TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I gangster in Tunisia hanno ordinato corse in taxi per gli assassini

Aggiornato il 22.21 | Pubblicato il 19.19

Arrestati i cinque uomini.

Cinque membri della banda svedese sono rinchiusi in una prigione terroristica tunisina.

Ma prima del loro arresto in ottobre, devono aver guidato la spirale di violenza della Svezia.

Secondo il quotidiano Aftonbladet, la polizia sospetta che gli uomini abbiano ordinato viaggi in taxi per gli assassini in Svezia.

Cinque uomini svedesi, tra cui Elias Back, 29 anni, e il rapper Raymond “5iftyy” Geddy, 22 anni, entrambi legati al famigerato Bridge Network, hanno viaggiato per la Tunisia lo scorso autunno.

Allo stesso tempo, in Svezia infuriava una guerra tra bande all'interno della rete Foxtrot, uno dei più stretti alleati della rete Bro.

Nei mesi di settembre e ottobre gli atti di violenza sono continuati quasi quotidianamente. In molti casi, si trattava di assassinare commando assegnati a uccidere la parte di Rawaa Majed a Foxtrot, o battaglioni frammentati che avevano scelto la parte di Ismail Abdo.

READ  Un grave disastro petrolifero minaccia il Mar Rosso

Molti degli istigatori e degli autori dei siluri sono stati arrestati, ma molti sono ancora in libertà. Tuttavia, la polizia sospetta che molti dei viaggi in taxi degli assassini siano stati ordinati da persone all'estero.

Ora la polizia ha constatato quanti viaggi in taxi sono stati ordinati dalla Tunisia, secondo le informazioni del quotidiano Aftonbladet.

È sospettato di essere collegato a diversi crimini

Quando i cinque uomini furono arrestati in Tunisia lo scorso autunno, erano sospettati, tra le altre cose, di reati di droga e armi. Ma presto iniziarono a sorgere sospetti di crimini terroristici, e così gli uomini furono trasferiti nella famigerata prigione terroristica di Mornaguia in Tunisia.

I documenti visionati da Aftonbladet mostrano che al personale dell'ambasciata svedese è stato concesso il permesso di visitare i detenuti in carcere, ma non è chiaro sulla base dei sospetti contro gli uomini.

In più occasioni la polizia svedese ha chiesto alla polizia tunisina maggiori informazioni sul caso. La polizia svedese vuole che gli uomini vengano riportati in Svezia per essere processati qui per crimini commessi.

Tra l'altro uno degli uomini avrebbe potuto essere assicurato alla giustizia FAccusato di un grave reato legato alle armi in Svezia in un processo previsto per l'inizio di maggio.

Ma i documenti visti da Aftonbladet e diverse fonti indicano che ci sono più sospetti contro gli uomini e si ritiene che siano coinvolti nella pianificazione di attacchi in Svezia.

Secondo le informazioni, tra l'altro avrebbero ordinato un taxi per l'autore di un crimine molto pubblicizzato a Stoccolma lo scorso autunno.

Non è chiaro quale degli uomini ora imprigionati sia sospettato di aver ordinato i taxi.

Corre all'estero per sfuggire alla polizia

Negli ultimi anni diversi leader di bande legate a bande e guerre tra bande hanno cercato rifugio all'estero per sfuggire ai rivali e alla polizia svedese.

– Non è una novità che lo facciano. Lo abbiamo già visto, ad esempio, in Spagna, Danimarca e Turchia. Si resta fuori se si ha un'immagine minacciosa, sia per sfuggire alla giustizia ma anche per evitare di essere trovati da altri criminali, ha detto in precedenza Gunnar Appelgren al quotidiano Aftonbladet.

Molti di loro si trovano in Turchia e Iraq, ma altri hanno viaggiato anche in paesi africani come la Somalia o, in questo caso, la Tunisia.

In autunno, fonti della magistratura tunisina hanno riferito che la polizia tunisina aveva seguito le tracce dei cinque uomini fin dal loro ingresso nel Paese.

Ben presto la polizia capì che gli uomini erano collegati a un crimine grave e a una rete nota.

Si ritiene inoltre che gli uomini abbiano preso parte a un interessante live streaming su Instagram, in cui hanno parlato della guerra tra bande svedesi e hanno minacciato i loro rivali.

Poco dopo, la polizia tunisina ha fatto irruzione e li ha arrestati nei pressi della città turistica di Hammamet.

Si dice che molti degli uomini di Foxtrot siano stati detenuti nella famigerata prigione di Mornaguia.

La criminalità è diminuita dopo l'arresto

Contemporaneamente all'arresto degli uomini in Tunisia, in Svezia la situazione si era un po' calmata. Non è chiaro se ci sia un legame tra questo e il fatto che la criminalità è diminuita in Svezia, ma diversi agenti di polizia con cui l'Aftonbladet ha parlato durante l'autunno credono di sì.

READ  Parenti dei soldati russi: avete voltato le spalle al popolo il mondo

La violenza è diminuita poco dopo l'arresto dei ragazzi in Tunisia. Si ritiene che questo sia uno dei motivi per cui ora le cose sono più tranquille, ha detto in precedenza una fonte ad Aftonbladet.

Non si sa come se la passino i membri della banda nel carcere tunisino. Non è chiaro nemmeno se e quando verranno estradati in Svezia. Tuttavia, la polizia svedese ha offerto il proprio aiuto al sistema giudiziario tunisino.

– Non abbiamo idea dell'indagine, ma abbiamo annunciato più volte che siamo pronti ad aiutare e in grado di intraprendere le azioni che vogliono intraprendere in Svezia. Ma questo non è ancora successo, ha detto in precedenza Hakan Wall, capo dell'unità presso l'Amministrazione operativa nazionale della polizia (Noa).