TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chiusura - Ancora una domanda aperta sulla vita o sulla morte

Chiusura – Ancora una domanda aperta sulla vita o sulla morte

Il 1 giugno apriranno i parchi a tema e noi svedesi potremo nuovamente bere un drink serale al pub. Ne valeva la pena? Avrebbero dovuto essere più difficili? La severa chiusura storica dei paesi ha salvato vite? Le prove sono fuori portata. Nessuno ha trovato un collegamento tra il blocco e le morti.

Dopo un anno di chiusura riaprirà la spiaggia greca di Naxos.immagine: Thanassis Stavrakis

– Sfortunatamente, la situazione appare Più o meno lo stesso in molti paesi europei, indipendentemente dalle misure adottate.

Alla fine di febbraio, Johan Carlson, direttore generale dell’Agenzia svedese per la sanità pubblica, ha riassunto un anno di lotta contro le epidemie.

L’autorità di Carlson ha dovuto sopportare aspre critiche alla strategia svedese. I critici affermano che il rapido blocco della società svedese nella primavera del 2020 avrebbe ridotto il contagio e salvato migliaia di vite.

Altri hanno l’opinione opposta. Credono che il drastico blocco alla fine imposto dal governo svedese non abbia avuto alcun effetto sulla diffusione dell’infezione e della morte.

Come fai a sapere cosa è corretto? Diversi gruppi di ricerca internazionali hanno provato. Ecco alcune delle loro scoperte.

La scala individuale è difficile da valutare.

Durante le prime gravi settimane della pandemia, quasi tutti i paesi hanno adottato una serie di misure drastiche per fermare la diffusione dell’infezione.

Vietato viaggiare, scuole e luoghi di lavoro chiusi. Gli eventi pubblici e i visitatori di ristoranti e negozi sono stati limitati. Le persone anziane sono state poste in quarantena, coprifuoco, maschere facciali, coperture in plexiglass e visite sospese. Con più.

Poiché sono state intraprese così tante azioni in così poco tempo, oggi non possiamo quantificare l’impatto di ciascuna. Ma forse il risultato complessivo può essere verificato.

Il pastore Michael Smith può riammettere i fedeli nella cattedrale di York dopo la chiusura.immagine: Danny Lawson

2. Dobbiamo misurare le misure in grandi quantità.

READ  Stoccolma perde slancio - debole giovedì per Lundinbolagen

Poiché tutte le azioni hanno essenzialmente lo stesso scopo, che è quello di separare le persone, potrebbe avere senso apprezzarle in generale.

Questa è la logica del gruppo di ricerca Università di Oxford Chi ha inventato una scala di misurazione in cui un determinato valore in punti è assegnato a venti tipi di scale, dalla chiusura delle scuole al coprifuoco.

Su scala generale, un valore di 0 significa che non è stata presa alcuna misura. Un punteggio massimo di 100 significa una chiusura completa della community.

3. Ogni paese ha ricevuto il proprio “numero di chiusura”.

Dei 186 paesi che hanno segnato gol, quindici paesi hanno concluso con un massimo di 100 punti questa primavera, come Honduras, Argentina, Libia, Eritrea e Venezuela.

Sette paesi sono finiti sotto i cinquanta, come Nicaragua, Burundi e Bielorussia.

Il totale delle misure svedesi fino al 7 maggio 2020 ha ottenuto poco meno di 65 punti. La Francia è stata la più dura in Europa, con 88.

Tovaglia per ospiti sgraditi. La Svezia non ha completato dozzine di chiusure, ma ci è andata vicino.immagine: Lars Brundin

4. Ecco un elenco di assicurazioni dall’Europa.

È così che i ricercatori hanno registrato blocchi in dieci paesi in tutta la Svezia durante la prima ondata della pandemia. Prima i più difficili.

1. Francia 87.96.

2- Polonia 83.33.

3 – Spagna 81.94.

4- Gran Bretagna 79.63.

5- Belgio 78.7.

5- Paesi Bassi 78.7.

Danimarca 68.52.

Norvegia 67.59.

