TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fotografo di revisione della missione nel drammatico salvataggio nel Mediterraneo: “Stanno sparando”

Fotografo di revisione della missione nel drammatico salvataggio nel Mediterraneo: “Stanno sparando”

Mentre lavorava alla serie “The Migration Game”, il fotografo di Uppdrag gränskning Henrik Hjort ha testimoniato come la Guardia costiera libica ha fermato l'operazione di salvataggio.

I libici hanno sparato, le persone sono finite in acqua e la nave di salvataggio SOS Humanity 1 ha dovuto abbandonare la scena dopo le minacce con armi automatiche.

Il requisito fondamentale per poter documentare gli interventi di salvataggio era che tutti, in caso di emergenza, contribuissero a salvare vite umane. Quindi Henrik Hjort ha dovuto posare la macchina fotografica.

Ascolta il fotografo recensore di Uppdrag raccontare la storia nella clip qui sopra.

Abuso dei rischi

Per molti anni l’Unione Europea ha finanziato progetti in Libia e investito nella guardia costiera del paese. L’obiettivo è aumentare la capacità, formare il personale e salvare vite umane, secondo la Commissione europea.

Vale almeno circa 750 milioni di corone svedesi, oltre a diverse navi e gommoni, nonostante si sappia di maltrattamenti di migranti e bombardamenti. I migranti corrono il rischio di essere rimandati nei campi con torture ed estorsioni.

– Se dite che possiamo collaborare solo con partner internazionali con i quali non abbiamo problemi in materia di diritti umani, ci sentiremo molto soli, afferma Ylva Johansson (S), commissaria europea responsabile per le questioni relative all'immigrazione.

Criticate le navi di soccorso

È normale che i migranti paghino i trafficanti per un posto su una barca inadatta alla navigazione, che qualcuno deve guidare. Nell'incidente documentato dal riesame della missione, i migranti sono stati trasportati da un trafficante nascosto da una maschera, che si è rapidamente allontanato dalla scena.

Le navi di salvataggio delle organizzazioni di volontariato sono state criticate per essere diventate parte della migrazione irregolare attraverso il mare. Ma l’equipaggio di SOS Humanity 1 non è d’accordo con le critiche:

READ  La domanda di Kiev per la Germania: vuoi che vinca l'Ucraina?

– I paesi europei hanno sistematicamente chiuso tutte le vie legali per entrare nell'Unione Europea. Quindi, per presentare domanda di asilo, che è un diritto umano fondamentale, è necessario compiere un viaggio molto pericoloso attraverso il Mediterraneo, afferma Laura, presidente di SOS Humanity.