TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ayatollah: i commenti di Zarif “un grosso errore”

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif si scusa con i parenti di un alto comandante militare dopo che una registrazione audio trapelata ha causato il panico tra l’élite al potere. Il leader supremo del paese, l’ayatollah Ali Khamenei, ha descritto le dichiarazioni trapelate di Zarif come un “grosso errore”.

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif durante una visita a Mosca a gennaio.immagine: Ministero degli Esteri russo tramite AP / TT

Il generale Qassem Soleimani, che comandava la Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie, è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi nel vicino Iraq lo scorso anno.

Nella registrazione audio con Zarif, che è stata pubblicata dai media fuori dall’Iran lo scorso fine settimana, il ministro degli Esteri lamenta che le azioni di Soleimani e dell’esercito a volte contraddicono la strategia che Zarif ha seguito su varie questioni diplomatiche.

Il leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, va alla televisione di stato per attaccare con veemenza il ministro degli esteri dopo la pubblicazione. Khamenei ha descritto le accuse di Zarif sulle Guardie Rivoluzionarie come “un grosso errore che i rappresentanti della Repubblica Islamica non dovrebbero fare”.

Khamenei non ha menzionato Zarif per nome, ma è chiaro in questo contesto che si sta rivolgendo al ministro degli Esteri. Khamenei ha detto che l’ayatollah non pronuncia le parole: “Alcuni di questi commenti sono una ripetizione di dichiarazioni maligne fatte dai nostri nemici che riflettono la retorica americana”.

Le dichiarazioni trapelate hanno acceso un acceso dibattito in vista delle elezioni presidenziali di giugno e dei colloqui in corso a Vienna, poiché Iran e Stati Uniti cercano di concordare di rilanciare l’accordo nucleare internazionale che mira a impedire all’Iran di acquisire armi nucleari nel nazione. Scambio di sanzioni.

READ  La Corea del Nord critica gli Stati Uniti per "falsa diplomazia"

Zarif ha scritto su Instagram, dove ha chiesto scusa al popolo iraniano e alla famiglia Soleimani: “Se avessi saputo che una parola di loro (le registrazioni) sarebbe stata pubblicata, non l’avrei detta”.

Muhammad Jawad Zarif ha confermato che i commenti nella registrazione “non sminuiscono la posizione del martire Soleimani o il suo ruolo insostituibile”.

Realtà

Iran

La Repubblica islamica dell’Iran è in realtà una dittatura religiosa, nonostante ci sia un parlamento eletto dal popolo e un presidente eletto dal popolo. Il capo del governo è il presidente Hassan Rouhani, mentre la suprema autorità religiosa, l’ayatollah Ali Khamenei, è il capo di stato e leader del Paese.

Il paese ha una popolazione di poco più di 84 milioni (2020), la maggior parte dei quali sono musulmani sciiti.

Il regime iraniano filo-occidentale è crollato nel 1979 a causa di una rivoluzione antiamericana e ha dichiarato la Repubblica islamica “lo stato di Dio”. Dal 1980 al 1988, l’Iran è stato in guerra con il vicino Iraq e le tensioni erano spesso alte tra il regime di Teheran, in particolare gli Stati Uniti e Israele.

Il prodotto di esportazione più importante del paese è il petrolio, che, insieme all’industria mineraria e manifatturiera, rappresenta oltre il 40% del PIL.

Fonte: Manuale nazionale / interfaccia utente, Johns Hopkins University