9 Svezia 64.81.

10- Finlandia 19, 60.

5. I numeri possono essere confrontati.

Il numero può sembrare completamente fuorviante, ma ovviamente dipende interamente da come i funzionari valutano i fattori alla base.

READ  UBS rilancia Virgin Galactic per l'acquisto: le azioni sono aumentate per il sesto giorno consecutivo

Tuttavia, è vicino per confrontare questi numeri con altri e vedere se abbiamo trovato una connessione.

Lo scopo del blocco durante la pandemia era ridurre le morti. Quindi il blocco davvero difficile dovrebbe portare a meno morti. Controlliamo.

6. Ecco il tasso di mortalità negli stessi dieci paesi.

Questo elenco mostra il tasso di mortalità in eccesso nel 2020, misurato in percentuale. Consiglio nazionale per la salute e il benessere Gli statistici hanno utilizzato un metodo standard che compensa il fatto che la struttura per età della popolazione differisce da paese a paese. Prima il tasso di mortalità più basso. Questi 10 paesi vengono scelti per la disponibilità di numeri affidabili (quindi, ad esempio, manca la vicina Germania).

1. Norvegia -5.0.

Danimarca-4.1.

3. Finlandia -3.6.

4. Svezia 1.7.

5. Francia 2.6.

Paesi Bassi 4.4.

7. Gran Bretagna 7.2.

8. Belgio 9.7.

9. Spagna 10.6.

10. Polonia 11.6.

7. Gli elenchi dovrebbero avere lo stesso aspetto.

Non fissare ciecamente i numeri. Posizionare i paesi in ogni lista è interessante. Il paese che è in cima al blocco veloce dovrebbe essere in cima alla lista delle morti basse.

Di conseguenza, Francia e Polonia, che hanno chiuso drasticamente, dovrebbero avere la mortalità in eccesso più bassa.

I paesi nordici, che secondo il metodo di misurazione di Oxford sono stati relativamente moderati nel bloccare la società nella primavera del 2020, devono soffrire in nome della logica di un alto tasso di mortalità.

8. Ma le liste si stanno diffondendo.

Se c’è una connessione tra i due menu, è esattamente l’opposto.

I quattro paesi del nord hanno la mortalità in eccesso più bassa. Sì, nei nostri paesi vicini sono morte meno persone del solito.

READ  Christian Ostrom: Ora potrebbe presentarsi di nuovo - ECOT News

I paesi fortemente colpiti come la Spagna e la Polonia hanno un tasso di mortalità molto più alto.

immagine: Janeric Henrikson / TT

9. L’immagine è contraddittoria.

Vi è ampio consenso sul fatto che la diffusione dell’infezione diminuirà se ci teniamo a distanza gli uni dagli altri. Pertanto le misure che comportano il distanziamento fisico hanno un effetto.

Scrive: “Naturalmente possiamo vedere alcuni modelli di successo”. Ricercatori a Oxford Chi ha progettato l’accordo assicurativo.

“Ma non vi è alcuna garanzia che una ricetta particolare funzioni sempre”, aggiungono.

10. Il mondo è complicato.

Molti fattori influenzano l’effetto delle misure.

fiorire. Un paese con più risorse finanziarie ha anche una migliore assistenza sanitaria. Una migliore assistenza dovrebbe salvare più vite con una grave malattia di Covid.

Tempo. Il grado di restrizioni nei paesi è costantemente cambiato durante la pandemia. Molto dipende dal tempo che scegli di misurare. Questo è un obiettivo in movimento, affermano i ricercatori dietro il modello di Oxford.

obbedienza. Avere una regola non implica il rispetto di essa. Non sappiamo quanti nei paesi interessati abbiano ignorato regole importanti.

11. La morte è sfuggente.

Tuttavia, resta un punto importante in tutte le incertezze e diversi studi sono giunti alla stessa conclusione Gruppo di ricerca francese A Parigi e Tolosa lo scorso inverno:

Ha aggiunto: “La gravità delle misure adottate per combattere l’epidemia, compresa la chiusura, non ha dimostrato di essere collegata alle morti”.