TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovi libri sul pioniere nero WEB Du Bois

Nella rivista economica Bloomberg BusinessWeek, un consulente di Bain & Company, una grande società di consulenza di Boston, parla della grande tendenza nel mondo degli affari in questo momento: “La diversità è il nuovo numero digitale”. La diversità è il nuovo numero digitale. Il consulente ritiene che Bain, che ha guadagnato miliardi grazie alla consulenza sul passaggio al digitale, consideri ora la diversità come la prossima principale fonte di reddito. Che il consigliere stesso sia bianco potrebbe dire lui stesso.

L’antirazzismo si è ampliato e aumentato nell’ultimo anno. Anche la comunità imprenditoriale degli Stati Uniti sta ora compiendo incredibili tentativi per affrontare il razzismo che sembra aver appena scoperto. È un passo avanti nell’antirazzismo coinvolgere più persone che mai, ma rischia anche di minimizzare l’importanza del dibattito sul razzismo.

In The Guardian, la giovane autrice Yaa Gyaasi afferma che gli scrittori contro il razzismo si sono “trasformati in strumenti di auto-aiuto” per i bianchi.

Negli Stati Uniti, vediamo esattamente questo La borghesia bianca che ha preso parte con entusiasmo alle manifestazioni dopo la morte di George Floyd l’anno scorso, stabilendosi nei quartieri con le scuole più disperse degli Stati Uniti.

Nelle roccaforti liberali come New York e Washington, le famiglie bianche con bambini pagano milioni per vivere in distretti scolastici dove solo i bambini hanno compagni di classe bianchi. Nei ricchi quartieri di New York, viene organizzata la “Veglia contro il razzismo”, in cui gli ospiti hanno la possibilità di fare un passo indietro dal loro lavoro stressante sedendosi in cerchio e riflettendo lontano dai loro privilegi bianchi. Certamente un’esperienza terapeutica, ma probabilmente il razzismo dovrà essere combattuto con alcune misure concrete.

READ  Zuckerberg risponde alle accuse

Forse è per questo che sono tornato alla letteratura WEB Du Boi l’anno scorso. In ogni caso, è difficile immaginare un autore che possa essere un miglior contrappeso alla banale affermazione di un consulente Bain.

Abraham Lincoln annunciò il rilascio di tutti gli schiavi, a partire dal 1 gennaio 1863.

Foto: Alamy

Per fortuna, non è successo Ci sono stati molti buoni libri da leggere su Du Bois. Negli ultimi anni sono stati pubblicati non meno di undici nuovi libri su di lui, mentre molti dei suoi classici sono apparsi in nuove edizioni con introduzione e articoli con voci contemporanee pionieristiche contro il razzismo.

WEB Du Bois è stato uno scrittore, storico, sociologo e pensatore pubblico che è diventato un pioniere nella ricerca sul razzismo negli Stati Uniti all’inizio del secolo scorso. Ha pubblicato più di trenta libri e centinaia di articoli, poesie e opere teatrali.

Du Bois è stato il primo sociologo nero a pubblicare pubblicazioni scientifiche e il primo americano di colore a conseguire un dottorato di ricerca presso l’Università di Harvard. Per 80 anni professionalmente, ha pubblicato i suoi libri che hanno aperto la strada al moderno vocabolario contro il razzismo. È impossibile capire gli Stati Uniti contemporanei senza leggerli.

Du Bois è nato nel 1868 Nel Massachusetts occidentale, tre anni dopo la fine della guerra civile. Apparteneva alla prima generazione di neri a risorgere dopo la schiavitù. È diventato sociologo perché era convinto che la statistica e la scienza fossero gli strumenti più efficaci per denunciare e combattere il razzismo. Metodicamente e pazientemente, ha mappato la matematica del razzismo, rendendola più chiara di qualsiasi altro ricercatore.

Il razzismo era presente anche in un momento in cui il bambino smette di respirare tra le tue braccia

Quando si è trasferito in Georgia nel Sud America per studiare, ha visto con i suoi occhi la brutalità dell’apartheid. In un saggio memorabile, ha scritto di una vetrina in cui un negozio vendeva una mano mozzata da un uomo di colore recentemente giustiziato – un souvenir da mostrare a chi decide nel sud.

Durante i suoi anni in Georgia, suo figlio maggiore, Burghart, è morto, appena un anno. I medici bianchi nello stato non volevano curarlo. È stata una tragedia personale e politica. Il figlio è diventato vittima del razzismo in Georgia. Du Bois era convinto che non fosse possibile misurare il razzismo non solo in numeri e grafici, ma anche nelle storie di vita personale, nei nostri momenti più intimi. Il razzismo era presente anche in un momento in cui il bambino smette di respirare tra le tue braccia.

Nella nuova introduzione a Il classico di Du Bois Black Spirits di Abram Kennedy mostra come gli anni nel Du Bois meridionale e nel lungo periodo abbiano cambiato anche la storia letteraria americana. Dubois aveva detto all’inizio che il razzismo poteva essere trattato solo con “più conoscenza e scienza”. Ma anni dopo, in Georgia, scrisse invece che non era più sufficiente essere “un mondo sano e neutrale, mentre i neri vengono giustiziati, uccisi e affamati”.

Vide la distanza accademica della sociologia insufficiente per suscitare un impegno reale. Invece, voleva scrivere con il record emotivo della finzione, i ritratti della poesia e il lamento dell’attività.

