioni, anche nella sfera esterna. È importante chi ottiene il tuo voto alle elezioni del Parlamento europeo. Quindi, pensa ai principi che difendi e a cosa, e anche a chi, scegli di legittimare con il tuo voto.


Di Alice Teodorescu Maui (KD)

Il primo nome dei democratici cristiani al Parlamento europeo

Magnus Berntsson (Dinaro kuwaitiano)

Portavoce della politica estera