TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pochi ricevono sostegno quando un membro della famiglia muore a causa di un arresto cardiaco

La perdita di un familiare o di una persona cara è una delle esperienze più stressanti nella vita di una persona. Nei parenti stretti, la perdita può avere un impatto significativo sulla salute mentale e fisica. Nonostante ciò, attualmente manca un sostegno strutturato per i parenti nell’assistenza sanitaria. Per essere in grado di sviluppare tale supporto è necessario conoscere le reazioni dei parenti in lutto, afferma Nina Carlson, ricercatrice presso la Linnaeus University.

La tristezza non diminuisce con il tempo

La sua tesi mostra che una grande percentuale di coloro che le sono vicini prova un dolore prolungato, cioè una tristezza che non diminuisce nel tempo, ma anche ansia e depressione dopo una perdita improvvisa. Ma la cura spesso non riesce a soddisfare i bisogni dei propri cari. Tra i parenti stretti intervistati, l’86 per cento ha risposto di non aver ricevuto alcun sostegno dai servizi sanitari.

I parenti possono descrivere che il supporto ricevuto dal personale durante la fase di emergenza è stato utile, ma può esserci un vuoto dopo la morte in cui i parenti mancano di supporto nel tempo e descrivono il non sapere a chi rivolgersi per ricevere supporto.

Contatto fisso mancante

Una spiegazione è che in caso di morte improvvisa, spesso manca un solido contatto tra i parenti e le cure che si basano su di loro. È responsabilità dei parenti chiedere sostegno, cosa che non tutti possono fare.

Questo può essere un compito troppo impegnativo, e quindi le persone in lutto rischiano di essere lasciate con il peso di complesse reazioni di lutto. La storia è una parte importante per i parenti che devono adattarsi alla vita senza la persona deceduta. I parenti hanno descritto nelle interviste che può essere difficile capire le reciproche reazioni al dolore e che i parenti non volevano appesantire gli altri con il loro dolore.

READ  Nuovo sistema sui sintomi alla base dell'infezione da COVID-19

È necessario un supporto organizzato

Nina Carlson ritiene che l’assistenza sanitaria debba fornire un supporto strutturato ai parenti. Almeno a ogni parente stretto dovrebbe essere offerto di chiedere al personale del sistema sanitario di rispondere alle domande esistenti.

Le conversazioni di follow-up sono importanti per diversi motivi. Riduce le domande con i parenti, allo stesso tempo perché offre l’opportunità al caregiver di determinare la necessità di ulteriore supporto dei parenti.

– In caso di arresto cardiaco improvviso e morte, i parenti lasciano molte domande. Per capire cosa è successo e non rimanere coinvolti in pensieri bloccati, è importante essere in grado di porre le tue domande e avere le risposte disponibili. Queste possono essere domande su cosa succede quando una persona ha un infarto, o sulla paura che essa stessa soffra di malattie cardiache o che qualcun altro soffra. Può ridurre l’ansia di esaminarti. È qui che si possono trarre lezioni dalle cure palliative.

Sulla base di un approccio palliativo, è inclusa la responsabilità dei parenti stretti.

L’assistenza è adattata alle esigenze del paziente e dei parenti. Non dobbiamo inventare la ruota, ma possiamo imparare dai buoni esempi.

Diventa più difficile se i decessi si verificano fuori dagli ospedali

Ci sono anche molti buoni esempi di sostegno dei parenti legati anche alle cure di emergenza, ad esempio nei casi in cui una persona di sostegno speciale rimane nella fase di emergenza e si prende cura di parenti stretti.

– Ma in particolare nel caso di decesso fuori dall’ospedale, può esserci un divario, soprattutto se prima non c’erano contatti per l’assistenza. Anche noi nel settore sanitario abbiamo bisogno di essere educati e formati su come implementare un focus sulla famiglia e conoscere la necessità dei parenti di supporto in relazione all’arresto cardiaco. Nina Carlson ha detto:

READ  Grave obesità nei diciottenni legata alla fibrillazione atriale -

In caso di arresto cardiaco improvviso, è importante che sia i parenti che il personale abbiano l’opportunità di affrontare l’accaduto. Attraverso gli sforzi di formazione, i dipendenti possono sentirsi più a loro agio nel parlare della morte e nell’affrontare problemi esistenziali. In futuro mi piacerebbe vedere una qualche forma di parte complementare della formazione sulla RCP con un focus sulla condizione dei parenti.

ipotesi:

tristi reazioni nei parenti delle persone morte a causa di un arresto cardiaco improvviso, Università Linneo.

Contatto:

Nina Carlsson, dottoranda e infermiera autorizzata, [email protected]