TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo vincitore della Indycar: Ericsson Tia

– Questa è la macchina migliore che ho guidato! La squadra ha fatto un ottimo lavoro e Vichai ha esultato, muovendosi nel cerchio del vincitore. È stata una festa in lacrime con i genitori che sono stati in grado di venire a vedere il successo del figlio. Dall’inizio del settimo circuito alla vittoria.

Gli europei hanno dominato la gara e hanno rubato l’intero podio al Nord America. Roman Grosjean è arrivato secondo dopo uno sforzo impressionante nella sua unica terza regia nella serie. Il francese era in testa, superando 44 giri su 85. Ora Grosjean non poteva davvero eguagliare Veekay fino in fondo, e nemmeno la parte superiore del magazzino non era al top. Grosjean ha comunque fatto una rimonta forte dopo il brutto incidente alla fine di F1 dello scorso anno a causa di gravi ustioni alle mani. Lo spagnolo Alex Palo è arrivato terzo.

Marcus Erickson ha preso la bandiera del goal al 10 ° posto dopo essere partito dalla 15 °. È stato notato che il team ha affinato il lavoro nel magazzino dopo errori precedenti che sono costati molto tempo e spazio nella serie. Anche se l’ultima tappa è costata gli investimenti, è stato senza dubbio un passo nella giusta direzione. Erikson era in stretto contatto con l’americano Brian Hertha dopo 18 giri di porta. L’Hertha è finito sull’erba dopo aver spolverato con lo svedese alla settima curva ed è stato al 13 ° posto in porta. Marcus ha inseguito il compagno di squadra Scott Dickson, in Nuova Zelanda, alla fine, ma il sei volte campione ha resistito e ha concluso al nono posto e ha continuato a guidare la serie.

READ  TV: Scene selvagge di gioia - quando la Francia alza la Dent Nations League

Un po ‘deluso per il fatto che abbiamo perso posti alla fine. Ma guidare oggi è stato divertente e l’auto era abbastanza buona. Ora abbiamo qualcosa su cui costruire per il futuro, dice Marcus a SVT.

Pendenti fantasma di qualità

Tuttavia, il fantasma che si qualificava perseguitava ancora Erikson e Rosenvist che trascorse un’altra giornata pesante al lavoro. Felix ha concluso diciassettesimo dopo aver perso dopo un inizio di gara promettente partendo al tredicesimo posto.

Ora inizia un’intensa carriera svedese di due settimane a Indianapolis. Tra due settimane si deciderà la gara classica della Indy 500. In primo luogo, la formazione e le qualificazioni attendono il ring. Un punteggio più alto potrebbe mettere a posto molte cose dopo una brutta rimonta nel torneo. Erikson ha 11 anni nel sommario mentre Rosenqvist ha 18 anni.

Linus Lundqvist si è assicurato che fosse un successo svedese questo fine settimana quando ha vinto le sue prime qualificazioni a Indy Lights. Nelle qualificazioni finali, Lundqvist è arrivato quinto ed è nettamente secondo nel torneo, a 11 punti dal compagno di squadra David Mallukas degli Stati Uniti.