Così ha sviluppato una forma letteraria ibrida, che gli ha permesso di essere uno studioso e attivista per i diritti civili. Nelle classiche raccolte di saggi come “Black Spirits”, “Dark Waters” e “Dusk of Dawn”, ha combinato il personale, l’erudito, l’intimo e l’universale.

Quando nell’autunno della sua vita fu nominato dottore onorario all’Università Humboldt di Berlino, fu proprio motivato dal fatto di aver raggiunto “una combinazione unica di ricerca scientifica e attivismo politico”.

Di tutti i nuovi libri su Du Bois, uno

Di tutti i nuovi libri su Du Bois, la “linea di discendenza” preferita di Martin Gellin è Kwame Anthony Appiah.

Nuovi libri Se Du Bois riflette accuratamente questa ampiezza di pensiero. In “Visualizing Black America”, di Princeton Architectural Press, sono stati compilati i disegni innovativi di Du Boi, che ha aperto la strada a un nuovo linguaggio di design per fornire statistiche sul razzismo e la discriminazione. Una nuova biografia di Du Bois, scritta da Elvira Basevich e Reiland Rabaka, a sua volta afferma il femminismo e la sua lotta per il suffragio femminile. Quando ha fondato la NAACP, che fino ad oggi rimane la più importante organizzazione per i diritti civili neri, si è ispirato alla National Association of Women of Color, fondata da Ida B. Wells e Harriet Tubman quindici anni fa.

Nella mega raccolta di libri su Du Bois, il mio preferito è “Genealogy: WEB Du Bois and the Emergence of Identity” di Kwame Anthony Appiah. Mentre molte delle biografie di Dubois tentano di stiparlo in una sezione ideologica o disciplinare, suo padre sposa invece quella che chiama “schizofrenia disciplinare” da Dubois. Scrive che Du Bois “ha inventato un nuovo modo di scrivere sul razzismo negli Stati Uniti”, combinando l’autorità di uno studioso accademico con il potere emotivo esplosivo della testimonianza personale. È uno stile di prosa ben noto per molti dei grandi scrittori americani neri che hanno seguito le orme di Du Bois – da Ellison e Baldwin a Morrison e Coates.

I razzisti americani non hanno mai fatto una distinzione tra politica dell’identità e politiche di ridistribuzione economica. Sarebbe quindi irragionevole che gli antirazzisti dividessero una simile scissione.

Appiah, egli stesso uno dei principali filosofi del nostro tempo, crede che Du Bois abbia inventato un nuovo modo di scrivere sull’identità nera. Oggi, politica dell’identità è un termine usato quasi esclusivamente dai suoi critici. È spesso descritto come una distrazione, un mucchio di banali babysitter e discussioni su Twitter sulle nomination agli Oscar. Ma Du Bois ha mostrato che la politica dell’identità è nata per parlare di esecuzioni extragiudiziali, uccisioni di massa, colonialismo e tortura. Si tratta di uomini di colore nel sud che sono stati uccisi perché cercavano di votare. Cent’anni dopo, i tredicenni sono stati uccisi dai proiettili della polizia.

Eppure vediamo costantemente come il termine “politica dell’identità” venga usato per attaccare il moderno antirazzismo.

Sono Scriver Financial Times Di solito il visionario Simon Cooper: “Dimentica la politica dell’identità – l’economia ora è la cosa più importante”. Ma è una falsa contraddizione, basata su un malinteso che ci sarà una trincea tra la politica dell’identità e una sorta di realpolitik “seria”, che riguarda l’economia, le infrastrutture e le condizioni materiali.

I razzisti americani non hanno mai fatto una distinzione tra politica dell’identità e politiche di ridistribuzione economica. Non fanno distinzione tra le molestie quotidiane e il razzismo strutturale espresso nella politica abitativa, nella politica criminale e nella politica fiscale. Sarebbe quindi irragionevole che gli antirazzisti dividessero una simile scissione.

La letteratura di Du Boy ci ricorda che gli Stati Uniti interi rimangono un mistero, un labirinto impenetrabile di contraddizioni, per chiunque si rifiuti di vedere come il razzismo abbia lasciato il segno su quasi tutti i cambiamenti politici critici dalla guerra civile. Gli schemi che ha descritto si ripetono più e più volte.

Una volta una certa quantità I neri ottengono l’accesso a un’istituzione pubblica negli Stati Uniti ei bianchi iniziano a fuggire o provocano rivolte violente e sabotaggi. I conflitti oggi sembrano diversi da come erano ai tempi di Du Puy, ma sono lo stesso razzismo. A New York, i genitori bianchi stanno trasferendo i loro figli piccoli con più entusiasmo che mai nei distretti scolastici con la percentuale più bassa di studenti neri. A Washington, il Congresso sta attaccando nel tentativo di salvare un presidente razzista che ha perso le elezioni per 7 milioni di voti. In Georgia, i politici bianchi con espedienti sempre più sofisticati stanno cercando di impedire ai neri di votare. Man mano che l’elettorato diventa meno bianco, aumentano gli attacchi al sistema di voto stesso.

C’è un’eco degli avvertimenti di Du Bouy secondo cui la democrazia non può sopravvivere se gli Stati Uniti non riescono a domare il razzismo come forza politica.

Leggi altri articoli e recensioni scritti da Martin Gillin