TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pertanto, l’intelligenza artificiale sta rallentando la chiusura delle centrali elettriche a carbone

La chiusura di circa 20 centrali elettriche a carbone negli Stati Uniti è stata rinviata.

la ragione? Il grande bisogno di elettricità per le sale server.

In soli tre anni, l’intelligenza artificiale consumerà tanta elettricità quanto tutta la Svezia.

“Avremo bisogno di molta più energia nel mondo di quanto pensassimo in precedenza”.

Queste le parole di Sam Altmans, il controverso CEO di OpenAI, il cui ChatGPT è diventato in breve tempo un fenomeno globale. Si è presentato a Davos e non ha torto: secondo Boston Consulting Group il consumo di elettricità sarà nelle sale server americane Triplicato Entro la fine dell’attuale decennio rispetto ai livelli del 2022.

L'elettricità consumata corrisponderà quindi a circa il 7,5% del fabbisogno elettrico del Paese.

In soli tre anni l’intelligenza artificiale potrebbe consumare la stessa quantità di elettricità Come tutta la Svezia – Circa 134 terawattora. (Un terawattora è come dimenticare la stufa per un’ora – volte un miliardo.)

“Non abbiamo bisogno di trasformare tutto questo in qualcosa di più grande di quello che è adesso”, dice Alex de Vries. L'analista dei dati dietro lo studio. “Ma i numeri che ottengo non sono piccoli.”

Google afferma già che l’intelligenza artificiale rappresenta dal 10% al 15% del suo consumo annuo di elettricità di 2,3 terawattora. Ci sono aspettative che l’intelligenza artificiale possa essere un consumatore 3,5%. Il fabbisogno elettrico mondiale entro il 2030.

“Ancora non comprendiamo i requisiti energetici di questa tecnologia”, afferma Sam Altman.

READ  Fallimento dopo lo shock di bilancio in Italia

Per lui questa è la domanda cruciale per il futuro: come possiamo raggiungere questo obiettivo? Grandi quantità di energia?

Le centrali elettriche a carbone vivono

Il nostro fabbisogno energetico è enorme e attualmente oltre il 60% della produzione mondiale di elettricità proviene da combustibili fossili. Non c’è quindi dubbio che l’elettricità necessaria per alimentare l’intelligenza artificiale potrebbe aumentare le emissioni globali di anidride carbonica nei prossimi anni.

A Kansas City, Meta di Mark Zuckerberg, la società dietro Facebook e Instagram, sta attualmente costruendo una sala server e Panasonic sta costruendo una fabbrica dove i robot assembleranno le batterie delle auto elettriche. Entrambi i progetti fanno parte della “più forte crescita della domanda di elettricità degli ultimi decenni”, secondo l’amministratore delegato della società energetica locale Evergy.

Risultati? Lo rende noto la società Ciò ritarda il pensionamento La centrale elettrica a carbone, in funzione dagli anni ’60, funzionerà fino al 2028, cinque anni dopo il previsto.

E questo non è un esempio isolato: per circa 20 centrali a carbone dal Kentucky al Nord Dakota, il boom tecnologico ha rinviato lo smantellamento.

Insufficiente

Ma nel lungo termine, l’energia prodotta dal carbone è destinata a fallire, almeno nel mondo occidentale. La domanda di tecnologie energetiche “pulite” in tutto il mondo sta avendo gravi conseguenze sull’uso dei combustibili fossili, e carbone, petrolio e gas naturale potrebbero già raggiungere il picco in questo decennio. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia la quota dei combustibili fossili sta diminuendo Di circa l'80%. nel mix energetico globale – dove è presente da molti decenni – al 73% nel 2030.

buone notizie? Sì, ma è lungi dall'essere sufficiente. Ciò si traduce nella detonazione forzata del limite di 1,5 gradi.

READ  L'Interflora svedese compie 100 anni - ed è stata inghiottita da un gigante francese: "eccitante"

Ciò significa che entro la fine del secolo la temperatura mondiale sarà compresa tra 2,5 e 3 gradi più calda. Ciò a sua volta significa forse 5-6 gradi in Svezia e 10 gradi nell’Artico.

Che aspetto ha questo mondo?

Bunker alle Hawaii

Questo è qualcosa a cui stanno pensando anche Mark Zuckerberg e Sam Altman.

Si dice che Zuckerberg stia costruendo un enorme progetto Miliardi di complessi Alle Hawaii, ovviamente con un gigantesco bunker sotterraneo.

Altman è più ottimista: “Ho delle strutture, ma non le definirei un bunker”. Lui dice Senza essere più preciso.

In un giornale Il New Yorker Nel 2016 fu più schietto:

“Ho armi, oro, ioduro di potassio, antibiotici, batterie, acqua, maschere antigas dell’esercito israeliano e una vasta area di terra a Big Sur dove posso viaggiare”.

Esiste qualche fondamento per il sogno febbrile dei miliardari di fuggire in nascondigli remoti?

Proprio la risposta a questa domanda potrebbe essere decisiva per il futuro.