TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Non giustifica quello che ha fatto Zlatan”.

Martedì faceva caldo tra Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku. I due hanno litigato nel derby di Coppa tra Inter e Milan, misurandosi entrambi sulla fronte. Tra le altre cose, Zlatan chiamava Lukaku “il tuo asinello” e si dice che Lukaku abbia detto cose offensive sulla moglie dello svedese. Entrambi i giocatori sono stati avvertiti di non litigare e nella ripresa Zlatan ha ricevuto il suo secondo ammonimento ed è stato espulso.

Venerdì il tecnico del Milan Stefano Pioli parlerà dell’accaduto.

– (Zlatan) si rammarica di essere stato espulso, ma è pronto e inseguito per la partita di domani, secondo Futbol Italia.

“Chiama tua madre, fai qualcosa di vudù” Abbiamo anche sentito dire più volte lo svedese.

Secondo Football-Italia, tre anni fa c’è una situazione dietro le parole, quando il proprietario dell’Everton, Farhad Moshiri, disse che Lukaku si era rifiutato di prolungare il suo contratto a causa di una pubblicità voodoo.

Anche la dichiarazione ciarlatana di Zlatan ha suscitato reazioni, spingendo Ibrahimovi a rilasciare una dichiarazione sui social media.

Ha scritto su Twitter: “Nel mondo di Zlatan non c’è posto per il razzismo. Siamo tutti della stessa razza, siamo tutti uguali. Siamo tutti giocatori, e alcuni di noi sono migliori di altri”.

Bioli sviluppa il suo pensiero su quanto accaduto alla Borsa di Milano:

– Quello che è successo non è stato piacevole. Non scuso Zlatan, ma cose del genere succedono. Ibra sicuramente non è razzista e ora è il momento di smetterla di parlarne. Dice di essere sempre stato in prima linea nella lotta alla discriminazione.

Un cartellino rosso di Zlatan non significa che sia squalificato in campionato e quindi sarà a disposizione sabato in visita a Milan, Bologna.

READ  Elfsborg recluta un giovane tiratore dalla Norvegia

Puoi guardare la partita tra le due squadre su C More Football e cmore.se. Calcio d’inizio alle 15:00.