TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le piccole fiches sono diventate grandi Politica: "La nostra posizione era molto ingenua e aperta".

Le piccole fiches sono diventate grandi Politica: “La nostra posizione era molto ingenua e aperta”.

Secondo Thierry Breton, l’Unione europea deve ora affrontare gli squilibri che si sono verificati e che stanno attualmente causando l’interruzione della produzione di molti dei principali produttori di automobili dell’UE a causa di carenze. Ciò avverrà raddoppiando la produzione di patatine nell’Unione Europea nella regione entro il 2030.

Attualmente, in linea di principio, il mondo intero dipende dai chip prodotti nel sud-est asiatico, in particolare a Taiwan, dove si trova il prodotto leader mondiale TSMC. Tuttavia, non è sempre stato così: nel 1990 l’Unione europea aveva il 44% dell’energia globale, prima di scendere al 10% oggi. Taiwan, Corea del Sud e Giappone rappresentano attualmente il 60% della produzione. Tuttavia, Taiwan in particolare è diventata geopoliticamente interessante e controversa nella guerra commerciale tra l’Occidente e la Cina.

Notevole trasformazione nelle catene di approvvigionamento Il chip era qualcosa che aveva conseguenze per i vettori e secondo alcuni scritti storici un giorno mise fine ai progetti di telefonia mobile di grande successo di Ericsson e Nokia. La preoccupazione tra i politici ora è che l’importante industria automobilistica in Europa dovrà affrontare la stessa sorte a causa delle catene di approvvigionamento sfavorevoli dei prodotti di chip.

Vogliamo tornare alla nostra precedente quota di mercato nella produzione per garantire le esigenze del nostro settore. Thierry Breton, che prima della sua carriera politica era l’amministratore delegato della multinazionale francese ATOS informatica e società di telecomunicazioni France Telecom, ha detto che la nostra posizione era ingenua e molto aperta.

La Commissione europea mira ad avere la quota dell’Unione europea del mercato globale in linea con circa il 20 per cento dell’offerta globale totale entro il 2030. Finora, 22 dei paesi del blocco hanno firmato una lettera di intenti.

READ  Ricercatore: È positivo che i clienti con contratti fissi di energia elettrica ricevano supporto

Tuttavia, è necessario il supporto per rendere tutto questo possibile, supporto che arriverà attraverso i partner sotto forma di aziende come TSMC, soprattutto per quanto riguarda la produzione della tecnologia più recente sotto forma di un futuro nodo 2nm oggi. Con questa tecnologia, TSMC ha già investito anni di ricerca costando miliardi di dollari per raggiungerla finalmente.

– Per raggiungere questo obiettivo, vogliamo e dobbiamo farlo in collaborazione. “Questo è fondamentalmente un progetto lunare”, ha detto Thierry Britton all’agenzia di stampa.

Anche alle aziende americane piace Intel ha sostenuto i piani dell’Unione europea e ha promesso di costruire fabbriche nella regione. La produzione a 7 nm è già in espansione in Europa (più lenta dei futuri chip a 2 nm).

Tuttavia, il fatto è che gli strumenti necessari per sviluppare la tecnologia dei chip in futuro sono disponibili solo in formato ASML olandese, il che significa che gli stabilimenti di chip nel sud-est asiatico e negli Stati Uniti coesistono con l’Europa. I prodotti molto più avanzati di ASML richiedono licenze di esportazione e non sono ancora stati venduti ai produttori di chip cinesi, che sono diventati una leva per la superiorità tecnologica degli Stati Uniti e dell’Europa.

Leggi di più: La forte carenza di microchip potrebbe colpire l’economia globale