TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Neurologo: “Corriamo a morte”

Quando la neurologa Anja Smits pulisce un vecchio computer, trova una bozza dimenticata di un testo. Le ha fatto venire voglia di iniziare seriamente a scrivere il romanzo corsia tranquilla chi è fuori adesso. Un romanzo ispirato alle persone che ha incontrato e alle esperienze vissute durante la sua lunga carriera di ricercatrice e di medico.

Tutti gli incontri che hai avuto in questi anni e il difficile ambiente di lavoro in cui siamo stati, in qualche modo devi ricavarne qualcosa. Dopo di che, ho capito che scrivere era un metodo di meditazione e guarigione.

Ho tempo per scrivere

Anja Smits ha lavorato per molti anni come neurologa a Uppsala, ma si è trasferita a Göteborg cinque anni fa come professore presso il Dipartimento di Neuroscienze e Fisiologia. Fu allora che trovò il tempo per scrivere: divenne vedova erborista perché suo marito rimase a Uppsala per alcuni anni fino al suo pensionamento.

– Ho passato una serata e ho scoperto quanto fosse divertente, ho fatto fatica a fermarmi. Ho sempre amato scrivere ma non ero sicuro di poterlo fare in svedese perché non è la mia lingua madre. Ma ora, avendo vissuto qui metà della mia vita, è più facile con il linguaggio.

Ha scritto molti articoli scientifici nel corso degli anni e per lei è stata la parte più interessante della ricerca. Scrivere romanzi è più libero e più gioioso, mentre si fa attenzione a assicurarsi che i fatti siano veri.

Cresciuto a Rotterdam

Anja Smits ha alle spalle oltre 30 anni come medico. Viene dall’Olanda dove è cresciuta nella città costiera di Rotterdam con i suoi genitori e la sorella. I suoi genitori appartenevano alla generazione della guerra che da giovani non ha avuto l’opportunità di continuare a studiare. Ma per la generazione successiva, quella porta fu aperta e Anja fece domanda a Leida per studiare medicina.

READ  Linea di suicidio: "Le vacanze di Capodanno che ci preoccupano di più"

– Lo desideravo da molto tempo, anche se non lo dicevo da bambino. Sono stato attratto dalla combinazione di lavoro con le persone e la scienza.

Per caso è finita in Svezia. Quando mi sono laureato come medico alla fine degli anni ’80, era difficile trovare un lavoro nei Paesi Bassi. Suo marito, astronomo, voleva lavorare come post-dottorato all’estero e ha assunto la posizione di assistente di ricerca presso l’Osservatorio di Uppsala e Anga.

Non ho mai voluto rinunciare alla ricerca

La Svezia all’epoca non faceva parte dell’Unione Europea e Anya Smits, in quanto immigrata, aveva difficoltà a trovare lavoro come medico. Ma conosceva un ricercatore olandese presso il Ludwiginstitutet Cancer Research Laboratory, che l’ha presentata al suo capo e alla fine ha conseguito il dottorato di ricerca.

– È stato un periodo così meraviglioso, non mi rendevo quasi conto di quanto fossi fortunato a finire lì. È successo tutto in quel laboratorio. Questa esperienza mi ha fatto non voler mai rinunciare alla ricerca da quando sono diventato medico.

Poi Anya Smits ha studiato il fattore di crescita PDGF, che all’epoca era poco conosciuto. Era noto per essere importante per la crescita fisiologica delle cellule, ma è stato anche scoperto che è presente in vari tipi di cellule tumorali. Ha trapiantato piccoli globuli e ha utilizzato una tecnica che le consente di studiare la crescita del PDGF direttamente nel tessuto umano.

Dopo la sua difesa nel 1992, ha scelto di tornare a diventare medico. Non è stato molto interessante iniziare una carriera di ricercatore con l’incertezza di dover navigare tra i lavori. Poiché la sua ricerca riguardava il sistema nervoso, era naturale che si specializzasse come neurologa.

READ  La sostanza segnale nel test delle feci non significa necessariamente malattia intestinale |

Lavorare in laboratorio è molto interessante, ma non è stato conveniente per me lavorare a tempo pieno in laboratorio.

Lavoro duro e gratificante

Oggi si occupa di neuro-oncologia e divide il suo tempo tra lavoro clinico, ricerca e insegnamento. È un lavoro duro ma molto gratificante, con pazienti con tumori cerebrali che il team di assistenza persegue in molti casi per tutta la vita.

Il suo gruppo di ricerca studia principalmente pazienti con gliomi di basso grado che crescono lentamente ma possono evolvere in tumori aggressivi. Studiano domande come: perché questo cambiamento avviene più tardi in alcuni pazienti? Perché alcuni rispondono meglio al trattamento? Perché alcune persone hanno difficoltà a tornare al lavoro mentre altre possono vivere come al solito dopo l’intervento chirurgico?

Queste sono domande importanti che affrontiamo nella vita clinica quotidiana e cerchiamo di rispondere. Disponiamo di un ampio database di materiali clinici, campioni di sangue, campioni di tessuto e immagini. Quando sono arrivato a Göteborg è stato come stendere un tappeto rosso, vieni e inizia a guardare. È psicologicamente difficile quando si tratta, ad esempio, dei giovani, ed è la ricerca che significa che c’è speranza.

Molti anni di esperienza di cui beneficiare

Anja Smits ha avuto molti anni di esperienza da cui attingere quando ha scritto il suo romanzo. Ha voluto mostrare come può essere lavorare in un grande ospedale universitario con una struttura complessa che significa essere sotto il controllo sia dell’accademia che della regione, oltre a gestire il lavoro con i pazienti.

in questo libro corsia tranquilla Incontra due persone: il ricercatore David, che risulta avere un tumore al cervello, e Mitt, il suo medico curante presso la clinica oncologica. Entrambi stanno attraversando un periodo difficile nella loro vita e nei ruoli professionali, ed entrambi si sentono su strade silenziose, sia letteralmente che figurativamente. Percorrendo questi corridoi infiniti per il suo trattamento, sente la cultura del silenzio radicata nei muri che cerca di combattere.

READ  Un nuovo studio spiega il legame tra diabete e infezioni del tratto urinario

Il libro non è un’autobiografia, ma mi sono ispirato alle mie esperienze. Ho ricevuto feedback che molte persone conoscono.

Vuoi mostrare la cultura del silenzio

Anja Smits vuole mostrare una cultura del silenzio in cui non parla sempre apertamente di questioni delicate. Potrebbe trattarsi di un processo che non sta andando bene o di come gestire una conversazione con un paziente gravemente malato.

Oppure sperimenta che si parla alle tue spalle, che ci sono leggi non scritte e che è difficile entrare a far parte della comunità. Oltre al concorso in corso per servizi e sovvenzioni. Tutto ciò crea facilmente una cultura in cui i dipendenti non si sentono al sicuro.

Invece di una comunicazione aperta, dice Anja Smits, c’è la tendenza a cercare di risolvere i problemi attraverso una maggiore gestione. Se c’è una cosa a cui vorresti che il libro potesse contribuire, è ridurre l’onere amministrativo e creare invece una cultura di conversazioni libere e oneste su ciò che è difficile sul lavoro.

– Stiamo correndo verso la morte. È triste con quanti sistemi amministrativi lottiamo e quanto tempo ci dedichiamo. Penso che le persone abbiano paura di commettere errori e di coprirli segnalando e documentando. Se qualcuno avesse il coraggio di dire basta, sarebbe un sogno!