TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Polvere Ballina basata sulla nanotecnologia di Uppsala

Polvere Ballina basata sulla nanotecnologia di Uppsala

È febbraio 2020, solo pochi Settimane prima dello scoppio dell’epidemia in Svezia gravemente. Lina Ivarsson sale sul palco a Stoccolma e riceve gli applausi della folla dopo che il produttore dell’anno di Palina Prowder è stato premiato come Primer of the Year ai Daisy Beauty Awards.

Oltre all’ambito premio, Ballina, con sede a Örebro, sta aprendo il suo primo ufficio a Stoccolma sulla stessa linea, per poi chiudere di nuovo poco dopo, licenziando il nuovo direttore delle vendite e licenziando altri dipendenti. Ma nonostante l’epidemia, la polvere di Prowder persiste Si distingue davvero nel suo settore, creando nuovi titoli nel giornalismo di bellezza e tra gli influencer.

Dietro a tutto c’è Lena Ivarson, fondatrice di Ballina. È fondamentalmente una truccatrice, ma sentiva che le mancava il trucco per la cura della pelle quando ha lavorato e ha deciso di creare il suo marchio. Il primo prodotto Palina è stato rilasciato nel 2010, dopo un intenso lavoro in cui Lina Ivarsson ha studiato la tecnologia dei componenti e ha ricercato attentamente le piante giuste in tutta Europa che potrebbero fabbricare i prodotti.

Da allora Ballina è stata costruita Posto chiaro sulla mappa della bellezza svedese, con prodotti come fondotinta, ombretto, mascara e altro ancora. Attraverso comunicazioni congiunte, Lina Ivarsson nel 2019 ha contattato un gruppo di ricerca svedese a Uppsala che ha sviluppato una sostanza completamente nuova: l’upsalite.

“Fin dall’inizio, si trattava esclusivamente dell’industria farmaceutica, ma si sono resi conto che le proprietà della sostanza sarebbero state adatte anche all’industria cosmetica”, afferma Lina Ivarsson.

La ricercatrice di nanotecnologie Maria Strom, insieme al suo team, ha sviluppato la funzione Upalite.

READ  I negoziati SAS sono proseguiti per tutta la notte

“È il materiale più assorbente al mondo, è come un piccolo fungo che assorbe il grasso”.

immagine:Ida Thunberg

Al primo incontro, Lena Ivarson Ha testato la sostanza sulla pelle e ha capito subito che voleva sviluppare un prodotto di base per la pelle con upalite come ingrediente principale.

“Ho davvero dimostrato il mio coraggio e la mia imprenditorialità quando abbiamo creato Prowder. Era qualcosa di completamente nuovo che non era stato fatto prima. Un consulente finanziario mi ha consigliato di non farlo, ma ho lavorato duramente sul mio istinto e sulla mia convinzione”.

Poiché i ricercatori di Uppsala hanno già condotto test rigorosi su upalite, il processo dall’idea al prodotto finale è andato a una velocità straordinaria. Un anno dopo, una fabbrica Ballina in Italia ha sviluppato Prowder secondo la ricetta di Lina Ivarsson.

“Direi che è la cosa più grande che è accaduta alla moderna tecnologia degli ingredienti nei cosmetici. In precedenza, c’erano solo tre diversi ingredienti di base a cui ci siamo impegnati negli ultimi 150 anni. Sono così orgoglioso che noi – una piccola azienda di Orebro – sono stati in grado di lanciare questo nuovo prodotto. “

Il prodotto è una polvere grazie Il suo assorbimento viene spesso utilizzato come ultimo passaggio del trucco per fissare la base del viso, invece che da solo come polvere opacizzante.

“È diventato il prodotto più venduto che abbiamo mai avuto. Dopo tre mesi, abbiamo dovuto avviare una nuova produzione”, afferma Lena Ivarson.

Poi scoppiò la pandemia e in poche settimane tutto, dalla glaera all’incertezza, si trasformò. Gli investimenti previsti a Stoccolma sono stati sospesi e le vendite sono in calo.

“Il nostro principale canale di vendita sono i saloni, e molti hanno chiuso o ridotto le ore lavorative. C’erano molti meno cosmetici per matrimoni e feste”.

Lena Ivarson ha licenziato il personale ed è costretta a pensare se il lavoro della sua vita supererà la crisi.

“Ho messo tutti i miei risparmi personali in Ballina. Il fallimento non è mai stato un’opzione. Ma ora è impossibile sapere come andrà”.

Ma dopo un po ‘le vendite sul web sono iniziate comunque Si sono moltiplicati e ho continuato il tributo dalla polvere da sparo. Lena Ivarson viene nominata imprenditrice dell’anno nella contea di Örebro e riassegnata alla direttrice delle vendite a Stoccolma. Alla fine dell’anno, Ballina ha contattato il gigante tedesco della bellezza Parfumdreams.com, un negozio online situato in 18 paesi.

“Volevo esportare la ballina da molto tempo, ma l’ho tenuta deliberatamente. Volevamo crescere in modo organico e non mi sentivo pronta prima”.

I prodotti vengono ora inviati in Germania, che sono stati testati dai parenti del CEO di Parfumdream, tra gli altri.

“Hanno detto che i nostri prodotti erano i migliori che avevano testato, quindi era chiaro. Hanno acquistato l’intero set e sono stati messi in vendita a marzo di quest’anno”.

I prodotti di Ballina erano davvero Hai sostenuto tutti i test appropriati per essere venduto in tutta l’Unione europea, il che ovviamente ha semplificato il processo. Le merci vengono ora regolarmente spedite al magazzino centrale del web store in Germania e Lena Ivarson sta pianificando di iniziare ad esportare anche in altri paesi.

“Sono molto grato che ci sia stata così tanta positività durante questo strano anno. Ovviamente, le vendite sono diminuite e sono da tre a quattro milioni in meno del previsto nel 2020, ma Ballina è ancora in piedi e abbiamo ottenuto un accordo molto positivo con noi come bene “, dice Lena Ivarson.

“Ora sto cercando di guardare avanti e vedere quali pulsanti possiamo poi premere per continuare il viaggio.”