TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Operazione israeliana con ostaggi a Gaza: almeno 50 persone uccise

Operazione israeliana con ostaggi a Gaza: almeno 50 persone uccise

Lunedì mattina presto Israele ha lanciato diversi attacchi aerei su Rafah nell'ambito di un'operazione di salvataggio, nella quale è riuscito a liberare due ostaggi di Hamas.

L'Associated Press ha descritto l'azione come “un piccolo ma simbolicamente importante successo per Israele”.

– Le loro condizioni sono stabili e stiamo continuando le indagini, ha detto Arnon Avik, portavoce dell'ospedale dove sono stati accolti gli ostaggi.

Luogo di rifugio

Rafah si trova nell'estremo sud della Striscia di Gaza, al confine con l'Egitto, ed è diventata un rifugio per i palestinesi in fuga. Si dice che in città si trovino fino a 1,4 milioni di sfollati interni, senza nessun altro posto dove andare.

Questi eventi avvengono dopo che il presidente israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato l’evacuazione della città in preparazione ad un attacco di terra.

Un gran numero fu ucciso

Ci sono diversi resoconti sul bilancio delle vittime degli attacchi che hanno accompagnato l'operazione di salvataggio, ma gli ospedali locali hanno detto a Reuters che almeno 50 palestinesi sono stati uccisi.

L'esercito israeliano conferma di aver effettuato attacchi contro la città, ma non commenta i numeri che partiti indipendenti non hanno potuto verificare.

Secondo le autorità israeliane, a Gaza rimangono circa 130 ostaggi. Tuttavia, si ritiene che almeno 30 di loro siano morti, molti dei quali, secondo Hamas, sarebbero morti durante gli attacchi aerei israeliani nelle ultime 24 ore.

READ  Ode è stata contrassegnata come la chiave della controffensiva ucraina nel sud