TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove scoperte possono migliorare la diagnosi e il trattamento del cancro al fegato

Lo studio, condotto presso il Karolinska Institutet, contribuisce ad aumentare le conoscenze che potrebbero portare a diagnosi e trattamenti contro il cancro migliori in futuro.

Gli IncRNA sono lunghe molecole di RNA non codificanti

Il nostro genoma fornisce alle cellule del corpo le istruzioni che determinano la funzione altamente specializzata di ogni tipo di cellula. Le informazioni vengono trasmesse utilizzando due diversi tipi di molecole di RNA: RNA codificante, che converte il DNA in proteine, e RNA non codificante, che non produce proteine.

Poiché le molecole di RNA non codificanti non producono proteine, in passato non è stato fatto molto su di esse, nonostante il fatto che circa il 97 percento delle molecole di RNA nel nostro corpo non siano codificanti. Tuttavia, alcune proteine, chiamate proteine ​​leganti l’RNA, hanno dimostrato di svolgere un ruolo importante, tra le altre cose, nel cancro perché possono influenzare molte proprietà diverse delle molecole di RNA.

Utilizza la tecnologia CRISPR

Con l’aiuto del materiale tissutale donato dai pazienti con HCC, siamo stati in grado di identificare sia la parte codificante che quella non codificante del nostro genoma per identificare le proteine ​​​​leganti l’RNA che sono altamente presenti nelle cellule HCC. Abbiamo scoperto che molte di queste proteine ​​interagiscono con un tipo di lunghe molecole di RNA non codificanti, chiamate lncRNA, afferma Claudia Kotter, ricercatrice del Dipartimento di microbiologia, biologia dei tumori e delle cellule, Karolinska Institutet e autrice principale dello studio.

Il team di ricerca ha condotto uno studio più dettagliato di una specifica combinazione di una proteina legante l’RNA (CCT3) e una molecola di lncRNA (LINC00326). Utilizzando la tecnologia CRISPR avanzata, sono stati in grado di ridurre e aumentare la quantità di proteine ​​e lncRNA per vedere come questo influisca sulle cellule tumorali. Con l’aumento di lncRNA, i depositi lipidici nelle cellule tumorali sono diminuiti e la crescita delle cellule tumorali è rallentata nello stesso momento in cui un gran numero di cellule tumorali è morto. Dopo studi in laboratorio, i risultati sono stati confermati anche in vivo.

READ  L'infezione nell'adolescenza può aumentare il rischio di sviluppare la SM |

geneticamente modificato con CRISPR9. tazza Significa che è possibile trovare i geni in modo molto preciso, rimuovendo o aggiungendo parti al DNA degli organismi. Parte del complesso – enzima 9. tazza Sono le “forbici” che tagliano il DNA e un’altra parte – l’RNA – funge da “etichetta del titolo” e fa sì che il taglio avvenga nel posto giusto.

La terapia a base di RNA del futuro

I risultati dei ricercatori forniscono informazioni sull’interazione tra le proteine ​​che legano l’RNA e le molecole di lncRNA e contribuiscono a una migliore comprensione scientifica del loro ruolo nella tumorigenesi.

Le attività della coppia CCT3-LINC00326 possono infatti essere utilizzate nella diagnosi e nella prognosi dell’HCC. Conoscere questa particolare coppia è solo l’inizio e ci sono molte altre strutture di proteine ​​che legano l’RNA e molecole di lncRNA che vogliamo approfondire. A lungo termine, potrebbe contribuire a nuove terapie efficaci come la terapia a base di RNA che si concentra solo sulle cellule malate e quindi potrebbe ridurre gli effetti collaterali, afferma l’autore principale dello studio Jonas Norskov Sondergaard, ricercatore nel gruppo di ricerca Kotter.

Materiale scientifico:

L’asse CCT3-LINC00326 regola il metabolismo dei lipidi epatici, (Jonas Norskov Sondergaard, Christian Sommerauer, Ionot Atanasway, Laura C. Henty, Kee Ging, Julia Gueducci, Lars Protegam, Miriam Owade, Lovorka Stojic, Isabel Barrajan, Claudia Kotter), Intestino.

Chiamata:

Claudia Kutter, PhD, Ricercatrice presso il Dipartimento di Microbiologia, Oncologia e Cellula, Karolinska Institutet, [email protected]

margine:

La ricerca è stata finanziata da Knut and Alice Wallenberg Foundation, Ruth and Richard Julin Foundation, SFO-SciLifeLab Fellowship, Swedish Research Council, Lillian Sagens e Kurt Erickson Research Foundation, Gösta Milton Voluntary Fund, China Grants Council, KI-KID Funding, Swedish Infrastructure National Computing (SNIC), donazioni Nilsson-Ehle, Barts and London Charity, Cancer Research UK, AIRC Fellowship for Abroad, Stiftelsen Tornspiran e Svenska Läkaresällskapet.

READ  Fa bene alla salute perché il ciclo funzioni, nonostante i gas di scarico